Navigatio Sancti Brendani/19

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Navigatio Sancti Brendani
(versione veneta)
XIX
traduzion in volgare veneto del '400 del Manoscritto d'Alençon, testo latin del X-XI secolo
XV secolo
←  XVIII Edission e fonte ▼ XX  →
Qua aparse a li frari tre puovoli e uno de li frari ne romase vivo

Et andando via per lo mar, eli vete in do dì una isola molto lonzi da si, e lo abado li dise: "Vedé-u quela isola ch'io vego da lonzi?". Ed eli li respose e dise de sì. Ed elo li dise: "Che 'nde vedé-vu'?". Ed eli li dise: "Nui vedemo tre puovoli, zoè tre conpagnie de zente che sé in quela isola. E una conpagnia si è de fenti pizoli, e la segonda si è de omeni zoveni, la terza si è de omeni vechi". E lo abado li dise cusì: "Io ve fazo asaver che uno de li nostri frari romagnerà in questa isola con una de queste zente". E li frari lo comenzà a domandar: "Di' 'nde, misier, a nu' qual è quelo che 'nde die romagnir in questa isola". E como eli stete in un altro rasionar et elo li vete star li suo' frari molto grami, et elo li mostrà qual iera lo frar e dise cusì: "Questo è lo frar che die romagnir in questo luogo con una de queste conpagnie". E lo frar stete tuto stenido; e iera uno de queli frari che vene driedo san Brandan e che intrà in nave e partìse da lo monestier e li qual lo santo no fese menzion quando elo fo in nave la prima fiada.

E avisinando eli a l'isola, la nave s'acostà per si a lo lido e l'isola iera molto basa e de gran pianura, onde ela non iera plui alta de l'aqua de lo mar, e non iera alguna piera nì alboro nì erba nì altra cosa che podese eser movesta dal vento. Questa isola iera molto granda e bela e iera tuta coverta de graneli d'ua madura; e de questi graneli tal iera de color zalo como stopazo e tal iera de color inviolado como ingranata e tal iera de color blanco como neve. E dentro una conpagnia e l'altra iera spazio de tera vuoda con' uno trato de piera che se geta con le man, e ziascuna conpagnia cantava molto dolzementre e soavemente e non se partiva de luogo, e quando una cantava le altre tasieva, mo quando una aveva dito uno so verso e l'altra li respondeva digando quelo verso insteso e non calava de dir; e questo si è lo verso ch'eli diseva: Ibunt sancti de virtute (in virtutem) et videbunt deum deorum in Syon. La conpagnia de li pùeri s'iera vestidi de vestimenta blanca como late, la conpagnia de li zoveni s'iera vestidi de color tal como ingranata, la conpagnia de li vetrani s'iera vestidi de lo color de lo stopazo, e tute queste vestimente iera fate a muodo de cote da gagi da Vanzielio, tuti infrisiadi de frisi anpli e de gramite in asè parte.

E quando eli zonse a lo porto, elo iera la quarta parte del dì; e quando elo fo là, una de le conpagnie comenzà, segondo como io è dito, per tre fiade, e puo' comenzà a salmiziar, digando ziascuna conpagnia lo so verso. E li salmi fo questi: Deus misereatur nostri; deus in nomine; credidi propter quod locutus sum, e una orazion. A terza diseva questi salmi: Legem pone michi domine; deus in adiutorium meum; credidi propter, e la orazion. A sesta dise: Fundamentum eius; qui confidunt in domino; dilexi quoniam, e la orazion. A nona dise: De profundis; ecce quam bonum; lauda Ierusalem, e la orazion. A besporo: Te decet hymnus; benedictus; deus deus meus; laudate pueri dominum, e li cinque Salmi Graudali: e questi diseva signando. E como li aveva conplido de dir la orazion, elo vene una gran nivola blanca e coverse tuta la isola e per questa nivola li frari non pote plui veder queste conpagnie; vero è che eli aldiva li canti ch'eli faseva. Et in l'ora de lo maitin eli sonava cantar tute le conpagnie asunade questi salmi: Laudate dominum de celis; cantate domino; laudate dominum in sanctis suis; benedictus dominus deus Israel; te dominum laudamus. E quando fo li ôrori del dì, elo se clarà l'isola e fo discoverta da la nivola, e l'isola aparse e tute le conpagnie e comenzà a cantar questi salmi: Miserere mei, deus noster; deus deus meus, ad te de luce vigilo; domine refugium. A terzia: Omnes gentes plaudite; deus in adiutorium; dilexi quoniam, e la orazion. E puo' li pareva aver uno grando [agnello] blanco ch'eli faseva sacrifizio de lu'; e fe una benedizion de lu' e comunegàse devotamente. E como eli toleva la comuneganza ad un ad un, tuti dise questo verso: Hoc sacrum corpus domini et salvatoris sanguinem sumite vobis revertentes ad vitam eternam.

E quando eli fo tuti comunegadi da questo benedeto [agnello], e de queli fo do de li zoveni a uno cofano plen de graneli tali de uva madura, e de' questo cofano serado a li frari e dise cusì: "Tolé questa cosa in nave, ch'ela ve tornerà in otulitade". E como eli lo de', li dise cusì: "Tolé de lo fruto de l'isola e de li forti omeni e rendè 'nde lo nostro frar e non dové tegnir l'altru', e puo' andé con Dio e in gran pasie". E in quela fiada san Branda(n) clamà a si quelo frar e diseli: "Da' pasie a nu' e puo' va' da questi che te domanda. Sepi che in bon'ora e' t'ingenerà to pare, da che tu è' degno per merito de tuo bone ovre de star in questa bona zente sì preziosa". E lo frar devotamente de' pasie a tuti. E como elo ave cusì fato digando: "A Dio v'acomando", l'abado dise: "Fiol mio, non te recordes-tu quante grazie Dio ne à dade in questo viazo? Va' con Dio e priega Dio per nui".

E cusì elo se partì e andè via con queli do zoveni a la soa conpagnia, e como fo l'ora de nona e lo abado comandà a li suo' frari ch'eli dovese apariar da manzar e dovese tuor uno de li graneli de lo cofano, ch'elo voleva veder e cercar questa cosa così bela de colori. E (vezandola) eser cusì granda e cusì pesente, sì se fe gran meraveia e dise: "Io no viti mai nì non lo è oldido dir ch'elo fose in lo mondo cotal cosa de uva". L'un granelo è stado sì grando co' l'altro e cusì pesente, mo s'iera deferenzia in lo color de lo scorzo de fuora. E puo' comandà ch'elo li fose aduto uno cadin mondo e balanze, perch'elo vol saver ziò che questa cosa pesa e per veder ziò che sé dentro: elo tropà ch'ela pesa una livra e, ronpando lo so scorzo, che iera groso como suola de cuoro de bo e insiva 'nde un sugo como miel e rendeva molto grando odor e soave, e partì quelo granelo e per peso ne venà a ziascun una onza e ziascun fo sì pasudo per la onza, ch'elo non li ave luogo manzar plui in quelo dì. E puo' fe cusì ogni dì infina li dodese dì e questi dodese dì eli non manzà altra cosa e non bevè e si fo sazii, retignando senpre in boca uno savor de miel. E siando conplido li xii dì e fo conplido li xii graneli che li fo dadi.

E andando via de qua e de là, elo li mancà la vituaria, e in quela fiada san Brandan comandà a li suo' frari ch'eli stia in pasie e stia in orazion devotamente e ch'eli zuna tre dì; e cusì fe.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Navigatio_Sancti_Brendani/19&oldid=42491"