Il campiello/Atto secondo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
SECONDO ATTO
1756
←  PRIMO ATTO Edission e fonte ▼ TERZO ATTO  →

SCENA PRIMA[canbia]

Donna PASQUA di casa colla scopa, poi ORSOLA.

DONNA PASQUA Vòi scoar sto campiello;
El xè pien de scoazze.
Sempre ste frasconazze
Le fa pezo dei fioi;
Le magna i garaguoi,
Le magna i biscoteli da Bologna,
E tutto le trà zo, ch'è una vergogna.
Vòi da scoar mi sola.
Lasso, che tutti pensa a casa soa;
E no vòi per nissun fruar la scoa.(va scopando dinanzi la sua porta)
ORSOLA Oe dixè, donna Pasqua; donna Pasqua.
La xè sordetta, grama!
Oe sentì, donna Pasqua.
DONNA PASQUA Chi me chiama?
ORSOLA Za che gh'avè la scoa, fème un servizio,
Dène una nettadina
Qua davanti de nu.
DONNA PASQUA Quelo, che fazzo mi, fèlo anca vu. (spazza sul suo)
ORSOLA No ve faressi mal, cara madona.
DONNA PASQUA (Vardè, che zentildona!).
ORSOLA El xè un pan, che se impresta.
DONNA PASQUA (La vol, che se ghe fazza la massera.
Chi crédela, che sia sta frittolera?).
ORSOLA Slongar la scoa un tantin
Xèla una gran fadiga?
DONNA PASQUA Cossa? (No sento ben quel, che la diga).
ORSOLA Digo cusì, sorela, che a sto mondo
Quel, che servizio fa, servizio aspetta.
DONNA PASQUA Che servizio?
ORSOLA Sè sorda, poveretta.
DONNA PASQUA Mi sorda? Sta mattina
Ghe sentiva pulito.
Una flussion se m'ha calà za un poco;
Ma credo che sia causa sto siroco.
ORSOLA Dixè, Pasqua, sentì.
DONNA PASQUA Cossa voleu da mi? (s'accosta)
ORSOLA Me seu amiga?
DONNA PASQUA Sì ben, no fazzo miga
Per no voler scoar la vostra porta;
Per vu no me n'importa;
Ma no vòi, che ste frasche, che sta qua
Le me diga massera
Dela comunità.
ORSOLA Via, via, gh'avè rason; disè, fia mia,
Dove xè vostra fia?
DONNA PASQUA La xè sentada,
Che la laora: oh, no ghe xè pericolo
Che in ozio la se veda in ste zornae.
ORSOLA La xè una puta, che me piase assae.
DONNA PASQUA Dasseno la xè bona. (si mette a spazzare alla casa di Orsola)
ORSOLA No, no v'incomodè.
DONNA PASQUA De quele no la xè...
Se me capì...
ORSOLA La xè una bona puta.
DONNA PASQUA E per dir quel, che xè, non la xè bruta.
ORSOLA Caspita! la xè un fior.
DONNA PASQUA N'è vero, fia? (spazza più forte)
ORSOLA Basta; basta cusì.
DONNA PASQUA Credèlo; la laora tutto el dì.
ORSOLA Quando la marideu?
DONNA PASQUA Grama! magari!
Ma me capiu, fia mia? fala danari.
ORSOLA Qualchedun la torave senza gnente.
DONNA PASQUA Cossa?
ORSOLA No m'intendè? vegnì darente.
DONNA PASQUA Cossa diseu, sorela?
ORSOLA La puta la xè bela,
La xè bona; chi sa?
DONNA PASQUA Magari!
ORSOLA Vegnì qua.
Vegnì de su da mi; vòi, che parlemo.
DONNA PASQUA (Chi sa, che co so fio no se giustemo?).
Vegno subito. Gnese.(chiama)

SCENA SECONDA[canbia]

