Pagina:Amor materno nel dialetto veneziano.djvu/24

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


fa nana, benedeto - benedeto da la Madona1
bambin de Dio, ecola qua la mama - bambin Gesù
la mia speranza - speranza del mio cuor
el mio bàgolo2
el mio zogàtolo
el mio piàvolo
el mio buratin
el mio pantalon - el mio brighela - el mio trufaldin - el mio arlechin
caro quel bombon
la mia spumiglia
vien, el mio belo - la mia belezza - la mia bela belezza
caro quel sol
caro quel splendor
la mia maravegia
caro el mio firmamento
vien qua, el mio paradiso
velo qua3 el baston de la mia veciezza
caro el mio bisù! Proprio me bìscola el polmon a vèdarte!4

  1. È noto il fervido culto de' Veneziani per la Madonna fin dai tempi vecchi. «Erano i nostri antichi assai devoti della B. V.» scrive nelle sue Memorie Venete il Gallicciolli. Parecchie chiese, e campi (piazze) e calli (strade) son intitolati alla Madonna; alla Madonna si rivolgono le calde preci in tempi calamitosi d'epidemia; e il grandioso tempio del Longhena eretto al finire della peste del 1630 è sacro a Maria della Salute. I nostri barcaiuoli la campano adesso miseramente, ma i denari pel lumicino della Madonna ci sono sempre. Ora dunque sotto l'egida di qual nome più valido e più sacro potrebbero porre le nostre donne i lor bambinelli, e a qual madre più potente raccomandarli?
  2. Divertimento.
  3. Vedilo qua.
  4. Questa frase è degna di Zola, come di Goldoni che in una delle sue commedie l'ha fatta sua. Io non saprei davvero trovarne un'altra nella lingua italiana che valga con tanta vivezza a significare quella sensazione come di ondeggiamento che senti ne' visceri del petto durante una intima e grande allegrezza.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Amor_materno_nel_dialetto_veneziano.djvu/24&oldid=61680"