Pagina:Amor materno nel dialetto veneziano.djvu/32

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


el mio scartozzeto - scartozzeto de pèvare
el mio pètolo - el mio petoleto - el mio petuzzo
la mia mènola1
cosa gala che la pianze, la mia anguèla?2
la mia frignòcola3
el mio bigoleto4 - el mio subiòto5
el mio schito6
ti vol star in senton, el mio stuèlo7
cossa galo, el mio pòvaro mostricieto?8
dighelo a la to mama; dove xe che te dol, la mia carogneta?
ti xe là un fil perdente, anema giusta!9
come ti xe ridoto el mio scancànico10
cossa galo el mio viso da compassion?

  1. Pesciolino (maena vulgaris Cuv.) dal corpo allungato di cui si ciba la povera gente. A questo proposito senti un po' le principali qualità di pesciolini minuti e triviali, che chiamasi pesce da gatti, ma che mangia anche la povera gente per l'appunto, combattendo in tal guisa co' gatti la lotta per l'esistenza; duro a dirsi ma vero! Eccotele raccolte da un buon pescatorello di Burano: tabari - noni - ciodi - spari - tamburini - paciaràte - marìdole - garizzi - musiduri - angoli - boc'in cao - galìe - gatorùzole - trèmoli - donzele - omeni nui - mènole - pontarioi.
  2. È un umile pesciolino (atherina bepsetus Lin.), che non ha niente di comune coll'anguilla (bisato) come il nome parrebbe indicare.
  3. Buffetto.
  4. Un vermicello! E dire che ne mangi dodici in una cucchiaiata!
  5. Anche questa una specie di pasta fatta a guisa di cannoncino.
  6. Cacherello.
  7. È una povera madre, il cui figliuolo molto ammalato vorrebbe star seduto (star in senton) sul suo lettino, anzichè coricato. Ed è cosi intristito che lo rassomiglia ad un stuelo, cioè a quel piccolo coperchino di latta con cui si spegne il lume.
  8. Mingherlino, affamatuzzo.
  9. Ossa e pelle.
  10. Come sei ridotto, il mio sparutino!