GNESE, e dette

GNESE Siora, m'aveu chiamà? (in altana)
DONNA PASQUA Sì, fia mia, vago qua
Da sior'Orsola sastu?
Tornerò da qua un poco.
GNESE Sior'Orsola, patrona.
ORSOLA Sioria, fia mia.
DONNA PASQUA (Cossa dixeu, che tòco?). (a Orsola)
(Ma una volta anca mi giera cusì;
Ma chi sa, che no torna quel, che giera.
Lassè pur, che i me diga vecchia matta;
Se me marido, vegno tanto fatta). (entra da Orsola)
ORSOLA Gnese, steu ben?
GNESE Mi sì.
ORSOLA Cossa laoreu, dixè?
GNESE M'inzegno a far dei fiori da topè.
ORSOLA De quei de veludin?
GNESE De queli, e anca de queli de piumin.
ORSOLA Lassè véder.
GNESE Vardè.
ORSOLA Brava dasseno.
Per chi li feu, fia mia?
Per quei de Marzaria?
GNESE Oh, siora no;
I me vien ordenai.
Per Marzaria mi no laoro mai.
Una volta laorava.
Mai no i se contentava.
Lori i me dava vinti soldi al fior,
Ma con fadiga tanta,
E i li vendeva po più de quaranta.
Adesso i fazzo mi con del sparagno,
E gh'ho manco fadiga, e più vadagno.
ORSOLA Saveu far scuffie?
GNESE Siora sì.
ORSOLA Dasseno?
Poderessi anca far la conzateste.
GNESE Ma una puta, la vede...
ORSOLA Maridève.
GNESE Oh cossa, che la dise.
ORSOLA Sentì, care raìse,
Ve voggio ben assae; vorave certo
Véderve ben logada.
Ma le bone occasion oh le xè rare.
Sioria, vago a parlar co vostra mare. (parte)

SCENA TERZA[canbia]

GNESE, poi LUCIETTA in altana

GNESE Mia mare, poverazza,
La me marideria.
E anca mi lo faria, se se trovasse
Un partio de quei boni;
Ma se ne catta tanti de baroni!
LUCIETTA Siora Gnese garbata! (con ironia)
GNESE Cossa gh'aveu con mi?
LUCIETTA Con un'amiga no se fa cusì.
GNESE Cossa v'òi fatto?
LUCIETTA Fève da la vila.
Lo savè, che Anzoleto me vol ben,
E in casa vel tirè quando che el vien?
GNESE Ho comprà de la roba.
LUCIETTA Per comprar,
De chiamarlo de su no gh'è bisogno.
GNESE Mi a vegnir su la porta me vergogno.
LUCIETTA Vardè che casi! no ghe sè mai stada,
Siora spuzzetta, in strada?
GNESE Co gh'è mia siora mare; ma no sola.
LUCIETTA Orsù in t'una parola,
Lassème star quel puto.
GNESE Chi vel tocca?
LUCIETTA O ve dirò quel, che me vien in bocca.
GNESE Mo no, cara Lucietta,
Voggio, che siemo amighe.
LUCIETTA Mi sì, che gh'ho buon cuor.
GNESE E mi no ve vòi ben?
Voggio donarve un fior.
LUCIETTA Magari!
GNESE Mandè a tòrlo.
LUCIETTA Ma da chi?
Se no ghe xè nissun, vegnirò mi.
Oe aspettè. Zorzetto. (chiama)

SCENA QUARTA[canbia]

ZORZETTO di strada, e dette

ZORZETTO Cossa voleu?
LUCIETTA Vorave un servizietto.
ZORZETTO Comandème.
LUCIETTA Andè là.
Gnese ve darà un fior, portèlo qua.
ZORZETTO Volentiera; son qua, buttèlo zo. (a Gnese)
GNESE Oh giusto!
ZORZETTO Vegno suso?
GNESE Missier no:
Calerò zo el cestelo. (cala il fiore nel cestino)
Portèghelo a Lucietta.
ZORZETTO Mo co belo!
El someggia dasseno a chi l'ha fatto.
GNESE Andè via, che sè matto.
LUCIETTA Ti lo sprezzi?
ZORZETTO No me volè più ben?
GNESE Che puttellezzi!
ZORZETTO Ve degnévi una volta de ziogar
Co mi alle bagatele.
GNESE Eh via, che le xè cosse da putele.
LUCIETTA Adesso ti xè granda,
Gnese, oe vàrdeme in ciera,
Zogheravistu in t'un'altra maniera?
GNESE Via, ghe lo deu quel fior? (a Zorzetto, irata)
ZORZETTO Subito siora.
Cossa gh'aveu con mi? Mo che desgrazia!
Cossa mai v'òggio fatto?
GNESE Uh mala grazia! (parte)

SCENA QUINTA[canbia]

