Le morbinose/Atto quinto

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
QUINTO ATTO
1758
←  QUARTO ATTO Edission e fonte ▼

SCENA PRIMA[canbia]

Altra camera, o sia sala illuminata.
Marinetta. Siora Felice, Lucietta, Bettina, Ferdinando, Bortolo, Silvestra, Tonino, Nicolò.
Tutti a sedere bevendo il caffè. Nicolò colla cogoma, Tonina colla sottocoppa.

FELICE:
Bon sto caffè, dasseno.
FERDINANDO:
Perfetto, in verità.
NICOLÒ:
Procuro de inzegnarme col me vien ordenà.
LUCIETTA:
El xe bon qualche volta quello delle casae,
Ma quel delle botteghe el riesse meggio assae.
NICOLÒ:
Vorla dell'altro zuccaro? (A Silvestra.)
SILVESTRA:
A dirlo me vergogno.
Caro fio, un altro poco.
NICOLÒ:
Eh, mi so el so bisogno.
SILVESTRA:
Nicolò xe un bon putto. Xestu da maridar?
NICOLÒ:
No vorla?
SILVESTRA:
Via destrìghete, cossa vustu aspettar?
Védistu? presto presto mi me destrigo.
NICOLÒ:
Brava!
SILVESTRA:
Propriamente a star sola sento che me brusava.
LUCIETTA:
Disè, siora Silvestra, ve piase Nicolò?
SILVESTRA:
Se el fusse da par mio! Eh! el mio novizzo el gh'ho.
BETTINA:
(Proprio no fala stomego?) (A Lucietta)
LUCIETTA:
(Via, no te ne impazzar). (A Bettina.)
BETTINA:
(Credémio che el la toga?) (A Lucietta)
LUCIETTA:
(Mi no so, se pol dar). (A Bettina.)
SILVESTRA:
Vedèu quante candele? mo no par bon cussì?
Tutto sto bel parecchio el xe fatto per mi.
Certo, siora Lucietta. Stassera se sposemo.
Prima se dà la man, e po dopo ballemo.
LUCIETTA:
Alla granda, alla granda.
BETTINA:
Mi me par impossibile.
BORTOLO:
(Se se fasse ste nozze, la saria ben godibile).
FELICE:
Cossa feu, Marinetta? no ve sento a zittir.
MARINETTA:
Bevo el caffè.
FELICE:
Ho capìo. Sta cossa ha da fenir.
Se xe sior Ferdinando disposto a maridarse,
Senza tanti brui longhi, xe meggio destrigarse.
FERDINANDO:
Per me sono prontissimo.
MARINETTA:
Sior'àmia xe disposta.
SILVESTRA:
El s'ha da far sta sera qua no ghe xe risposta.
FELICE:
Fémolo co volè ma me par de dover,
Che prima anca sior Luca lo gh'abbia da saver.
SILVESTRA:
Diseghe a mio fradello che el vegna qua da nu. (A Tonina.)
FELICE:
Usèghe sto rispetto, andè a dirghelo vu. (A Silvestra.)
SILVESTRA:
Felice, disè ben el pol esser mio pare. (Si alza.)
Co fazzo un fantolin, vôi che siè mia comare. (Parte.)
LUCIETTA:
Disème, creature, xela la verità?
FELICE:
Bisognerave ben che el fusse desperà.
FERDINANDO:
Se fossi un ciarlatano, signora mia garbata,
Per un casotto in Piazza forse l'avrei pigliata.
LUCIETTA:
Mo via, caro patron, so che l'ho ditta grossa
Ma anca ello de mi l'ha abuo da dir qualcossa.
BETTINA:
E de mi?
FERDINANDO:
Chiedo scusa, se troppo mi avanzai.
LUCIETTA:
Semo tutti dal pari, semo belli e scusai.
Cossa xe sta commedia? Conteme, cara vu.
FELICE:
La commedia è fenìa no la se slonga più.
N'ha piasso un pochettin burlar quella vecchietta.
Sior Ferdinando Astolfi sposerà Marinetta.
BETTINA:
Dasseno? me consolo.
LUCIETTA:
Me ne rallegro, fia.
BORTOLO:
Brava, siora Marina. Con mistro Zamaria?
MARINETTA:
No so gnente gnancora.
FERDINANDO:
Come! sì poco affetto
Voi per me dimostrate?
MARINETTA:
Sentì, ve parlo schietto.
Ve vôi ben, lo confesso spero che sarè mio.
Ma voggio assicurarme, prima de tor marìo.
M'avè dà delle lettere; m'avè ditto chi sè
De vu no gh'ho sospetti; sarà quel che disè.
Ma perché no me possa nessun rimproverar,
Ho pregà sior Zanetto che el se vaga a informar.
Quando poderò dir: Siori, la xe cussì,
Ghe lo dirò a sior pare, lo farò dir de sì.
Ve podeu lamentar? v'ho fursi desgustà?
FERDINANDO:
Dolermi? Anzi vi lodo.
FELICE:
Oh, Zanetto xe qua.

SCENA SECONDA[canbia]

Zanetto e detti.

