Pagina:Amor materno nel dialetto veneziano.djvu/39

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ma ti xe el gran berechin sastu!
ti xe la gran bardasseta
vien qua, baronzèlo
vardèlo sto frugnon cossa ch'el m'ha fato1
vardèlo sto fufignon2
tuto el m'ha rebaltà sto futignon3
intrigon de fio
tuti sgranfignoni sti fioi - ma care quele sgrinfe4
caro quel fureghin! - caro quel biseghin!
caro quel pastizzon, quel paciugon, quel potacion, quel sbrodegon
caro quel rampeghin5
caro quel bègolo!6
caro quel sbergnifon7
caro quel furbon - elo gnanca un boconçin de furbo?
caro quel bufon - caro sto matarana
caro el mio ridòtolo8
caro el mio cortesàn
caro quel spiritin - caro el mio spiriton
caro quel bordelon
ciò, ti me sfendi la testa col to bàter, sa, sussuron
caro quel çigalon
caro quel ciacolon - quel squaquaron - quel sbarbatolon

  1. Oh questo frugone (frugnon) che caccia le mani dappertutto.
  2. Guardatelo quel fufignon che rovista di qua e dì là.
  3. La è poi finita così: che, povera donna, le ha mandato tutto a soqquadro!
  4. Nello sgraffignare tutti eguali questi figliuoli: e però per la mamma, care quelle granfie!
  5. Che vorrebbe arrampicarsi di qua e di là.
  6. Frugolo, che non sta mai fermo.
  7. Scaltro.
  8. Che ride facilmente, ch'è un giovialone.