La striga brusada viva

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
La striga brusada viva
1901
Edission e fonte ▼
Legenda popolare sentìa contar nel paese de Sagrado (Gorizia) ne l'ano 1901 (N.d.R.)

Ciolta su a Segrà dell'Isonz


Una diambara de veciata la iera cognosuda de tutt el paese par una striga patentada parché se la rivava ad ora a toccar qualchidun i restava subito strigati, che la ghe ni ga fatti anca morir, e tutti quanti i scampava de ela come il Diaul dell'aqua santa; cun dutt questo sempre la dinegava.

So fiole le ga benedì l'ora che le xe sposade, perchè no le podeva più sopportarla de tant tremenda che la iera, e il fio se ga cavà fora de casa anca lui, e quando che la è restà sola ghe ga dimandà a 'sto ultimo una putella che la ghe fassi compagnia, lui che ga 'cordà giusto per il rispetto de mare.

Una sera, che la iera dormir con so nezza, se ga alzà dal letto verso mezzanotte e la stava per andar via, quando che la putella dismissiada la ga comincià a pianzar che no la sta sola, che la ga paura.

Allora so nonna ghe dise:

— Ben, vien anche ti con mi, allora; ma no sta verzar bocca a nessun.

— No ghe digo a nessun, no nonna; e dove andemo?

— Vien cun mi ti e tasi cidina ve, che se te parla qualcossa te taio la lingua.

La à menà in cusina, e lì se ga messo a portar via la cinisa del fogoler e toccando no so in cossa ghe ga onzù i polsi e le tempie e dopo ciapada palla man le xe sparide tutte due pal cammin.

La putella mo, che se capisce, come tutti i putei, che no 'i xe boni de tegnir scondù niente, ghe ga ditto pochi giorni dopo a so pare che una notte la xe andada fora con so nonna, come che la ghe ga fatto, che le xè scampade pal camin, e rivade in tun prà grando, grando, dove che iera tante siore che le saltava, le ballava, le se contava storie, le zugava, ecc. ecc. e anca la nona cun lore, e po' no la sa in che maniera in tun moment le se ga trovà a casa.

Il puar omo al se ga mess pensar a 'ste parole, e 'l xe restà convint che so mare iera striga.

Qualche giorno dopo la ghe dise ancora:

— Tata mi son bona de far vegnir la tempesta, ve!

— Cos te dise che te se bona de far vegnir la tempesta?

— Si, si, tata, porteme fora una mastella de acqua e te vedarà.

— Ma ben se te la fa vegnir dove che no la fa danno?

— Dove che te vol, anca' sol tal curtiu.

Al ghe porta fora una mastella de acqua e in tun moment de bel seren che iera, vien su un nul fiss, fiss; la ciol do bachetuzze de sanguanella e la comincia a batter l'acqua con ste bacchette in crose e zò la tenpesta, e sta striguzza domanda a so pare:

— Tata, te la vol grossa?

Dopo la vigniva come patate a pien curtiu e fora nianca un spell.

So pare, tutto spaurì, ghe ga cigà: basta, basta! — dal ditt al fatt, xe tornà seren.

Subito, lui xe andà contarghe al prete il fatt e questo ghe ga rispost:

— Eh, benedetto, tutta la causa xe vostra mare!

— E cossa varia de far?

— ma se volé ver pase in casa, e no ver altri malanni, bisogna che la brusé, e alla putella taiarghe la ponta del dé pizzul!

— Eh! Signor me perdone! Brusar me mare?

— Ma mi ve digo pel vostro ben...

Sto puar omo al se ga persuadù che nol pol far in altra maniera, e andà d'accordo cui cugnadi sovi de buttarla tal forno ben caldo e brusarla.

In quel giorno che i veva de far la cosa, lui per no vedere che ghe fava anca diol, al xe andà via de casa.

E cussì i ga fatto, dopo preparà pulito il forno; i gà mandà ciamar la vecia che la xe capitada subito, e appena entrada, vedendo so nora che la misciava sulla vintula che i veva preparà prima, e il forno caldo, la ghe domanda:

— Cossa véu de far el pan? — e disendo ste parole, la se ga vicinà al forno.

Allora so zeneri i xe saltadi fora de dove che i era scondudi, apposta i la ciapa e i la butta dentro; dopo i ga serà ben ben la busa, e pontada cun legno, e cussì urlando e cigando del dolor, la ga finì de far mal in sto mondo.

Dopo qualche temp, guarida il dè, so pare al ghe dise:

— Dài, famme vegnir un poca de tempesta!

La ga fatt ella come l'altra volta, ma tempesta no ghe ni xe vignuda.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=La_striga_brusada_viva&oldid=49648"