Le morbinose/Atto quarto

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
QUARTO ATTO
1758
←  TERZO ATTO Edission e fonte ▼ QUINTO ATTO  →

SCENA PRIMA[canbia]

Camera con tavola per desinare, credenza, ecc.
Servitori che apparecchiano, Tonina, poi siora Felice.


TONINA:
Ànemo, feve onor, e parecchiè pulito.
La tola ben all'ordene fa vegnir appetito.
Pieghè quei tovaggioli con qualche bizzarria.
Feghe un becchetto de anara, un fongo, una galia.
Sentì, sentì, in tel logo dove sta el forestier,
Piegheghe el tovaggiol in forma de cimier.
Sotto el cimier metteghe do vovi de gallina:
Cossa vol dir i vovi, lassè che l'indovina. (Fa cenno colla mano al capo.)
Dove starà la vecchia feghe sto bel scherzetto.
Piegheghe el tovaggiol in forma de cailetto.
Con quel de la parona che xe con nu amorosa,
Formeghe un bel garofolo o un boccolo de riosa
E a sta siora Felice, che gh'ha tanto morbin,
Feghe una bella cuna con drento un fantolin
E a mi se la rason la vien a domandar,
Ghe dirò che vol dir che la vaga a scassar.
FELICE:
Chi ha d'andar a scassar?
TONINA:
Mi no digo de ella.
FELICE:
M'immagino, patrona la sarave ben bella,
Che con mi ve tolessi sta confidenza.
TONINA:
Mi?
La pensa, se de ella parlerave cussì!
FELICE:
Dove xe Marinetta?
TONINA:
Mi no so in verità.
FELICE:
La tola xela all'ordene?
TONINA:
Debotto è parecchià.
La diga: sior Zanetto vegniralo a disnar?
FELICE:
Sempre sto mio marìo vel sento a menzonar.
TONINA:
Co no la xe zelosa, no gh'importerà gnente.
FELICE:
L'ho ditto e el torno a dir, no ve gh'ho gnanca in mente.
TONINA:
E pur chi el sente ello, el sta con batticuor.
Co gh'ho dà da marenda, el gh'aveva timor.
FELICE:
Vu donca stamattina gh'avè dà da marenda?
TONINA:
Mi ghe n'ho dà no credo che de mi la se offenda.
FELICE:
No, fia mia, de ste cosse mi no me togo pena?
Deghe pur da marenda, da disnar e da cena.
Mi no ghe vago drio, no gh'ho sta sinfonia;
Me basta de trovarlo, co torno a casa mia.
E po mi me confido, che nol xe tanto grezo
Che se el vorrà scambiar, nol vorrà farlo in pezo.
TONINA:
Mi son pezo de ella; l'intendo sto sermon.
FELICE:
Chi ha bona recchia, intende.
TONINA:
Brava, la gh'ha rason.
Patrona.
FELICE:
Ve saludo.
TONINA:
(Sì, per farghe despetto,
Voggio mandar a véder, se i trova sior Zanetto.
Finzerò che l'invida la parona a disnar.
Voggio fàrghela véder vôi farla desperar). (Parte.)

SCENA SECONDA[canbia]

Felice, poi Marinetta.

FELICE:
La crede mo custìa de farme magnar l'aggio.
So chi el xe mio marìo, de lu no gh'ho travaggio.
Ma se gnente vedesse che lal mettesse suso,
Oh, no la sa chi sia, ghe sgraffarave el muso.
MARINETTA:
Cossa feu qua, Felice?
FELICE:
Dove xelo l'amigo?
MARINETTA:
El xe de là. Fia cara, son in t'un brutto intrigo.
FELICE:
Cossa vol dir?
MARINETTA:
Per mi so che avè dell'amor.
Voggio contarve tutto, vôi palesarve el cuor.
FELICE:
Anca sì che indovino?
MARINETTA:
Via mo.
FELICE:
Sè innamorada.
MARINETTA:
Poco manco, sorella.
FELICE:
Vardè che gran cazzada!
E per questo? No seu da maridar?
MARINETTA:
Xe vero,
Ma no se sa chi el sia.
FELICE:
Se saverà, mi spero.
MARINETTA:
Se savessi, Felice, come che stago!
FELICE:
Oh via,
Fareu che per amor se perda l'allegria?
No se pol voler ben, e star allegramente?
No me stè a far la matta. Tendème a mi.
MARINETTA:
Vien zente.
FELICE:
Mi, mi scoverzirò...
MARINETTA:
Mascare? chi mai xele?
FELICE:
A sta ora do mascare vestìe da ortolanele?
MARINETTA:
Stimo che le vien via senza gnanca parlar.
FELICE:
Démoghe poche chiaccole; xe ora de disnar.

