Pagina:Amor materno nel dialetto veneziano.djvu/28

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


care ste tetine
cari sti bichignòli - sti cavielèti1
cara sta panzeta caro sto culeto - caro sto bobò - sto martin - sta brasiòla - sto tabàro - sto chitarin - sta bussola - ste do ciapète - cari sti do spigoli de agio - ste culatine2
cari sti brazzeti
cari sti polseti
care ste manine - care ste sgrinfone, tute rosse, povareta!3
cari sti deolini
care ste ongiète
caro sto bimbìn4
care ste cossatine
care ste gambète
care ste pupolete - ste pupolòte
cari sti penini
cara sta ànara - sta nanarela5
cara la mia cogometa
mo vardèlo in che stati el mio verdolin6
povareto el mio cugùmero7

  1. Capézzoli.
  2. A chi non è avvenuto di veder la buona mamma mentre è intenta a pulire la sua creatura baciarla su un punto o l'altro dell'adorato corpicino; e di sentirla profferire secondo il punto baciato, l'una o l'altra di queste invocazioni?
  3. Faceva un freddo indiavolato; ed una mamma così diceva alla sua bambina portandola all'Asilo dei Lattanti mentre avea gli occhi su quelle manine rosse rosse e intirizzite. Qui ci sarebbe un bozzettino degno del tuo pennello, caro Favretto!
  4. Vedi bagarin.
  5. Che ha i fianchi sporgenti, e nel camminare ricorda l'anitra.
  6. Lo dicono quando il bambino è intristito da malattia. Povera mamma! Con quel pallore sulla faccia, le par di vederselo fin verde dai patimenti!
  7. O le sembra un citriuolo, tanto ha la faccia scolorita.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Amor_materno_nel_dialetto_veneziano.djvu/28&oldid=61684"