Navigatio Sancti Brendani/18

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Navigatio Sancti Brendani
(versione veneta)
XVIII
traduzion in volgare veneto del '400 del Manoscritto d'Alençon, testo latin del X-XI secolo
XV secolo
←  XVII Edission e fonte ▼ XIX  →
Hic apparuit eis insula in qua steterunt tribus mensibus propter malum tempus

Et andando l'oltro dì eli vete una isola molto lutan da si e molto plena de albori e iera granda e molto bela et eli, prosimando a lo lido de quela isola e desmontando zoso de la nave, eli vete la terza parte de quela bestia che fo morta da l'altra. E in quela fiada li dise san Brandan: "O conpagni, vedé una parte de quela bestia marina che ve volse devorar? E vui devorerì ela e a Dio plase che cusì sia e perzò Elo ve l'à fata gitar in tera. Sapié che vui staré qua asè in questa isola innanti che vui ve posé partir, e questo serà per lo rio tenpo che serà e tosto se torberà. E perziò ve digo viazamente: levé plu inn-alto questa nave e conduséla su la tera e andé zercando uno luogo o' che vui posé tirar lo pavion per star soto".

Ed eli cusì fese. E como eli ave fato tuto questo, lo abado li dise: "Andé da questo pesie che sé su lo lido e taié 'nde tanto e dusé 'nde con vui che ne sia sufizienti a le spese per tre mesi e insalé ben li pezi in nave, e sapié che in questa note che vien elo serà manzado lo romagnente da le bestie salvaze". Ed eli andà, segondo como lo abado li dise, driedo terza infina pasado besporo; e abiando fato tuto quelo che lo abado li aveva dito, eli dise: "Co' poremo nui viver e far cusinato de alguna cosa senza aqua, ché nui non avemo aqua in nave e in questo luogo non par alguna fontana?". E lo abado li dise: "Non ve lagné de alguna cosa: non credé-u ch'ela sia mazor briga a Dio a darne da manzar cha da ber? Sì como elo ve dà (da) manzar, cusì ve darà da ber. Or andé per l'isola inver mezo dì e vui troveré una clara fontana de bona aqua e erbe asè e bone e radise, e vui sì ne tolé asè de quelo che ne à luogo e no 'nde tolé de soperclio".

E andando eli inver quela parte che lo abado li dise, eli trovà ogni cosa e ben fe cusì como elo li dise; e la note se intorbà lo tenpo. E andando de qua e de là e toiando de l'aqua, eli trovà le ose de lo pesie e non altro, e andàse lo tenpo sì malmente torbando de pluoba e de tenpesta, ch'eli stete in quelo luogo tre mesi e plui; e rasionando con lo abado, eli li dise como eli non trovava se no le ose de la bestia et elo li dise: "Io sè che vui ne andase per veder s'elo iera vero quelo ch'io ve aveva dito, e mo' io ve voio dir un'altra cosa che nonn-è ancora, serà ver doman: e se vui voré, vui 'nde porì manzar, in per quelo che lo mar ne giterà fuor si una gran parte de uno pesie molto grando". E siando vegnudo la doman, eli andà a la marina e trovà questa parte de questo pesie grando, lo qual lo mar aveva gitado fuora la note, onde eli ne tolse per manzar tanto quanto li potè portar via.

E siando a pruovo de li tre mesi, l'abado dise una sera: "Frari mie', doman serà uno belo tenpo e l'oltro dì e l'altro, e lo tenpo serà sì abonazado che nui poremo navegar seguramente là o' che ben 'de parerà". E cusì como elo dise, cusì fo la veritade, onde siando pasado tre mesi e iiii dì puo', lo santo fe cargar la nave de cose da manzar e fe inplir li vasieli d'aqua e fe tuor de le radise de le erbe per si, a casion ch'elo non vuol manzar carne nì pesie nì osiela da ch'elo fo fato prèvede. E abiando ben cargada la nave de le cose, eli levà la vela e comenzà andar inver la parte de seterion.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Navigatio_Sancti_Brendani/18&oldid=42490"