SCENA TERZA[canbia]

Lucietta e Bettina travestite da ortolanelle, e dette.
Lucietta e Bettina fanno riverenza e vari cenni, senza parlare.

MARINETTA:
Mascherette!
FELICE:
Pulito! Vardè che figurazza!
MARINETTA:
Andeu a spasso? Brave.
FELICE:
Gh'è della zente in Piazza?
MARINETTA:
Gh'aveu omeni? No?
FELICE:
Seu maridae? Seu pute?
MARINETTA:
Disè, cossa vol dir che no parlè? Seu mute?
FELICE:
Tolèvene, patrone, infina che podè.
MARINETTA:
Mo via, desmaschereve. No? no volè? perché?
Mi no so cossa dir, ve podè comodar.
Me despiase che adesso xe ora de disnar.
FELICE:
Oe, mascare, alle curte desmaschereve, o via.
No volè andar? Me piase.
MARINETTA:
Mi no so chi le sia.
Me par che quella mascara se doveria cavar.
FELICE:
Ve l'oi da dir in musica? Nu volemo disnar.
MARINETTA:
La xe un poco longhetta. Ridè? Brave. E cussì?
Voleu che andemo a tola?
LUCIETTA:
Vegno a tola anca mi. (Smascherandosi.)
FELICE:
Oh oh, Lucietta! Brava. Xela Bettina quela?
BETTINA:
Siora sì. (Smascherandosi.)
FELICE:
Mo co brava! Che bella ortolanela!
MARINETTA:
Aveu disnà?
LUCIETTA:
Disnà? Vegno a disnar con vu.
MARINETTA:
Dasseno?
LUCIETTA:
Sì dasseno.
FELICE:
Saremo in do de più.
MARINETTA:
(Le vien mo giusto ancuo, per intrigarme i bisi).
LUCIETTA:
Gh'ho una fame che inspirito; fe metter suso i risi.
MARINETTA:
Gh'avè fame? Stè fresca! No ghe xe squasi gnente.
LUCIETTA:
No stè a far cerimonie, magnemo allegramente.
BETTINA:
Xe stà qua Bortoletto?
MARINETTA:
Sì ben, el ghe xe stà.
FELICE:
Gh'avemo dà da intender cento bestialità.
BETTINA:
De cossa?
MARINETTA:
Vien sior'àmia.
FELICE:
Zitto, zitto, tasemo.
Lassè pur che la vegna, vôi che se la godemo.
MARINETTA:
(Gh'ho rabbia che le sappia che ghe xe qua el foresto.
Bisognerà che pensa trovar qualche pretesto). (Da sé.)

SCENA QUARTA[canbia]

Silvestra e detti.

