Pagina:Amor materno nel dialetto veneziano.djvu/27

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


caro sto copin - cara sta gnucheta
caro quel muso da basi - quela musana - quel museto
caro quel bàbio1
caro quel bel frontespizio - quela mutria
caro quel viso da formagièla2
caro el mio mustazzon3
caro quel viseto da Sant'Isèpo
cari quei ocioni - quei oci baroni - cari quei sporteloni - cari quei oci buleghini - quei oci de fogo - quei oci furbi - quei oci da galiòto - quei oci che sfiàmega
cara quela schizzeta - benedeto el mio schizzon - la mia bela schizza - la mia napa de camin4
caro quel bochin - bochin de zucaro - bochin de miel - boca da basi
cari sti bei lavreti
caro quel barbuzzo
cari quei dentini
cara sta scafeta - sta sbezzoleta5
care ste reciete
care ste spalete - ste spalote
cari sti pomoleti6
caro sto petesin

    in modo che le rammenta un tignoso. Tegnoso da le ghebe allude a una vera epidemia di tigna che ci fu una sessantina d'anni fa negli abitanti delle isole lungo i ghebi (canaletti) della laguna come alle Vignole, a San Erasmo ecc. e che dominò per qualche tempo ostinata in que' siti del nostro estuario.

  1. Visino.
  2. Che ha il viso schiacciato, come ha la forma schiacciata quella specie di cacio, per lo più fornito dal latte di capra, che si fa nell'autunno.
  3. Caro quel faccione; e mutria vale lo stesso.
  4. Naso schiacciato.
  5. Mento allungato ed arricciato.
  6. Le estremità delle spalle