ZANETTO:
Forti, siora Marina, e stè sull'onor mio.
Questo, ghel digo in fazza, xe un ottimo partio.
Senza difficoltà podè sposarlo in pase,
El xe un bon cittadin, che gh'ha poderi e case
El xe un bon Milanese. Un omo cognossù.
Galantomo, onorato no se pol far de più.
FERDINANDO:
Signor, la bontà vostra per verità mi onora.
FELICE:
Aveu sentìo, Marina? seu contenta gnancora?
MARINETTA:
Adesso me vergogno de no averghe credesto.
FERDINANDO:
Ah no, in simili casi il sincerarsi è onesto.
Se fossi un impostore, scoprirmi avrei temuto
Un galantuom desidera di essere conosciuto.
TONINA:
Oh sior, la mia patrona la sa quel che la fa.
Se la va via, la diga, me lasserala qua?
MARINETTA:
Ti vegnirà con mi tasi, che tel prometto.
TONINA:
Me despiaserà un poco de lassar sior Zanetto.
Ma cussì so muggier no la sarà zelosa.
FELICE:
Séntela, sior marìo? Xela la so morosa?
ZANETTO:
Cossa ghe salta in testa? Ghe lo digo sul muso,
No ghe ne dago un bezzo.
FELICE:
Cossa diseu? tiò suso. (A Tonino.)
TONINA:
Sì ben, sì ben, sti siori, lo so quel che i sa far:
I ghe tende alle donne, co ghe xe da magnar.
FELICE:
Frascona, mio marìo gh'ha da magnar a casa.
TONINA:
Cossa vienlo a marenda?
FELICE:
Disèghe che la tasa, (a Marinetta:)
Che debotto debotto...
TONINA:
Cossa ghe xe de niovo?
FELICE:
E vu stè a casa vostra no andè a magnar, sior lovo. (A Zanetto.)
MARINETTA:
Tonina, abbi giudizio.
TONINA:
Ma se...
MARINETTA:
Va via de qua.
TONINA:
Ghe domando perdon. (A Felice.)
FELICE:
Via via, v'ho perdonà.
Perdonèghe anca vu; no femo che custìa
Ne rompa sul più bello la pase e l'allegria.
MARINETTA:
Vien sior'àmia e sior pare.
FELICE:
Adesso vien el bon.
Lassè che parla mi, no stè a far confusion.

SCENA ULTIMA[canbia]

Silvestra, sior Luca e detti.