SILVESTRA:
Son qua, che i metta in tola.
MARINETTA:
Oe, avvisè de là. (Ad un servitore.)
SILVESTRA:
Dove xe el forestier?
FELICE:
Oe, el forestier xe andà.
SILVESTRA:
Cossa diseu?
FELICE:
Dasseno. El gh'aveva da far.
L'ha visto che vien tardi, e l'ha volesto andar.
SILVESTRA:
No i la fenisse mai ste carogne in cusina.
Vôi cazzar via la cuoga, vôi cazzar via Tonina.
Tutti vôi cazzar via. Sempre la xe cussì.
Se xe andà via el foresto, voggio andar via anca mi.
MARINETTA:
Eh via, no la ghe bada...
FELICE:
(Lassè che la se instizza). (Piano a Marinetta.)
SILVESTRA:
Oh mi! con poche legne el mio camin se impizza.
LUCIETTA:
Coss'è, siora Silvestra?
SILVESTRA:
Chi seu vu?
LUCIETTA:
Son Lucietta
No me cognossè più?
SILVESTRA:
E quella?
LUCIETTA:
Mia fia Betta.
FELICE:
Vedèu, siora Silvestra? Se no gh'è el forestier,
In pe de uno a tola ghe n'averemo un per.
SILVESTRA:
Sto scambio no me comoda. Che i lo vaga a cercar.
Voggio che l'aspettemo, e no s'ha da disnar.
BETTINA:
Andemo, siora mare. Vardè là che bel sesto!
LUCIETTA:
Chi aspèttela, Felice?
FELICE:
L'aspetta quel foresto,
Sior Ferdinando.
LUCIETTA:
Oh caspita! gièrelo vegnù qua?
MARINETTA:
La l'ha menà qua ella. (Accennando Silvestra.)
LUCIETTA:
Eh via.
SILVESTRA:
Cossa xe stà?
Xela una maraveggia? Certo, patrona sì
Se nol savè, vel digo el spàsema per mi.
Lo so che per invidia i l'ha fatto andar via
Ma voggio che el ghe torna, sì per diana de dia.
Anemo, con chi parlio? andèmelo a cercar. (Ad un Servitore.)
Voggio star al balcon, se credo de crepar. (Parte.)
FELICE:
Mo no xela da rider.
MARINETTA:
(Vardo, che nol se veda). (A Felice.)
FELICE:
(El deve far qualcossa. Lassémo che lal creda). (a Marinetta.)
BETTINA:
Se vien sto forestier, andemo via.
LUCIETTA:
Perché?
Se el vien, lassa che el vegna. Che bisogno ghe xe?
Quel sior l'è giusto bon per una vecchia matta.
Uno pezo de ello, no credo che se catta.
MARINETTA:
Come parleu, Lucietta?

SCENA QUINTA[canbia]

Ferdinando e dette.

FERDINANDO:
(vedendo le due ortolanelle, resta in disparte.)
LUCIETTA:
Digo la verità
Nol gh'ha sior Ferdinando gnente de civiltà.
BETTINA:
La gh'ha rason mia mare.
FELICE:
Mo perché, poverazzo?
BETTINA:
Perché nol sa el trattar.
LUCIETTA:
El xe proprio un boazzo.
MARINETTA:
V'alo fatto qualcossa?
FELICE:
(Oh che gusto! El le sente). (Avendo veduto Ferdinando.)
Disè, disè, contène.
LUCIETTA:
No, nol m'ha fatto gnente.
FELICE:
Ma pur?
MARINETTA:
Siora Lucietta, quando lo strapazzè,
Co disè tanto mal, qualche rason ghe xe.
FELICE:
I dise pur che el sia un signor da Milan.
LUCIETTA:
Oh oh, un signor! Chi sa che nol sia un zaratan?
MARINETTA:
E pur a vostra fia el gh'ha dà un aneletto.
LUCIETTA:
Dasseno! Chi l'ha ditto? Vardè che bel soggetto!
MARINETTA:
Perché torlo?
BETTINA:
Nol val gnanca diese ducati.
LUCIETTA:
I crede mo sti siori... Va là! poveri matti!
Se mia fia ghe tendesse, la perderia el concetto.
FERDINANDO:
Grazie delle finezze.
LUCIETTA:
(Oh siestu maledetto!)
BETTINA:
(Alo sentìo.) (A Lucietta.)
MARINETTA:
(Gh'ho a caro).
LUCIETTA:
Perché no alo tasésto?
Bisognava star là, che l'averia godesto.
Lo savévimo tutte che el giera in quel canton.
L'ho visto, me n'ho incorto, col xe vegnù in scondon.
E ho ditto quel che ho ditto per far vogar Marina.
Ho volesto far scena. No xe vero, Bettina?
BETTINA:
Siora sì.
FELICE:
(Oh che galiotta!)
MARINETTA:
Voltè quella brisiola.
FERDINANDO:
Sì, anch'io vi ho conosciuto colla vostra figliuola,
Questa mattina in maschera in foggia differente,
E ho detto quel che ho detto sincerissimamente.
LUCIETTA:
Dasseno?
FERDINANDO:
In verità.
LUCIETTA:
Da cavalier, la godo.
FERDINANDO:
Piacciono i begli spiriti ancora a me, sul sodo.
FELICE:
A monte, a monte tutto ànemo, cossa femio?
Me sento a sgangolir. Magnémio o no magnémio?
MARINETTA:
Andè a avvisar sior'àmia. (Ad un Servitore.)
FELICE:
Me balla le buèle.
MARINETTA:
No se ghe vede più. Impizzè le candele. (Ad un Servitore.)

