Il campiello/Atto terzo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
←  SECONDO ATTO Edission e fonte ▼ QUARTO ATTO  →

SCENA PRIMA[canbia]

Donna CATTE e ANGIOLETTO escono di casa
 
DONNA CATTE Vegnì con mi, fio mio.
Parleremo tra mi, e vu,
Che Lucietta no senta.
ANZOLETTO Comandè.
DONNA CATTE Sta puta ve vol ben, vu vegnì qua;
Sè anca vu inamorà;
Tempo avè tiolto de sposarla un ano,
A farlo ancuo no se ve pol sforzar;
Ma mi la guardia no ghe vòi più far.
ANZOLETTO Cossa mo voleu dir?
DONNA CATTE Vòi dir, fio mio,
Che za, che no volè sposarla adesso,
No vegnì cusì spesso.
ANZOLETTO Cara siora,
La sposeria, ma no se pol gnancora.
Se aspetterè, che metta
Suso una botteghetta
Come presto de far me proverò,
Subito vostra fia la sposerò!
DONNA CATTE Mi no digo, che el fè, co no podè;
Ma intanto slontanève.
ANZOLETTO Co sto parlar me fè vegnir la freve.
No voria, che ghe fusse
Sotto qualcossa.
DONNA CATTE No dasseno, fio.
Anca mi mio mario
El me fava aspettar, nol la feniva;
E mia madona mare,
Me la recordo ancora,
La gh'ha dito: sior Boldo, o drento, o fora.
ANZOLETTO Lassè, che ve prometto
De far più presto, che se poderà.
DONNA CATTE Ma intanto mi no vòi, che vegnì qua.
ANZOLETTO Mo perché, cara siora?
DONNA CATTE Ve l'ho dito,
No ghe vòi far la guardia.
ANZOLETTO Xèla stà gran fadiga a star con nu
Tre, o quattro ore al dì?
DONNA CATTE Prima de tutto ve dirò de sì;
E po gh'è un'altra cossa,
Che no la voggio dir.
ANZOLETTO Sì ben, sì ben, me saverò chiarir.
DONNA CATTE Cossa sospettereu?
ANZOLETTO Che gh'abbiè voggia
De darla a qualchedun.
DONNA CATTE No, la mia zoggia.
Ve dirò, per chiarirve; caro fio,
Son vedua, no son vecchia,
Anca a mi de le volte
Me salta i schiribizzi...
No posso far la guardia a do novizzi.
ANZOLETTO Squasi me fè da rider.
DONNA CATTE Mo per cossa rideu?
Perché ho dito cusì me minchioneu?
Povero sporco, se savessi tuto!
Ma no ve voggio dir, perché sè puto.
ANZOLETTO Maridève anca vu.
DONNA CATTE Za ho stabilio;
Co ho destrigà sta puta.
ANZOLETTO V'ho capio.
Presto, presto voressi destrigarve,
Per voggia, che gh'avè de maridarve.
DONNA CATTE O per questa, o per quela
Mi ve la digo schieta,
Qua no vegnì, se no sposè Lucieta.
ANZOLETTO No voria co le scattole
Zirar per la città, quando la sposo.
DONNA CATTE Oe saressi zeloso?
Ca de diana de dia,
Mi ve dago una fia ben arlevada,
Che la podè menar in t'un'armada.
ANZOLETTO Ma quel poco de dota,
Che avè dito de darme?
DONNA CATTE Vederò de inzegnarme,
Ghe darò i so manini, el so cordon,
Un letto belo, e bon coi so ninzioi,
E quattro paneseli per i fioi.
ANZOLETTO Quattro soli? no ghe n'avè de pì?
DONNA CATTE Ghe n'ho, ma i altri i vòi salvar per mi.
ANZOLETTO Oh che cara donetta, che vu sè.
DONNA CATTE Sior sì, cusì la xè.
Ghe darò do vestine, e tre carpette
Una vesta, un zendà, che xè bonetto,
Tutto el so bisognetto;
E po, come xè stadi i nostri pati,
Mi ve darò a la man diexe ducati.
ANZOLETTO I gh'aveu mo sti bezzi?
DONNA CATTE No li gh'ho
Ma presto i troverò.
Se vago co la puta in do, o tre case,
Che ne faremo più de vinti.
ANZOLETTO Piase?
Volè menarla a torzìo?
Questo po no, sorela.
DONNA CATTE Cossa credeu, che i li darà per ela?
Per mi, vedè, per mi, che se savessi,
Gh'ho più de un protetor;
E co i me vede, i me darave el cuor.
ANZOLETTO (Orsù, ghe voggio ben, e co sta vecchia
No la me par segura,
Tòrghela da le man voggio a dretura).
DONNA CATTE Cusì, sior Anzoleto,
Diseu de sì, o de no?
ANZOLETTO Anca ancuo, se volè, la sposerò.
DONNA CATTE Mi ve la dago subito. Lucieta. (chiama)

