Pagina:Amor materno nel dialetto veneziano.djvu/25

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


caro quel sbasucion
la mia partìcola
el mio bombon
cara la mia galantarìa
la mia alegrezza
el mio rosèr1
el mio fior de primavera
la mia romana2
cara la mia spia3
caro el mio rufianon - el mio rufia undese4
caro el mio bastardon
cara sta fegura porca
el mio brigante ti xe5
el mio strigon ti xe6
caro quel sassin
bondì el mio bogia
el mio sbiro
benedeto el mio naton d'un can
care le mie strazze7

  1. Roseto, chè soltanto rose dai alla tua mamma.
  2. Bella come una matrona romana.
  3. Gli dice spia, perchè è sempre con lei, vede tutto quel che fa, la segue dappertutto.
  4. È bellissimo; la gli vuol dire che colle sue grazie, colle sue carezze, colle sue seduzioni le fa fare tutto quello ch'ei vuole.
  5. Sei il mio brigante, perchè fai di me quel che ti piace; sono alla tua mercè tanto è il bene che ti porto.
  6. Il mio ammaliatore, il mio fattucchiero.
  7. Cari que' quattro cenci in cui sei dentro.