SCENA SESTA[canbia]

Silvestra e dette. Si accendono i lumi.

SILVESTRA:
Son qua. Cossa voleu?
FELICE:
Vedèu, siora Silvestra?
Eccolo, el xe tornà. Oh xe qua la manestra! (Mettono tre piatti in tavola, poi altri tre, poi le frutta.)
SILVESTRA:
Bravo, bravo! Impiantarme... (A Ferdinando.)
FERDINANDO:
Signora, io non saprei...
MARINETTA:
Via, sentémose a tola.
SILVESTRA:
Luce degli occhi miei. (Verso Ferdinando.)
LUCIETTA:
Mo che bei sentimenti!
BETTINA:
Che grazia che la gh'ha.
FELICE:
Sior Ferdinando, a ella, che la se senta qua.
SILVESTRA:
E mi?
FELICE:
Arente de élo.
SILVESTRA:
All'idol mio vicina.
FELICE:
Brava, e da st'altra banda se senterà Marina.
Qua Lucietta, qua Betta che piasa o che despiasa,
Fazzo mi per sta volta i onori della casa.
FERDINANDO:
Servo prima di tutte la signora Silvestra. (Presentandole.)
SILVESTRA:
Che el me ne daga assae, me piase la manestra.
FERDINANDO:
La signora Felice. La signora Bettina.
A lei. (Getta il tondo a Lucietta.)
LUCIETTA:
Che malagrazia!
FERDINANDO:
Garbata signorina!
L'ultima è la padrona.
MARINETTA:
La me fa troppo onor.
FERDINANDO:
(L'ultima alla sua mensa, ma la primiera in cor). (Piano a Marinetta.)
SILVESTRA:
Cossa dìselo?
FERDINANDO:
Niente.
SILVESTRA:
Via, che el magna anca élo.
FELICE:
Digo, sior Ferdinando: de che paese xélo?
FERDINANDO:
L'ho detto un'altra volta, la mia patria è Milano.
LUCIETTA:
Xelo conte o marchese?
FERDINANDO:
Io sono un ciarlatano.
SILVESTRA:
Cossa?
MARINETTA:
Via, che nol staga a dir de sti stambotti.
SILVESTRA:
Certo el xe un zaratan che zoga ai bussolotti.
El xe un bravo sparissi, e confessar convien
Che el m'ha fatto sparir el cuor fora dal sen.
FERDINANDO:
E il mio dov'è sparito? il mio dove sarà?
MARINETTA:
Credo poco lontan.
FERDINANDO:
È vero.
SILVESTRA:
El soo xe qua.
FELICE:
Putti, deme da bever.
LUCIETTA:
Troppo presto, fia mia.
FELICE:
Eh, che voggio che el vin me metta in allegria.
Voleu che stemo qua co fa tante marmotte?
Animo, fazzo un prindese: Viva le zovenotte. (Beve.)
SILVESTRA:
Grazie.
BETTINA:
Più tosto a mi sto prindese el me tocca.
SILVESTRA:
Eh tasè là, putella, che gh'avè el latte in bocca.
Né vu, né vostra mare no podè dir cussì.
Felice è zovenotta, e Marinetta, e mi.
MARINETTA:
Oh che cara sior'àmia!
SILVESTRA:
Disèlo vu, Marina,
Co vu geri putella, no gerio fantolina?
No zoghevimo insieme alle bagatelette?
FERDINANDO:
Quanti anni può avere?
SILVESTRA:
Zitto i xe vintisette.
BETTINA:
Con quelli della nena?
LUCIETTA:
E quelli de so mare.
BETTINA:
E quelli de so santola.
FELICE:
E quei de so compare.
SILVESTRA:
Oe, voleu che ve diga de quei che v'ha nanio?
FERDINANDO:
Non vedete che burlano?
SILVESTRA:
Lo so, lo so, fio mio.