SCENA SECONDA[canbia]

LUCIETTA di dentro e detti

LUCIETTA Siora. (di dentro)
ANZOLETTO Aspettè un tantin.
No gh'el dixè gnancora.
DONNA CATTE Mo perché?
ANZOLETTO Cara siora, lassè
Che fassa i fatti mii, la 'l saverà.
Vòi comprarghe un anelo.
LUCIETTA Aveu chiamà? (esce di fuori)
DONNA CATTE Lucietta, me consolo.
LUCIETTA De cossa?
ANZOLETTO Mo tasè. (piano a donna Catte)
DONNA CATTE De gnente.
LUCIETTA Dime, cossa gh'è, Anzoletto?
ANZOLETTO Gnente, gnente, fia mia.
DONNA CATTE Vàrdalo in ciera.
LUCIETTA Mo cossa gh'è?
DONNA CATTE Ti el saverà stassera.
ANZOLETTO (No la pol tàser).
LUCIETTA Via, disème tutto.
DONNA CATTE Che ghel diga? (ad Anzoletto)
ANZOLETTO Tasè. (a donna Catte)
DONNA CATTE Mo se no posso,
Se no me lassè dir, me vien el gosso.
LUCIETTA Son curiosa dasseno.
ANZOLETTO Via parlè.
Dixè quel che volè.
Vago a tòr quel servizio.
LUCIETTA Ti va via?
ANZOLETTO Vago, ma tornerò. Cara culìa! (parte)

SCENA TERZA[canbia]

LUCIETTA e donna CATTE

LUCIETTA Siora mare, contème.
DONNA CATTE Oe, sta aliegra, fia mia.
Ancuo, col torna, el vol sposarte.
LUCIETTA Eh via!
DONNA CATTE Ma mi ho fatto pulito. Gh'àstu gusto?
LUCIETTA E la sartora no m'ha fatto el busto.
DONNA CATTE Eh che quel, che ti gh'ha; xè bon, e belo.
LUCIETTA Dov'èlo andà Anzoletto?
DONNA CATTE A tiòr l'anelo.
LUCIETTA Dasseno?
DONNA CATTE Sì te digo.
LUCIETTA Gnese. (chiama)
DONNA CATTE
Tasi;
No ghe lo dir gnancora.

SCENA QUARTA[canbia]

GNESE e dette

GNESE Chiameu? (di dentro)
LUCIETTA Sì, vegnì fuora.
DONNA CATTE Tasi, no ghe lo dir.
LUCIETTA Perché?
DONNA CATTE Chi sa? el se poderia pentir.
LUCIETTA Me fè cascar el cuor.
DONNA CATTE Ma se el gh'ha de l'amor, el lo farà.
GNESE Cossa voleu? son qua. (sull'altana)
DONNA CATTE Cossa mo ghe dirastu? (a Lucietta)
LUCIETTA Gnente, gnente, giustèmola.
Voleu vegnir da basso
A ziogar a la sémola?
GNESE Magari!
Se mia mare volesse.
LUCIETTA Vegnì zo.
GNESE Se la vien anca ela, vegnirò. (entra)
LUCIETTA Tolémio el taolin? (a donna Catte)
DONNA CATTE Quel, che ti vol.
LUCIETTA Se consolémo un pochetin al sol.
DONNA CATTE Mi vardo, che ti gh'abbi
Sta voggia de zogar.
LUCIETTA Per cossa?
DONNA CATTE Perché ancuo ti ha da sposar.
LUCIETTA Giusto per questo stago allegramente. (va in casa)
DONNA CATTE Oh, se cognosse, che la xè inocente! (va in casa)

