Navigatio Sancti Brendani/11

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Navigatio Sancti Brendani
(versione veneta)
XI
traduzion in volgare veneto del '400 del Manoscritto d'Alençon, testo latin del X-XI secolo
XV secolo
←  X Edission e fonte ▼ XII  →
Hic volavit avis super prodam navis et allocuta est sanctum Brandanum

E como elo ave cusì dito planamente, elo se asentà zoso in tera e vardava queste osiele, e una de queste osiele se partì de su l'alboro o' che iera le altre e, volando, le so ale sonava como una canpana e vene verso l'abado che sedeva zoso, e questa osiela se reposava su la proda de la nave e comenzà a destender le ale in segno de alegreza e con belo viso sì vardà lo santo pare fermamente.

E de presente lo santo pare cognosè che Dio s'arecordava de lui e de la soa orazion, e stagando cusì la osiela elo li parlà e dise: "Se tu è' meso de Dio, dime chi tu è' e donde tu è' e che è quele altre osiele e perché 'nd'è cotante ad un". Ela li respose in questo muodo: "O servo de Dio, nui semo de quela gran conpagnia che caziè de zielo con quelo agnolo Luzifero, ch'è nemigo de l'umana generazion; e nui non pecasemo per nui e per cognusimento e per questo nui (non) semo o' che nui fosemo creadi, mo sì semo cazadi fuora con le conpagnie de queli che pecà grievemente. E per quelo che in nui non è quelo pecado, Dio lo qual è nostro signor, ch'è zusto e verasio, per la so misericordia e per la so zustisia e vendeta ne à alogadi in questo luogo defina a la so volontade. Vero è che nui non sostegnimo alguna pena nì alguna cosa: per la presenzia de Dio nu' podemo veder lume e non se podemo partir da la conpagnia de li altri, li qual no se demise e stete fermi. E nui andemo vagizando de qua e de là per diverse parte de lo aiere, soto lo so fermamento, e de la tera sì como fa li altri spiriti, li qual vien mandadi; mo in li santi dì e in lo dì de la domenega nu' rezevemo corpi tal como vui vedé e stemo qua e loldemo lo nostro criator. Sapié ch'el è pasado uno ano che vui se' in questo viazo e sie ani avé ancora a star ananti che vui torné a casa, e ogno ano dové far qua la Pasqua. E in cavo de li sete anni troveré lo luogo che vui andé cercando e avé proponudo in cuor vostro de veder: la tera de promision de li santi".

E come elo ave cusì dito, elo se levà de su la nave e tornà indriedo da le altre in lo so luogo. E como fo l'ora de vesporo, tute queste osiele che iera su l'alboro comenzà a cantar a una vosie, e batandose le ale diseva in so canto dolzementre: Te decet hymnus, deus, in Syon et tibi reddetur votum in Ierusalem; exaudi orationem meam et clamor meus ad te veniat e questo verso fermava per spazio de una ora; e iera aviso a lo abado e a li frari ch'iera con lui che 'l son de le suo ale fose uno soave canto de planto. E in quela fiada san Brandan dise a li suo' frari: "Manzié quanto v'à luogo e che li corpi vostri sia pasudi e saziadi, sapiando che le vostre aneme è pasude de divina grazia". E abiando zenado, eli dise conpleta e puo' andè a dormir fin la terza parte de la note, mo lo santo abado non dormì, mo si veglà e stete in orazion, e quando fo l'ora del maitin, elo li clamà. E sia(n)do levadi suso, eli dise matin e comenzà a dir questo verso: Domine, labia mea aperies; e como li ave conplido de dir lo maitin, e tute le osiele con lo beco e con le ale sonava dir molto soavementre: Laudate dominum, omnes angeli eius, laudate eum, omnes virtutes eius. E così somientementre per lo spazio de una ora diseva al besporo; e como fo l'ôra clara, ele comenzà tute a cantar per prima, digando: Timor domini sit super nos et super timentes te; dominus, initium sapientie timor domini. E in ziascun so canto tegniva uno muodo de canto (per) ingual tenpo de una ora, e a terza diseva questo verso dolzementre: Psallite deo nostro, psallite regi nostro, psallite sapienter, e (a) sesta diseva: Illuminet dominus vultum (suum) super nos et misereatur nostri, e a nona diseva: Ecce quam bonum et quam iocundum habitare fratres in unum. E in questo muodo le dite osiele de dì e de note rendea laldo al nostro signor.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Navigatio_Sancti_Brendani/11&oldid=42483"