SCENA SETTIMA[canbia]

Bortolo e detti.

BORTOLO:
Bon pro fazza, patroni.
BETTINA:
Oh, Bortolo xe qua.
LUCIETTA:
Che bon vento ve mena?
MARINETTA:
Disè. L'aveu trovà? (A Bortolo.)
BORTOLO:
Chi?
MARINETTA:
L'amigo.
BORTOLO:
Nissun nol cognosse a Castello.
FELICE:
Oe, sentì una parola.
BORTOLO:
La diga mo. (Si accosta a Felice.)
FELICE:
(El xe quello). (Accenna a Ferdinando.)
BORTOLO:
(Per diana!) (Da sé.)
LUCIETTA:
Bortoletto, semo qua in compagnia.
BORTOLO:
Brave, brave, patrone digo, sior Zamaria. (A Ferdinando.)
FERDINANDO:
A me?
BORTOLO:
A ella.
FELICE:
Senti. (Nol xe miga el novizzo). (Piano a Bortolo.)
BORTOLO:
(Mo chi xelo?) (Piano a Felice.)
FELICE:
(È compare). (Piano a Bortolo.)
BORTOLO:
(Chià sior Conte Pastizzo?) (Piano a Felice.)
FELICE:
(Giusto ello). (Piano a Bortolo.)
MARINETTA:
(Oh che matta!) Voleu sentarve a tola? (A Bortolo.)
BETTINA:
Vegnì arente de mi.
BORTOLO:
Sior Conte, una parola.
FERDINANDO:
Dite a me?
BORTOLO:
Digo a ella.
LUCIETTA:
Conte de quella spessa.
SILVESTRA:
Sior sì, sior sì, el xe conte, e mi sarò contessa.
FERDINANDO:
Io non ho questo titolo, garbato signorino.
BORTOLO:
Nol xe el Conte Pastizzo?
FERDINANDO:
No, il mio bel simoncino.
BORTOLO:
Coss'è sto strapazzar?
MARINETTA:
Caro quel bel sestin!
No vedèu che se burla, che el femo per morbin?
V'avemo dà da intender che Betta xe novizza,
Per véderve un pochetto a ranzignar la schizza.
No avè mai sentìo a dir: sior mistro Zamaria,
Barattème etecetera? Vu ve l'avè sorbia.
Volévimo chiarirve, e vu ne sè scampà,
E el povero sior pare l'avè quasi coppà.
BETTINA:
Vardè che belle burle!
BORTOLO:
Xele cosse da far?
FELICE:
Via, via, beveghe suso; lassèvela passar.
BETTINA:
Sentève qua. (Gli fa loco.)
MARINETTA:
Siè bon. Portèghe una carega.
BORTOLO:
Gh'ho un velen, se savessi...
LUCIETTA:
Via, no fe che i ve prega.
SILVESTRA:
Quando le feu ste nozze?
LUCIETTA:
Drento de carneval.
SILVESTRA:
E nu, sior Ferdinando?
FERDINANDO:
(Oh, le farei pur mal!)
MARINETTA:
Mia àmia, a quel che sento, vorria la conclusion.
Ma la gh'ha qualche dubbio, e lal gh'ha con rason.
SILVESTRA:
Mi, siora?...
MARINETTA:
Eh sì, so tutto. Lo so che l'al torria:
Ma la dise sior'àmia che no la sa chi el sia.
Donca se a lu ghe preme la conclusion del fatto,
Sior'àmia vol saver qualo che xe el so stato.
FERDINANDO:
Sior'àmia vuol sapere? (A Marinetta.)
SILVESTRA:
Eh, che non son curiosa..
FERDINANDO:
Sì, sì, la signor'àmia dee sapere ogni cosa.
Io sono un galantuomo Fernando è il nome mio
Astolfi è il mio casato, e cittadin son io.
L'entrate ch'io possiedo, bastano al mio bisogno
Ricchezze non ostento, del ver non mi vergogno.
Ecco qui quattro lettere di raccomandazione,
Che provano il mio nome e la mia condizione.
Ho qui dei patrioti che mi conoscon tutti.
Ci son dei Veneziani che di me sono istrutti.
Moglie non ho, la cerco di condizion mia pari:
Non dico di volerla pigliar senza danari.
Bramo una dote onesta, ma più della ricchezza
Desidero una figlia d'onore e di schiettezza.
Ed io posso promettere amor, fede e rispetto.
Ecco, alla signor'àmia quanto dir posso, ho detto.
SILVESTRA:
(Caspita! se el me tocca, l'occasion xe bonissima).
MARINETTA:
Sior'àmia ghe responde, che la xe contentissima.
Togo ste quattro lettere per poderme informar.
Sior'amia appresso el mondo se vol giustificar.
Se qualchedun volesse parlar fora de ton,
Signor'amia vol defenderse.
FELICE:
Sior'àmia gh'ha rason.
SILVESTRA:
In verità dasseno, nezza, son obbligada
Al vostro bon amor. Proprio son consolada.
FERDINANDO:
La signor'àmia intese tutti gli affari miei.
Anch'io vorrei sentire qualche cosa da lei.
SILVESTRA:
Per mi son una putta savia, onesta e da ben.
MARINETTA:
La lassa che mi diga. A ella no convien.
Sior'àmia che ve parla, gh'ha parenti onorati,
La gh'averà de dota cinquemile ducati.
Tutti bezzi investii, nevvero? (A Silvestra.)
SILVESTRA:
Mi nol so.
MARINETTA:
Quando che mi lo digo, ghe lo mantegnirò.
La xe ben educada, e sora quell'articolo
In materia d'onor... (con caldo.)
SILVESTRA:
Oh, no ghe xe pericolo.
MARINETTA:
La sarà per el sposo tutta amor tutta fede.
La condizion xe onesta. Circa all'età, se vede.
SILVESTRA:
Ventisette fenii.
FERDINANDO:
Sì, mia signora, ho inteso.
Contento, contentissimo il vostro dir mi ha reso.
Spero la signor'àmia condur meco in Milan.
SILVESTRA:
Fenimo de disnar, e démose la man.
FELICE:
Brava, Marina, brava sè una putta valente.
MARINETTA:
(Digo, m'oi portà ben in mezzo a tanta zente?) (A Felice.)
FELICE:
(Pulito). (A Marinetta.)
LUCIETTA:
Aveu fenio gnancora sti sempiezzi?
SILVESTRA:
Povera sempia vu!
LUCIETTA:
(Questa la val tre bezzi). (Da sé.)