SCENA QUINTA[canbia]

DONNA PASQUA e GNESE; poi ZORZETTO, poi LUCIETTA E donna CATTE

DONNA PASQUA Dove xèle?
GNESE Lucietta. (chiama forte)
LUCIETTA Vegno, vegno. (di dentro)
GNESE Son qua, se me volè.
DONNA PASQUA Dove xèla la sémola? (forte)
LUCIETTA Aspettè. (di dentro)
ZORZETTO Se se zoga a la sémola,
Vòi zogar anca mi. (di casa)
DONNA PASQUA Sì, sì, fio mio, ti zogherà anca ti.
Fèghe ciera a Zorzetto. (a Gnese)
Ti sa quel, che t'ho dito:
De qua a do anni el sarà to mario.
Mo vien qua, caro fio;
Vien arente de nu.
GNESE Giusto mo adesso no lo vardo più.
ZORZETTO Son qua; dove se zioga?
DONNA PASQUA T'ala dito to mare?
ZORZETTO La m'ha dito,
E la m'ha consolà.
Sioria novizza. (a Gnese)
GNESE Oh matto inspirità! (sorridendo)
(Lucietta e donna Catte portano il tavolino colla sémola)
LUCIETTA Semo qua, semo qua.
DONNA CATTE Vòi contentarla.
LUCIETTA Gh'èla to mare? (a Zorzetto)
ZORZETTO Sì.
LUCIETTA Voggio chiamarla.
Sior'Orsola! (chiama)

SCENA SESTA[canbia]

