Navigatio Sancti Brendani/43

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Navigatio Sancti Brendani
(versione veneta)
XLIII
traduzion in volgare veneto del '400 del Manoscritto d'Alençon, testo latin del X-XI secolo
XV secolo
←  XLII Edission e fonte ▼

Et andando nu' per questa riviera in qua e in là, nu' trovasemo uno gran flume, lo qual pasava questa isola e partivala dretamente per mezo nì non ne pareva algun ponte. E in quela fiada san Brandan se volse inver li suo' frari e diseli cusì: "Frari mie', questo flume è sì grando per anpleza, che nu' non lo posemo pasar. E perch'elo parte questa preziosa isola per mezo, nu' no posemo plu cercar questi luogi e non podemo ben saver como è granda questa isola. E puo' sì 'nde sé una altra rasion, che Dio non vol che nu' sapiemo nì che nu' invegnemo che sé da questa parte. Ben avemo tante cose vezudo e sapudo e tocado che ne può ben bastar".

E como elo ave dito cusì, elo li vene incontra uno molto belo zovene ben vestido e molto adorno, e iera molto plasevele criatura da veder, tuto frisiado de gran frisi d'oro, con piere preziose e con asè man de àsiole e con splegeti e vegnando cantando dolzementre una plasevele canzon da oldir e aveva uno sparvier in man. Elo li saludà molto cortesemente e puo' li abrazà e basiàli per la boca con granda alegreza e menzonàli tuti per nome e si desmentegà niente, como s'elo fose stado senpre con eli. E puo' dise questo verso de saltierio: Beati omnes qui habitant in domo tua, domine, quoniam in secula seculorum laudabunt te. Et: [Exulta] et lauda habitatio Sion, quia (magnus) in medio tui sanctus Israel.

E como elo ave cusì dito, elo dise cusì a san Brandan: "Amigo mio e servo de Dio, questa si è la preziosa isola e amorosa, la qual vui avé requerida per molto tenpo de dì e de note e per asè mesi e ani e avé 'nde durado de gran fadige e con desasio e con molti gran pericoli. Mo benedeto sia Dio, adeso che vui se' asè ben scanpadi e se' stadi pro' e valenti e fermi in la fe' de poder vegnir a conplimento de lo vostro intendimento, e Dio ve ne à asè ben servido e fatove 'nde à a plaser. E perziò non l'avé posuda trovar così tosto, perché Dio volse inprimamentre e mostrarve de diverse cose e de le cose sacrete e meraveie ch'elo à fato in le parte de lo ponente per tera e per mar, de le qual cose vui 'nde avé vezude arquante; mo niente è a le altre che vui non avé vezude e che 'nd'è al postuto. Or ve ne torné ancuomè indriedo con la navesela vostra, e andéve 'nde in la vostra tera, donde vui ve partise, o' che vui se' usadi a star longo tenpo, e là ve conplì la vostra penetenzia a l'onor de lo salvador, che ve renderà bon incanbio. Sì che biadi vui quando vui nasiesi in questo mondo! E de lo vostro tornar indriedo a la tera vostra, onde servì a Dio e a queli de lo monestiero et anche ad oltri, seràlo gran consolazion et a lo corpo e a l'anema. E de queste cose, le qual è in questa isola così bela, e cose così bone e cusì preziose tolé 'nde seguramentre quante vui volé e cargé 'nde ben la nave vostra sì como ve plase. E se vui savé cognoser le plu preziose geme, de quele tolé 'nde tante co' vui podé tegnir e dar a chi ben ve parerà, e seràve meio quelo che vui diré de quelo che vui avé vezudo e trovado in questo vostro viazo. Or avé vezudo in vostra vita per gran grazia da Dio lo che sé in la tera de promision de li santi e in quelo Paradiso prezioso in tera che Dio inplantà in lo comenzamento de lo mondo, quando elo se mese a increar le cose, et in quelo orto de le dilizie, lo qual lo de' in varda a lo primo omo che ave nome Adamo; e quando 'nde lo mese, elo li comandà ch'elo goldese a soa voia de ogna cosa e rezese como elo vol e tuto fose so, 'zeto uno alboro molto belo che portava pome; e in quelo li comese e comandàli che al postuto non lo diebia tocar nì de lo pomo manzar, mo de ogna cosa golda a la soa volontade. E quelo (dì) ch'elo ne lo mese, elo pecà e pasà lo so comandamento; e ananti volse obedir a lo priego che fe la muier, soa dona Eva, che lo inganà malamentre, non li abiando ofendudo, ch'el non volse obedir lo comandamento de lo signor Dio che lo avea fato e increado a la soa inmagine e a la soa similitudine et avevali dado tanti beni a golder. Elo ave plu tema de ofender a la femena soa ch'a Dio che iera signor de intranbi do e de tuto lo mondo; vero è che ela lo tradì molto vezadamentre, onde elo no 'nde stete se no mezo dì con quela soa muier, zoè la doman per tenpo infina nona e non plu; e como elo fo pasado nona, lo Signor, sapiando questo falo, andà da lu' e represelo de ziò ch'elo avea fato contra lo so comandamento. Et elo, se scusiando, de' la colpa a la femena che i lo fe far, onde vegando lo signor ch'elo avea così forte falido e non se 'nde clamà in colpa, mo sì la dava a la dona e diseva: 'Ela me lo fese far', et elo li cazà fuora tuti do, siando nudi. E da ch'eli fo fuora, elo li vestì e de'-li indoso una peliza bela nuova a ziascun e puo' li comandà ch'eli devese lavorar e viver de lo so sudor e de le suo fadige da mo' inanti. Puo' comandà a uno anziolo ch'elo vardase ben lo luogo, ch'eli non tornase dentro nì altri 'nde posa intrar senza parola, e cusì dapuò elo fo ben vardado tute fiade, e puo' lo defende uno gran coldo lo qual non può nesun sofrir, s'elo non fose per divin miracolo. Ond'è per spizial grazia che Dio ve à fata che vui 'nde se' posudi vegnir e lo agnolo non ve l'à vedado. Mo' ve digo cusì ch'elo è vegnudo lo dì de la vostra partision e che vui ve parté de qua e debié tornar a lo vostro monestier, e là ve staré infina tanto che Dio ve clamerà a si per via de morte. E dapuò ch'elo serà pasado molti tenpi e ani driedo la vostra fin, diràse questo fato de vui e de questa tera (e questa tera) serà manifestada a li vostri sozesori e spizialmentre quando elo comenzerà ad eser la persecuzion de li cristiani per lo Ancicristo. E questo flume grando, lo qual vui vedé, parte questa isola per mezo e è 'nde senpre tal luse e no note alguna fiada nì algun caligo nì nesuna perturbazion. E questo presente luogo, segondo natura, si è senpre plen de ogno ben, et abonda li fruteri e li fruti aserbi e maduri e sta 'nde suso per ogno tenpo; e la luse de questa isola si è luse de Cristo e no de sol nì de luna, e perziò no 'nde vien note per nesun tenpo".

