Pagina:Assedio de Venezia.djvu/29

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



XXI.


Che respirada no s'à dà, fioi mìi!
Più lizieri in te l'anema e più sgagi
Nù se gavemo, note e dì, sentìi
Cò lori i à tolto suso arme e bagagi.

Gaveu mai visto dei fiori patìi
Farse più driti e assae più vivi ai ragi
Del sol?... E cussì nù, co xe partìi
Quei margnifoni vìa da sti paragi.

I n'aveva lassà, vero, mal messi;
Ma, cò un Governo nostro e manco tasse,
Gerimo nù paroni de nù stessi;

Simben che st'altri quel bocon amaro
D'esser stai cassai vìa pensando i andasse
De farnelo pagar caro, assae caro!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Assedio_de_Venezia.djvu/29&oldid=61800"