ORSOLA di casa, e detti

ORSOLA Chiameu?
LUCIETTA Vegnì anca vu, vegnì a zogar; voleu?
ZORZETTO Sì, cara siora mare.
ORSOLA Perché no?
DONNA PASQUA Semo qua in compagnia.
ORSOLA Ben ziogherò.
LUCIETTA Un soldeto per omo.
DONNA PASQUA Via, salùdela. (a Gnese)
GNESE Patrona.
ORSOLA Bondì, Gnese. Cossa gh'àla? (piano a donna Pasqua)
Gh'aveu dito?
DONNA PASQUA Gh'ho dito.
ORSOLA La vien rossa.
DONNA PASQUA La xè contenta; ma no la se ossa.
LUCIETTA (Oe siora mare, cossa gh'è de niovo
In tra Gnese, e Zorzetto?). (a donna Catte)
DONNA CATTE (Credo, che i sia novizzi).
LUCIETTA (Vara, che stropoletto!).
GNESE Zoghemio?
LUCIETTA Mettè suso; (mette il soldo nella sémola)
Questo xè el mio.
GNESE Anca mi.
ORSOLA Questi qua xè do soldi. Anca per ti.
DONNA PASQUA Gnese, imprèsteme un soldo.
GNESE Oh, oh! varè!
No la gh'ha mai un bezzo. Via, tolè.
LUCIETTA Siora mare, metteu?
DONNA CATTE Metterò, aspetta. (tira fuori uno straccio)
ZORZETTO La gh'ha i bezzi zolai co la pezzetta!
DONNA CATTE Fazzo per no li perder. Tolè el soldo.
LUCIETTA Zoghemo, e no criemo.
ORSOLA Per mi, no parlo mai.
LUCIETTA Presto, missiemo. (mescola ma sémola)
ORSOLA Vòi missiar anca mi.
LUCIETTA Mo za, se sa;
No la xè mai contenta.
ZORZETTO Voggio darghe anca mi una missiadina.
LUCIETTA E missieremo fina domattina.
GNESE Via basta, femo i mucchi. (mette le mani nella sémola)
LUCIETTA I mucchi i vòi far mi. (fa alcuni mucchi colla sémola)
ORSOLA Eh, che no savè far. Se fa cusì.
LUCIETTA Oh, siora no, no voggio,
Che m'insporchè la sémola de oggio.
ORSOLA Gh'ho le man nete più de vu patrona.
DONNA PASQUA Zitto. Li farò mi.
LUCIETTA Via, la più vecchia.
ORSOLA La più vecchia, sì ben.
DONNA PASQUA Povere matte!
Mi la più vecchia? tocca a donna Catte.
DONNA CATTE Vecchia cottecchia!
DONNA PASQUA Cossa?
GNESE Gnente.
DONNA PASQUA No v'ho capio.
ORSOLA A monte, a monte; fali ti, fio mio. (a Zorzetto)
ZORZETTO Ve contenteu? (poi va facendo i monti)
LUCIETTA Provève,
Quelo xè tropo picolo.
Quelo xè tropo grosso.
ZORZETTO No ve contentè mai.
LUCIETTA Fèli più destaccai.
ZORZETTO Tolè, i xè fatti.
LUCIETTA Questo mi.
ORSOLA Lo vòi mi.
DONNA CATTE Via, femo i patti.
LUCIETTA Aspettè, che cusì
Nissun più crierà.
Tolemo suso per rason d'età.
GNESE Ben, ben, mi sarò l'ultima.
LUCIETTA No gh'è gran diferenza tra de nu.
DONNA PASQUA Donna Catte, a zernir ve tocca a vu.
DONNA CATTE Oh, ve cedo, sorela.
DONNA PASQUA Come!
DONNA CATTE Ve cedo de dies'ani, e più.
DONNA PASQUA Povera vecchia fiappa.
LUCIETTA Via, via, femo cusì: chi chiappa, chiappa. (ognuna prende il suo monte, e vi cerca dentro il soldo)
DONNA CATTE Oe mi no trovo gnente.
GNESE Ghe n'è uno.
Un altro. Oe, altri do.
ORSOLA Brava dasseno.
LUCIETTA Quatro da vostra posta?
Sì, sì, sior Zorzi, l'avè fato a posta.
A monte, no ghe stago.
GNESE Se volè i quatro soldi, mi ve i dago.
LUCIETTA, DONNA CATTE Siora sì, siora sì.
DONNA PASQUA, ORSOLA, ZORZETTO Siora no, siora no.

SCENA SETTIMA[canbia]

FABRIZIO con un libro in mano sul poggiolo, e detti.

FABRIZIO Che cos'è questo strepito?
Zito, per carità.
LUCIETTA Oh, oh, in campielo no se pol zogar?
FABRIZIO Giocate, se volete,
Senza metter sossopra la contrada.
LUCIETTA Nu altre semo in strada.
Volemo far quel, che volemo nu.
ORSOLA E volemo zigar anca de più.
FABRIZIO Vi farò mandar via.
LUCIETTA Certo! seguro!
Zoghemo da recao.
ORSOLA Tolè sto palpagnacco.
LUCIETTA Tolè sto canelao.
GNESE Torno a missiar i bezzi.
ORSOLA, DONNA PASQUA, ZORZETTO Siora no, siora no.
FABRIZIO Ma cospetto di bacco!
Questa è troppa insolenza.
Perderò la pazienza come va.
LUCIETTA Volemo zogar, volemo star qua.
Volemo zogar, volemo star qua. (cantando e ballando in faccia a Fabrizio)
FABRIZIO O state zitte, o mi farò stimar.
ORSOLA Volemo star qua, volemo zigar.
Volemo star qua, volemo zigar.
FABRIZIO Voi non mi conoscete.
So io quel, che farò.
TUTTI Oh oh oh oh. (ridendo forte)
FABRIZIO Ad un uomo d'onor così si fa?
TUTTI Ah ah ah. (ridendo forte)
FABRIZIO Tacer non sanno chi le taglia in fette.
TUTTI Ah ah ah ah ah ah. (ridendo forte)
FABRIZIO Che siate maledette. (getta il libro sul tavolino, e fa saltare la sémola, e parte)
TUTTI (gridano; s'infuriano a cercar i soldi; va parte della sémola in terra; cercando se vi è soldi in terra, gridando e prendendosela dalle mani)

