Maestri e professori

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Maestri e professori
XX secolo
Edission e fonte ▼
[p. 85 modifica]
MAESTRI E PROFESSORI.


Me passè ne la mente uno per un,
Come de la lanterna nei quadreti,
O mii primi maestri benedeti,
E mi no me discordo de nissun.

E penso a quela volta che putel,
Solo per far bacan vegnivo a scola,
E come un gropo me vien suso in gola,
E rimpianzo quel tempo cussì bel!

E me ricordo i nomi tuti quanti,
E i soranomi che gavevi alora;
Soranomi ridicoli, che ancora,
Faria rider, mi digo, fina i santi...

Oh Pagnarol, oh Cicole in boleta,
Oh Parussola mio co l'ocio storto,
Oh Stropabusi, oh Ciodo, che conforto
Mi provo co ve vedo, e ti Polpeta,

E Fritola, e Buganza, e Susta e Naso,
Che cavre me parevi quela volta;
Vignì quà tuti, che nissun ne scolta,
Ve domando perdon, ve dago un baso!


Nomignoli di professori che il poeta rievoca. Tradotti in italiano, significherebbero: — 1) pagnarol, passero; cicole, non ha alcun significato; dovrebbe essere lo storpiamento di qualche nome proprio — 2) parussola, cingallegra; nell'uso ha anche un significato laido — 3) stropabusi, letteralmente: tura-buchi, cioè uno che rimpiazza, sostituisce un altro in qualsiasi occasione; ciodo, chiodo — 4) fritola, frittella; buganza, gelone, pedignone; susta, molla — 5) cavre, capre, ma dicesi nel senso di persone malvage, di animo cattivo; me parevi, mi sembravate.