SCENA OTTAVA[canbia]

Tonina e detti.

TONINA:
Oe, oe, siora parona. (Correndo.)
SILVESTRA:
Cossa xe sto fracasso?
MARINETTA:
Cossa xe stà, Tonina?
TONINA:
El paron vien da basso.
MARINETTA:
No gierelo andà in letto?
SILVESTRA:
El vien zo mio fradello.
TONINA:
Siora sì, e el vol vegnir a magnar in tinello.
MARINETTA:
Salo che ghe xe zente.
TONINA:
Gnancora nol lo sa.
SILVESTRA:
No vôi che el sappia gnente, andemo via de qua.
MARINETTA:
Dove vorla che andemo? No podemo scampar.
Che ghe sia zente in casa, s'alo da lamentar?
Quel che ghe pol despiaser al povero vecchietto,
Xe che senza de lu s'ha fatto un disnaretto.
No la credesse mai, che l'avessimo fatto. (A Ferdinando.)
Per sprezzar mio sior pare, e farghe sto maltratto.
Ma el xe vecchio, el xe sordo, debotto nol pol più.
SILVESTRA:
No se salo? Sti vecchi no i gh'ha da star con nu.
TONINA:
El vien zo da la scala. (A Marinetta.)
MARINETTA:
Presto, senza parole,
Destrighè sto tinello, e portè via ste tole. (Ai Servitori.)
E acciò che nol se immagina che s'ha dà da disnar,
Buttemola in t'un ballo, mettémose a ballar.
Ghe xe do servitori che sona el chitarrin,
Troveremo qualcun che sonerà el violin.
Dei strumenti da nu no ghe ne manca mai
Squasi ogni dì se balla, i è de là parecchiai.
Sior pare anderà via, col vede che se bala.
Vago e vegno in t'un salto, fina che el fa la scala. (Parte.)