SCENA OTTAVA[canbia]

Il CAVALIERE da una parte, ANZOLETTO dall'altra; e detti

CAVALIERE, FABRIZIO, ANZOLETTO (vanno dicendo: Zitto zitto, e le acchetano)
LUCIETTA Oe, tre ghe n'ho trovà.
ORSOLA E mi do.
ZORZETTO E mi uno.
LUCIETTA Mi son stada valente.
GNESE E mi, gramazza, no m'ha toccà gnente.
CAVALIERE Ma cosa mai è stato?
Che è accaduto di male?
LUCIETTA Gnente affatto.
Se zogava a la sémola.
CAVALIERE Che diavolo di gioco!
Credea, che andasse la contrada a foco.
LUCIETTA Anzoletto, tre soldi.
ANZOLETTO Brava, brava!
Sempre in strada a zogar?
LUCIETTA Oh via per questo me voreu criar?
ANZOLETTO Basta; la xè fenia.
LUCIETTA L'àstu portà?
ANZOLETTO Cossa?
LUCIETTA L'anelo.
ANZOLETTO Oh, donca lo savè.
LUCIETTA Lo so, seguro, che lo so.
ANZOLETTO Vardè.
LUCIETTA Oh belo! Siora mare.
GNESE Cossa gh'àlo portà? (a donna Pasqua)
DONNA PASQUA No ghe vedo.
GNESE Sior'Orsola,
Cossa gh'àlo portà? (piano)
ORSOLA L'anelo.
GNESE Sì?
ORSOLA Tasi, fia mia, ti el gh'averà anca ti.
GNESE Quando?
ORSOLA Co sarà tempo.
GNESE Ma quando?
ORSOLA Co mio fio
Sarà vostro mario.
GNESE (si volta per vergogna)
DONNA PASQUA Cossa gh'àla mia fia? (a Orsola)
ORSOLA La se vergogna.
DONNA PASQUA Via, no te far nasar, che no bisogna. (a Gnese)
LUCIETTA Gnese. (le mostra l'anello)
GNESE Me ne consolo.
CAVALIERE Mi lasciate così negletto, e solo?
ANZOLETTO Cossa gh'ìntrelo elo?
CAVALIERE Galantuomo,
Io sono un onest'uomo;
Non intendo sturbar la vostra pace.
Son buon amico, e l'allegria mi piace.
LUCIETTA (Oe disè, siora mare,
Se Anzoletto el volesse per compare!).
DONNA CATTE Magari! aspetta mi.
Zenero. (a Anzoletto)
ANZOLETTO Me chiameu?
DONNA CATTE El compare el gh'aveu?
ANZOLETTO Mi no, no l'ho trovà.
DONNA CATTE Doveressimo tòr quel, che xè là.
ANZOLETTO Mo, se no so chi el sia.
DONNA CATTE N'importa, za el va via;
Fenio sto carneval,
No lo vedemo più.
ANZOLETTO No disè mal.
Cusì, quando le nozze xè fenie,
No gh'averò el compare per i piè.
DONNA CATTE Che ghel diga?
ANZOLETTO Disèghelo.
DONNA CATTE L'è fatta. (piano a Lucietta)
La senta, sior paron, (al Cavaliere)
Ghe vòi dir do parole in t'un canton.
CAVALIERE Son da voi, buona donna. (s'accosta in disparte con donna Catte)
ANZOLETTO (Una gran tribia, che xè mia madonna!).
ORSOLA Disè, sior Anzoletto,
Quando magnemio sti confetti?
LUCIETTA Presto.
ORSOLA Oh, v'ho visto alla ciera.
LUCIETTA N'è vero fio? (ad Anzoletto)
ORSOLA Quando sposeu?
LUCIETTA Stassera.
DONNA PASQUA (Tolè su; donna Catte
Un de sti dì la se pol maridar;
E mi ancora do anni ho da aspettar?).
DONNA CATTE Puti, sto zentilomo
Sarà vostro compare.
CAVALIERE Sì, signori,
È un onor, ch'io ricevo.
ANZOLETTO Grazie. (Za me consolo, che el va via).
DONNA CATTE El l'ha fatto, n'è vero? in grazia mia.
GNESE Ti xè contenta, che ti gh'ha l'anelo.
LUCIETTA Puti voleu, che femo un garanghelo?
ANZOLETTO Sì ben, un bianco, e un brun,
Tutti se tanserà tanto per un.
CAVALIERE Aspettate, a bel bello.
Ditemi, che vuol dire un garanghello?
ANZOLETTO Ghe lo spiegherò mi. Se fa un disnar;
Uno se tol l'insulto de pagar;
E el se rimborsa dopo de le spese,
A vinti soldi, o trenta soldi al mese.
ZORZETTO E ho sentio a dir da tanti, che i xè avvezzi
Aver oltre el disnar anca dei bezzi.
ORSOLA Ma in sta occasion, sior Anzoletto belo,
Me par, che nol ghe calza el garanghelo.
CAVALIERE Eh che andate pensando?
Che state fra di voi garanghellando?
Il compare son io,
E a tutti il desinar lo vo' far io.
LUCIETTA Bravo.
ORSOLA Bravo dasseno.
DONNA CATTE Vu no gh'intrè, sorela.
ORSOLA Che nol me invida? La saria ben bela!
CAVALIERE Tutti, tutti v'invito.
ORSOLA Grazie, e nu vegniremo.
GNESE Mi no ghe vòi vegnir.
DONNA PASQUA Sì, che anderemo.
CAVALIERE Camerier. (chiama)

