No vogio più de ti pensarghe gnente

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 206 modifica]
LIV


No vogio più de ti pensarghe gnente,
Perchè sul cuor ti ga tanto de pelo;
Perchè a la puta che te vien arente
Ti ghe sa per un puoco far el belo;
E inamorada che la sia, pianzente,
Ti la sbandoni, e no ti xe più quelo;
Perchè el tuo cuor xe da lion, o in sasso
Ti lo ga come i rossi de san Basso.


S. Basso è una chiesa attualmente chiusa al culto, posta in sul fianco destro della Basilica di san Marco. Sul piazzale, che sta fra quella ed il gran tempio, v'ha un pozzo, che (dicesi) essere il più profondo nella città. In capo al piazzale stanno due leoni di marmo rosso, detti volgarmente i rossi de san Basso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=No_vogio_più_de_ti_pensarghe_gnente&oldid=42562"