SCENA NONA[canbia]

I suddetti, poi Zanetto.

SILVESTRA:
Anca mi vôi ballar col mio bel novizetto.
ZANETTO:
Patroni reveriti.
FELICE:
Bravo, bravo, Zanetto.
Seu vegnù un poco tardi.
ZANETTO:
La diga, cara siora,
Quando se vien a casa? No ghe par che sia ora? (A Siora Felice.)
FELICE:
Sè vegnù per criar?
ZANETTO:
Certo; son vegnù a posta.
FELICE:
Ben, se volè criar, criè da vostra posta.
ZANETTO:
Vardè che baronada!

SCENA DECIMA[canbia]

Siora Marinella col violino, e detti.

MARINETTA:
Oh, xe qua sior Zanetto.
Salo sonar? (A Felice.)
FELICE:
Sì ben.
MARINETTA:
Sonènela un pochetto. (A Zanetto.)
ZANETTO:
Gh'ho altro in testa, patrona.
MARINETTA:
Via, sior Zanetto caro.
FELICE:
Cossa xe ste scamoffie?
MARINETTA:
Mettè zo quel tabaro.
FELICE:
Ànemo. (Gli vuol levare il tabarro.)
ZANETTO:
Lassè star.
MARINETTA:
Anemo, no parlè. (Gli cava il tabarro per forza.)
FELICE:
Fe a modo delle donne.
MARINETTA:
Tolè el violin, sonè.
ZANETTO:
Per forza ho da sonar?
MARINETTA:
Animo, Bortoletto,
Ballè colla novizza. Sonèghe un menuetto. (A Zanetto.)
(Zanetto suona; Bortolo e Bettina ballano. Tutti siedono all'intorno.)

SCENA UNDICESIMA[canbia]

Sior Luca e detti.