SILVESTRA:
Mio fradello xe qua, ma no l'intende gnente.
Se se averze la gola, e tanto fa, nol sente.
LUCA:
(Eh, l'ho sentìa sta matta ma no ghe vôi badar.
Se pol sentir de pezo! la se vol maridar). (Da sé.)
FELICE:
Sior Luca, semo qua per far un negozietto.
LUCA:
Cossa?
FELICE:
(El me fa crepar sto sordo maledetto!)
Nozze volemo far, quando che siè contento. (Forte.)
LUCA:
(Vardè, quando che i dise co no vorria, ghe sento).
No capisso.
SILVESTRA:
La dise, che mi me vôi sposar. (S'aiuta coi cenni.)
LUCA:
Cossa dìsela? (A Felice.)
FELICE:
Nozze, nozze avemo da far. (Forte.)
LUCA:
(Cria, se ti vol criar).
FELICE:
(Oe digo, Marinetta,
Xelo sordo a sto segno?)
MARINETTA:
(Credo che el finza).
FELICE:
(Aspetta).
Ste nozze s'ha da far, la conclusion xe questa,
Co i ghe darà a sior Luca un maggio sulla testa. (Forte.)
LUCA:
Un maggio sulla testa?
FELICE:
Vedèu se l'ha sentìo?
SILVESTRA:
Finzè de no sentirme, perché vôi tor marìo?
LUCA:
Cossa?
SILVESTRA:
Gamba.
FELICE:
Sentì. El novizzo xe là. (Accenna Ferdinando.)
SILVESTRA:
E qua xe la novizza.
FELICE:
E la novizza è qua. (Accenna Marinetta.)
SILVESTRA:
Dove xela?
FELICE:
Sior Luca, la burla xe fenia.
Per quel sior ve domando Marina vostra fia.
SILVESTRA:
Seu matta?
FELICE:
Mio marìo Zanetto, el cognossè.
El ve informerà ello, el ve dirà chi el xe.
SILVESTRA:
Cossa xe sti spropositi?
(Zanetto si accosta a sior Luca, lo tira in disparte, e gli parla nell'orecchio, e lo stesso fa poi Felice.)
FERDINANDO:
(Che ho da dire a costei?)
SILVESTRA:
No seu vu el mio novizzo?
FERDINANDO:
Sposo, ma non di lei.
SILVESTRA:
Donca de chi?
FERDINANDO:
Di questa.
SILVESTRA:
Marina ha sempre dito
Che sposerè sior'àmia.
FERDINANDO:
È vero, io l'ho sentito.
Son forestier, mi manca la cognizion perfetta.
Ho creduto che àmia voglia dir Marinetta.
SILVESTRA:
Mo sè ben ignorante, àmia vol dir la zia.
FERDINANDO:
E questa? (A Marinetta.)
SILVESTRA:
Xe mia nezza.
FERDINANDO:
La nezza è sposa mia.
MARINETTA:
Mi no so cossa dir, sior'àmia benedetta,
Per ella ghe xe tempo, za la xe zovenetta.
La xe stada una cossa nata per accidente.
La diga ghe despiase?
SILVESTRA:
No me n'importa gnente. (Con sdegno.)
FELICE:
Orsù, xela giustada? Sior Luca xe contento.
El ve darà la dota.
MARINETTA:
Gh'alo sentìo?
LUCA:
Ghe sento.
Senza che el pare sappia, donca se fa e se dise? (A Marinetta.)
SILVESTRA:
La me l'ha tolto a mi, quella cara raìse.
LUCA:
Adesso el se me dise! ve par che para bon?
MARINETTA:
Mo via, caro sior padre, ghe domando perdon.
LUCA:
Cossa?
MARINETTA:
De quel che ho fatto, domando perdonanza. (Forte.)
LUCA:
Dov'èlo sto novizzo? Certo una bella usanza!
FELICE:
Via, parlèghe, ma forte, se volè che el ve sento. (A Ferdinando.)
SILVESTRA:
(Ancora gh'ho speranza che lu no se contenta). (Da sé.)
FERDINANDO:
Signor, vi riverisco con umile rispetto.
Arsi per vostra figlia del più sincero affetto,
E se la bontà vostra sposa a me la concede,
La mia consolazione ogni allegrezza eccede.
LUCA:
Dasseno?
FERDINANDO:
Consolatemi col vostro aggradimento.
LUCA:
Cossa voleu che diga? So chi sè, me contento.
SILVESTRA:
Oh poveretta mi!
FERDINANDO:
Un semplice ricordo
Si può far per la dote.
LUCA:
Come?
FELICE:
El xe tornà sordo.
FERDINANDO:
Per la dote, signore...
LUCA:
Cossa?
MARINETTA:
Ghel dirò mi.
La mia dota, sior padre.
LUCA:
Mo no zigar cussì.
La ghe xe la to dota. Sior sì, la xe investia.
Destrigheve, sposeve, e la sarà fenia.
FERDINANDO:
Porgetemi la mano. (A Marinetta.)
MARINETTA:
El cuor za ve l'ho dà. (Dando la mano.)
FELICE:
Bravi. Cussì me piase.
SILVESTRA:
Tocco de desgrazià! (Piangendo.)
FELICE:
Animo, che se balla.
BETTINA:
Siora mare.
LUCIETTA:
Coss'è?
BETTINA:
Marina xe novizza.
LUCIETTA:
Che bisogno ghe xe?
Drento de carneval ti la farà anca ti.
BETTINA:
La farave stassera.
LUCIETTA:
Cossa diseu? (A Bortolo.)
BORTOLO:
Mi sì.
LUCIETTA:
Ve contenteu, Marina?
MARINETTA:
De diana! sè paroni.
BORTOLO:
Se podemo sposar, za che gh'avemo i soni.
FELICE:
Alla presta, alla presta. Deve la man, cussì. (Unisce la mano di Bettina e di Bortolo.)
Seu contenta?
BETTINA:
Sior sì.
FELICE:
Ve contenteu?
BORTOLO:
Sior sì.
FELICE:
Anca questa xe fatta.
SILVESTRA:
E mi, povera grama?
FELICE:
Nicolò, dove xestu?
NICOLÒ:
Mi son qua chi me chiama?
FELICE:
Che sior Luca no senta, no vorria che el criasse.
Nicolò lo tioressi? (a Silvestra.)
SILVESTRA:
Mi sì, se i me lo dasse.
NICOLÒ:
Grazie del bon amor grazie, patrona bella.
Ella no xe per mi, e mi no son per ella.
Mi son un botteghier, questa xe per la prima,
E po son troppo zovene, ella xe troppo grima. (Parte.)
SILVESTRA:
Sporco, sporco, carogna. No ha da passar doman.
Che gh'averò un novizzo, e ghe darò la man.
So che m'avè burlà, frascone, stomegose
Lo so, siore spuzzette, che fe le morbinose.
FELICE:
No ghe badè, ballemo. (A Marinetta.)
MARINETTA:
Avanti de ballar,
Con chi me favorisse el mio dover vôi far.
Siori, le Morbinose ve avemo recità
Ma no le sarà stae, come che avè pensà.
Qualchedun co sto titolo andando più lontan?
Fursi che el se aspettava più chiasso e più baccan.
Ma bisogna distinguer. Ghe xe le morbinose,
Ghe xe le donne allegre, e ghe xe le chiassose.
El chiasso xe da calle. In alto è l'allegria.
El rango del morbin el xe de mezzo via.
E stando sul tenor de sto tal argomento,
Se andemo lusingando de aver compatimento.
Pregando chi ne ascolta sbatter un pochettin,
Se no per nostro merito, almanco per morbin.

Fine della Commedia.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Le_morbinose/Atto_quinto&oldid=42372"