Puo' li dise cusì: "Io son uno de li donzeli de Dio e àme mandado qua da vui per vederve e perché vui vedé mi e ch'io ve parla. E da soa parte ve digo ch'elo ve plaqua de tornar in la vostra patria, de la qual vui ve partise con intenzion de trovar e de veder quele cose che vui avé vezudo e trovade per spizial grazia de Dio. E de ziò ve podé clamar contenti de queste cose che vui avé vezudo. Vardéve dananti e da driedo e da ogna parte e vederé che tuta la tera de questa isola è de ogna maniera de geme e tolé 'nde tanto como ve par. Ancora ve digo che questa isola si è plena de geme preziose de ogno color; tolé 'nde, ché vui avé ben parola de tuor 'de, e se vui ne tolé, elo ve porà zovar".

E como elo ave cusì dito, de presente elo se partì in tal muodo, ch'eli non lo vete plu, e san Brandan comandà a li suo' frari ch'eli debia seguramentre tuor de li fruti de questa isola de ogna maniera e toia de le geme de ogna maniera e toia 'nde quele ch'eli voi. Et eli cusì fe, et abiando questo fato, eli domandà conbiado a lo procurador che iera là con eli e sì montà su la so nave con li suo' frari et in lo nome de Iesù Cristo comenzà a navegar ver ponente, et in piziola ora eli azonse a lo caligo così grando ch'eli trovà l'altra fiada et andà per mezo eso et andando per lo spazio de tre dì, eli fo fuora de lo caligo: eli vete lo sol e ave la so luse e non vete plu l'altra sì gran luse et eli ave da mo' inanti dì e note. E como eli fo fuora per lo spazio de una ora, eli vene a una isola la qual vien clamada l'isola de le dilizie e là eli stete arquanti dì con molta consolazion, inperch'el (i) iera tante bele cose e bone e stranie da le altre, che no se trovava inn-altre parte, che no à luogo dirlo, perch'elo non seria ben crezude e seria tegnude sinplitade. Et in lo quarto dì, in nome de Dio e de bona ventura, eli se partì de quelo luogo; e la nave abiando senpre bon tenpo, lo non zesà dapuò infin tanto ch'elo fo retornado san e salvo in la soa patria onde elo iera partido con eli.

E così, abiando rezeudo la benedizion de lo (procurador, lo) biado san Brandan per dreta via con li suo' munegi in quatro dì eli tornà in lo so luogo, e tuti quanti iera sani e salvi e beli e grasi e plu zoveni ca quando eli se partì, stagando in lo dito de queli che li vete. Et eli così tosto como eli fo zionti a la soa riva de lo so luogo, eli comenzà a cantar aliegramentre questi salmi: Te deum laudamus; puo' dise salmizando: Ecce quam bonum et quam iocundum habitare fratres in unum; puo' dise: Lauda Ierusalem dominum, lauda deum tuum Syon; puo' dise: Benedicite omnia opera; puo' dise: Benedictus dominus deus Israel, quia visitavit et fecit redemptionem plebis sue. E sì tosto como eli ave comenzado lo canto de Te deum laudamus, tuti queli de lo monestier se levà prestamente et andà a veder questi cantadori e ben cognosè lo so abado e tuti li altri e rezevèli graziosamentre e fazandoli devota reverenza. Et elo li de' la so benedizion a tuti e puo' li rendè pasie.

Et elo per la soa santitade ancuò eli priega Dio per mi e Dio me dia grazia de far bona fin de l'anema e de lo corpo e puo' priega Dio per tuti queli che lege questa soa leienda e per chi l'olde volentiera la soa istoria a l'onor de Dio e de lu' che fo bon omo, santo e onesto regilioso fina lo tenpo de la soa fanzia defina lo dì de la soa morte. Amen.

Deo gratias amen.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Navigatio_Sancti_Brendani/43&oldid=42527"