LUCA
(Viene avanti, non sentendo suonare, e resta maravigliato vedendo che ballano. Si mette gli occhiali. Vuol parlare, e tutti gli fanno cenno che stia zitto.)
FELICE:
Presto, presto, anca mi. (A Bortolo, e si mette in figura.)
FERDINANDO:
È rimasto incantato.
SILVESTRA:
Dopo, ballemo nu. (A Ferdinando.)
FERDINANDO:
Ballar non ho imparato.
(Ballano siora Felice e Bortolo, e intanto Luca va per parlare a quei che stanno a sedere, e tutti lo licenziano accennandogli di star zitto. Termina il minuetto.)
TONINA:
Se le me dà licenza, anca mi vôi ballar.
MARINETTA:
Sì ben, za mi no ballo.
TONINA:
Che el lassa de sonar, (A Zanetto.)
E che el balla con mi. (Sì, per farghe despetto).
MARINETTA:
Via, za ghe xe chi sona.
FELICE:
Balla, balla, Zanetto. (Con allegria.)
(Fanno il minuetto Zanetto e Tonina, e Luca vorrebbe parlare, e non lo lasciano dire.)
SILVESTRA:
A mi. Me favorìssela? (A Ferdinando.)
FERDINANDO:
Ma s'io non so ballar.
SILVESTRA:
Sior Zanetto, comàndela?
ZANETTO:
No posso: ho da sonar. (Riprende il violino.)
SILVESTRA:
A vu, sior Bortoletto.
BORTOLO:
Son stracco in verità.
SILVESTRA:
Me reffudè, patroni? che bella civiltà!
Credeu che mi no sappia? che sia una mamaluca?
Ballo meggio de tutti. Vegnì qua vu, sior Luca.
LUCA:
Cossa?
SILVESTRA:
Ballè con mi.
LUCA:
Come?
SILVESTRA:
Vegnì a ballar.
LUCA:
No capisso.
SILVESTRA:
Vardeme. (Gli fa cenno che balli con lei.)
LUCA:
Ve farè minchionar.
Mi sì che in ti mi anni da zovene ho ballà.
SILVESTRA:
Ànemo, vegnì via. (Invitandolo anche coi moti.)
LUCA:
Per diana che son qua.
(Si mettono in figura, e tutti mostrano
piacere di vederli.)
SILVESTRA:
(principia la riverenza, e Luca non si move):
Via, fe la reverenza.
LUCA:
Se no i sona gnancora.
SILVESTRA:
Sè ben sordo, fradello. I sona che xe un'ora.
LUCA:
Come?
SILVESTRA:
Mo via, ballemo. (Torna a mettersi in figura.)
LUCA:
Che i sona un pochettin.
Mo i sona molto a pian gh'ali inseà el cantin? (Fanno il minuetto.)
Cossa diseu, patroni? Songio stà sempre in ton?
Chi sa cossa xe ballo, sa ballar senza son.
MARINETTA:
Andemo de là in camera a bever el caffè.
FELICE:
Sto vecchio nol vorressimo.
MARINETTA:
Poverazzo! perché?
FELICE:
(Voggio che concludemo quel certo servizieto.
E po lo chiameremo). (A Marinetta.)
SILVESTRA:
Cossa parleu in segreto?
FELICE:
Sentì, femo cussì. (Parla nell'orecchio a tutti, e tutti mostrano di applaudire.)
MARINETTA:
Sì, sì, el pensier xe belo.
FERDINANDO:
Non vorrei che dicessero...
FELICE:
Eh, ch'el prencipia elo.
FERDINANDO
(si accosta al signor Luca, lo riverisce, mostra di parlare e non parla; e Luca credendo che parli, e di non sentire, dice come segue, interpolatamente).
LUCA:
Ghe son bon servitor. Come? No la capisso,
Sior sì, quel che la vol. Patron la reverisso. (Ferdinando parte salutandolo.)
SILVESTRA:
Oh, mi ghe vago drio no mel lasso scampar.
Proprio no vedo l'ora, me sento a giubilar. (Parte.)
MARINETTA:
Vegno de là anca mi. (A Felice.)
FELICE:
Andè.
MARINETTA:
Podè vegnir.
FELICE:
Vegno, co sto vecchietto me voggio devertir.
MARINETTA:
Per mi, sorella cara, el spasso xe fenio.
Passa tutte le voggie la voggia de marìo.
Quando che de seguro saverò el mio destin,
Co sarò maridada, me tornerà el morbin. (Parte.)
FELICE:
Certo che se sta ben, co se gh'ha un bon marìo;
Ma po, co la va mal, el morbin xe fenio.
Oe, vago mi, e po vu. (Si accosta a sior Luca, e fa la scena come fece Ferdinando.)
LUCA:
Siora? No sento gnente.
Un pochetto più a forte. Sta recchia no ghe sente. (Va dall'altra parte.)
Cossa dìsela? A forte. Ah, sì sì, l'ho capida.
Basta che la comanda, la resterà servida.
(Siora Felice ridendo parte. Zanetto e Bortolo, uno per parte, fanno la medesima scena, prendendolo in mezzo.)
LUCA:
Sior sì. S'avemo inteso. (Tanto fa che no i parla).
Co me bisognerà, manderò a incomodarla.
(Zanetto e Bortolo partono, e si accostano Lucietta e Bettina.)
LUCA:
Ancora ghe ne xe? Siora? Coss'ala dito?
Eh sì sì, l'ho capìa. La descorre pulito.
Patrona reverita. Grazie alla so bontà.
Co ste belle parole proprio la m'ha incantà.
(Lucietta e Bettina partono ridendo.)
LUCA:
Lo so che xe un pezzetto, che mi son campanato.
Ma qualcossa sentiva. Donca son sordo affato.
TONINA:
(Anca mi voggio torme qualche devertimento). (Da sé.)
LUCA:
Pàrleme un poco a forte vôi provar se te sento.
TONINA
(parla a moti, e mostra di caricare.)
LUCA:
Più a forte. In te la recchia. Vien qua. da st'altra banda.
Zìgheme. (No ghe sento. La xe una cossa granda).
Cossa distu? Più a forte. Par che ti parli in fià.
TONINA
(mostra di arrabbiarsi, e parte ridendo.)
LUCA:
No ghe sento più gnente. Tonina s'ha instizzà.
Son sordo affatto affatto. Cossa mo se pol far?
No vôi gnanca per questo andarme a sotterrar.
Cussì no sentirò dir mal dai servitori.
No poderò la ose sentir dei creditori.
E se qualcun mia fia me vien a domandar,
Posso, co no ghe sento, la dota sparagnar. (Parte.)