Pagina:Assedio de Venezia.djvu/30

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



XXII.


Qualche volta s'à visto un aquiloto
Zirar in alto ociando un galinasso
Belo e tanfato che ghe svola soto
Come l'andasse per el çielo a spasso.

E lù restrenze el ziro, quel furbasso,
A pian pianin e sora el gh'è deboto;
Finchè, co un svolo picolo e più basso,
Dosso el ghe piomba e st'altro el resta coto.

E cussi l'Austria. Ne le so fortezze
La se xe, vero, refugiada: ma...
Per calarse pò zò quando che sia.

Come un folpo nel Veneto le drezze
La buta per pò strenzerle vìa vìa,
Per tera e mar, atorno a sta çità.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Assedio_de_Venezia.djvu/30&oldid=61802"