SCENA NONA[canbia]

SANSUGA e detti

SANSUGA La comandi.
CAVALIERE Preparate
Un desinar per tutti; e dite al cuoco,
Che onor si faccia.
SANSUGA L'anderò a avisar.
LUCIETTA No, no, aspettè, che mi vòi ordenar.
CAVALIERE Comandate, sposina.
LUCIETTA Volemo i risi co la castradina,
E dei boni capponi, e de la carne,
E un rosto de vedèlo, e del salà,
E del vin dolce bon, e che la vaga;
E fè pulito, che el compare paga.
ORSOLA E mi farò le frittole.
LUCIETTA Se sa.
ORSOLA Ma sior compare me le pagherà.
SANSUGA Xèla contenta de sto bel disnar? (al Cavaliere)
CAVALIERE Io lascio far a loro.
SANSUGA No la xè
Roba da pari soi.
CAVALIERE Se non importa a me, che importa a voi?
DONNA CATTE Che ghe sia del pan tondo.
SANSUGA El ghe sarà.
DONNA PASQUA Fène de la manestra in quantità.
ORSOLA Del figà de vedèlo.
ANZOLETTO Una lengua salada.
ZORZETTO Quattro fette rostìe de sopressada.
DONNA CATTE De le cervele tenere.
ORSOLA Bisogna sodisfarne.
SANSUGA Deboto è più la zonta della carne. (parte)

SCENA DECIMA[canbia]

