Pagina:Amor materno nel dialetto veneziano.djvu/40

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Vardè el mio agneleto;1 no par gnanca de averlo!
el mio agnus Dei
andemo in nana el mio colombo che ti ga un'angonia de sono (agonìa di sonno, morir di sonno) che deboto ti me caschi da la carega
cara la mia vecieta2
ma xelo gnanca bon el mio marzapan
el mio bon paston - el mio pan de Spagna - la mia pasta frola
la mia bontà
el mio fasiolon
el mio pampalugheto3
el mio pandòlo4
el mio macaron
el mio parpagnaco
el mio turlulù
oh ma che potifa che ti xe, fia mia!
oh ma che molifa!
la mia talpeta
el mio martufo
el mio boazzo
el mio marzocheto
el mio sempieto
el mio mincion

  1. Però non tutti i bambini son vivi ad un modo; ce n'ha anzi di natura così mite e pacifica che son tanti agnellini, non par neanco di averli!
  2. Oh dove volete trovare una bontà di creatura compagna? Pare una vecchierella!
  3. Qualche volta poi son buoni buoni buoni perchè lo sono tre volte. Ma dopo tutto meglio un demonio che uno scimunitello (pampalugheto).
  4. Un minchione; e minchioni, vedi grazia di Dio! anche i cinquanta che seguono.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Amor_materno_nel_dialetto_veneziano.djvu/40&oldid=61698"