Pagina:Amor materno nel dialetto veneziano.djvu/38

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


che impiastro!
che cauterio!
che bisso!
che demònio!
che inferno descaenà!
che pèle!
che dìta!
che serpente!
che piagio, che piagesso!1 - che pìtima!
che secantin!
quelo ch'el vol el vol sto tangarèto!
aspeta a mi, bruto muschieto; in bota (subito) da la nona vado a dirghelo
gastu capio, beconèlo?2
gastu capio diavolin, de star un pocheto fermo; cossa gastu, la taràntola?
— oh comare mia, che peste de fio! — Carne che cresse no pol star ferma, benedeta..

  1. Che seccatore.
  2. Nabisso, insolente.