GASPARINA e detti

GASPARINA Cozza zè zto zuzzuro.
CAVALIERE Oh madamina!
LUCIETTA No savè, Gasparina?
Son novizza, disnemo in compagnia.
CAVALIERE Favorite voi pur per cortesia.
GASPARINA Oh no pozzo dazzeno;
Ella za, zignor mio,
Che ziamo dipendente da mio zio.
LUCIETTA Cossa dìsela?
GASPARINA Zente?
Grame! no le capizze gnente, gnente.
CAVALIERE Verrò, se mi è permesso,
Seco a parlare, e ad invitar lui stesso.
GASPARINA La vol vegnir de zu?
CAVALIERE Si può, madamigella?
GASPARINA Uì, monzù.
LUCIETTA Oh cara!
ORSOLA Oh che te pustu!
CAVALIERE Gradisco assai l'esibizion cortese.
GASPARINA Done, dizè, no l'intendè el franzeze?
ORSOLA Caspita! siora sì.
LUCIETTA Oh, lo so dir uì. (caricato)
GASPARINA La zenta, zior monzù:
(La prego dezpenzarme;
Perché mi con cuztie no vòi zbazzarme).
CAVALIERE Mi spiacerebbe assai.
LUCIETTA (Oe, procuremo
Che la vegna con nu, che rideremo). (a Orsola)
ORSOLA (Sì ben, sì ben). Via, siora Gasparina,
No semo degne de disnar con vu;
Ma fè sta grazia, vegnì via con nu.
GASPARINA Ze potezzi, verrei. Non vengo zola.
LUCIETTA Via, che ve metteremo in cao de tola.
GASPARINA Ve ringrazio dazzeno.
Zerto, che ze vegnizze,
L'ultimo logo no zarave el mio;
Ma no pozzo vegnir zenza el zior zio.
Vol dir barba, zavè.
LUCIETTA Veh! mi credeva,
Che parlessi de un fior, in verità.
GASPARINA (Povere zenza zezto, no le za).
ORSOLA (Anca ti, Gnese dighe, che la vegna). (a Gnese)
GNESE Via, vegnì; andemo tutte.
GASPARINA Zta beno in caza le fanciulle pute.
CAVALIERE Non si conclude nulla.
GASPARINA Dizè, zaveu cozza vol dir fanciulla?
GNESE Mi no lo so, sorela.
GASPARINA Oe, zior monzù, la ghe lo zpiega ela.

SCENA UNDICESIMA[canbia]

FABRIZIO e detti

GASPARINA Ecco zior barba zio.
CAVALIERE Servitore divoto.
FABRIZIO Padron mio.
Cosa si fa qui in strada?
GASPARINA Via, che el taza.
Me faralo nazar?
FABRIZIO Subito in casa. (a Gasparina)
CAVALIERE Fate torto, signore,
Alla nipote vostra, ch'è onestissima.
FABRIZIO Non vel fate più dir. (a Gasparina)
GASPARINA Zerva umilizzima. (al Cavaliere)
FABRIZIO Via. (caricandola)
GASPARINA La zcuzi. (al Cavaliere)
CAVALIERE Mi spiace.
GASPARINA Ghe zon zerva.
FABRIZIO Un po' più. (caricandola)
CAVALIERE Servo, madamigella.
GASPARINA Addio, monzù. (entra in casa)
FABRIZIO Il suo genio bizarro, ora mi è noto.
CAVALIERE Favorite, signor...
FABRIZIO Schiavo divoto.
E voi, donne insolenti...
LUCIETTA Coss'è sto strappazzarne?
ORSOLA Sto dirne villania?
TUTTI Vardè, dixè, sentì.
FABRIZIO No, vado via.
TUTTI (ridono)
CAVALIERE S'ella non può venir, non so, che fare.
Andiamo a desinare;
Io cercherò di rivederla poi;
Andiamo intanto, e mangieremo noi. (entra in locanda)
ORSOLA Vien via, Zorzetto; daghe man a Gnese.
GNESE Anderò da mia posta. (entra in locanda)
ZORZETTO Sempre cusì la fa. (entra in locanda)
ORSOLA Tasi, che un dì la man la te darà. (entra in locanda con Zorzetto)
DONNA PASQUA Vegno anca mi a disnar,
Che magnada de risi, che vòi dar! (entra in locanda)
DONNA CATTE Andemo, puti, andemo.
Quanto più volentiera
Anderave anca mi
Con un novizzo da vesin cusì! (entra in locanda)
ANZOLETTO Andemo pur ancuo, femo a la granda;
Ma no vòi più compari, né locanda. (entra in locanda)
LUCIETTA Aspettème, Anzoletto.
Ah, sento proprio, che el mio cuor s'impizza;
Alliegra magnerò, che son novizza. (entra in locanda)

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Il_campiello/Atto_terzo&oldid=50121"