Pagina:Amor materno nel dialetto veneziano.djvu/26

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


El mio moro - moreto - moracion - moreto de Morea
el mio ciocolatin1 - caro el mio negron - caro el mio negro fumo - caro sto muso da castradina infumegada - muso da fritola brusada - el mio negro American
el mio biondo - biondin - biondon
el mio rosso - el mio rossetto2
el mio rizzèto3 - el mio rizzon de Dio
caro quel sguardon - quel gambareto4 - el mio trevisan5
cara sta testina - sta testa da avvocato (testa grande)
cari sti cavei - caro el mio peòco6 - caro el mio zazzaron7
caro el mio tegnoso - caro sto tegnoso da le ghebe8

  1. Lo rassomiglia alla cioccolata, dal colore molto bruno.
  2. È noto che molti dei caratteri antropologici rilevati dalla nuova scuola penale nei delinquenti nati, ve li rilevò anche il popolo registrandoli ne' suoi proverbi e ne' suoi canti; come dimostra Cesare Lombroso in uno stupendo capitolo del suo bel libro: Pazzi ed anomali (Città di Castello L. Lapi edit. 1866). Il pelo rosso per esempio non è neanco pel nostro popolo indizio d'animo buono; leggi infatti ne' suoi proverbi che «rossi de mal pelo çento diavoli per cavelo» — che «gnanca i caponi rossi no xe boni» — che «cavei e barbe rosse poche ghe n'è e manco ghe ne fusse». Ora io ho udito tante e tante volte la nostra popolana far al suo bambino: Vien qua moreto, vien qua biondìn; ma vien qua rosseto, senza che lo preceda il mio, mai e poi mai; quasi a significare che se anche sei rosso, sei mio e tanto basta. Del resto «a ogni simia (oh sgarbato d'un adagio!) ghe par bei i so simioti», e in Toscana: «All'orsa paion belli i suoi orsacchini».
  3. Ricciutello.
  4. Rubicondo.
  5. Quand'ha tanto bella ciera, che pare sia di Treviso, dove di faccie fresche e sane, ch'è un piacere a vederle, ne trovi ad ogni passo.
  6. Che è senza capelli.
  7. Che ha gran zazzera.
  8. Che ha i capelli tagliati molto brevi o come suol dirsi alla Fieschi,
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Amor_materno_nel_dialetto_veneziano.djvu/26&oldid=66216"