LUCIETTA e ZORZETTO

LUCIETTA Zorzi, Zorzi, ghe vedo da lontan.
Culìa la te vol ben.
ZORZETTO Giusto! una volta;
Ma adesso no vedè.
LUCIETTA Anzi più adesso.
Co la giera putela
No la pensava miga a certe cosse,
Adesso la ghe pensa, e el se cognosse.
ZORZETTO Anca mi, se ho da dir la verità
Che vòi ben in t'un modo,
Che mai più l'ho provà. Ma a sti desprezzi,
Cara siora Lucieta, no son uso.
LUCIETTA Pòrteme el fior, Zorzetto, vien desuso.
ZORZETTO Quel che volè; gh'ho voggia,
Che parlemo un tantin.
LUCIETTA No ti è più fantolin; quanti ani gh'àstu?
ZORZETTO Sedese, o disisette.
LUCIETTA Mio zerman
S'ha maridà de quindese.
ZORZETTO Mo adesso
Me fè rabbia anca vu.
LUCIETTA Povero pampalugo, vien de su.
ZORZETTO Vegno. (va per entrare)

SCENA SESTA[canbia]

ANZOLETTO e detti

ANZOLETTO Indrio, sior scartozzetto.(dà una spinta a Zorzetto)
LUCIETTA Che strambazzo!
ZORZETTO Cossa v'òi fatto?
ANZOLETTO Indrio,
Che ve dago uno schiaffazzo.
ZORZETTO Mo per cossa?
LUCIETTA Vardè là, che bel sesto!
ANZOLETTO Senti, sastu? a sta porta
No ghe vegnir mai più.
ZORZETTO Che portava sto fior. Dèghelo vu.(getta il fiore in terra)
ANZOLETTO A Lucietta sto fior?
Tocco de desgrazià.
ZORZETTO Siora mare, i me dà.

SCENA SETTIMA[canbia]

ORSOLA sul pergolo, e detti

ORSOLA Cossa te fai, fio mio?
Oe, lassè star mio fio,
Che per diana de dia se vegno zo,
Qualcossa su la testa ve darò.
LUCIETTA Via, via, manco sussuro.
ANZOLETTO Sto spuzzetta
No voggio, che el ghe parla co Lucietta.
ZORZETTO Cossa m'importa a mi?
ORSOLA Za per culìa
Sempre se fa baruffa.
LUCIETTA Voleu, che ve la diga, che son stuffa?
ORSOLA No se ghe poi più star in sto campielo
Co sta sorte de zente.
LUCIETTA Oe, oe, come parleu?
ORSOLA Vardè là, che lustrissima! Chi seu?
LUCIETTA Frittolera.
ANZOLETTO Tasè. (a Lucietta)
ORSOLA Sporca.
ANZOLETTO Sangue de diana,
Che debotto debotto... (verso Orsola)
ZORZETTO Cossa voressi far? (contro Anzoletto)
ANZOLETTO Via, sior pissotto. (minacciandolo)
ORSOLA Lassèlo star quel puto, e vu patrona
Mio fio no lo vardè.
LUCIETTA Oh, no v'indubitè, che no vel tocco;
Vardè che bel aloco!
Che no ghe sia de meggio in sto paese?
Vardè, che fusto! Che lo lasso a Gnese.

SCENA OTTAVA[canbia]

GNESE in altana, e detti

GNESE Cossa parleu de mi?
LUCIETTA Coss'è, patrona?
Seu vegnua fora, perché gh'è Anzoletto?
GNESE Vardè, che sesti!
ORSOLA Vien de su, Zorzetto.
ZORZETTO Siora no, vòi star qua.
ORSOLA Cusì ti parli?
ZORZETTO Sta volta voggio far a modo mio.
ORSOLA Vien de suso, te digo.
LUCIETTA Oh che gran fio!
ORSOLA Vardève vu, fraschetta.

SCENA NONA[canbia]

Donna CATTE in istrada, e detti

DONNA CATTE Oe, no stè a strapazzar la mia Lucietta.
ORSOLA Mi gh'ho qualche rason, se la strappazzo.
DONNA CATTE In sto campiello se mettemio a mazzo?
L'è una puta da ben;
E no la xè de quele...
GNESE Le altre, cara siora, cossa xèle?
DONNA CATTE Tasi, che ti ha bon tàser.
GNESE Oh no son miga muta.

SCENA DECIMA[canbia]

Donna PASQUA di casa d'Orsola, e detti; poi il CAVALIERE

DONNA PASQUA Cossa voressi dir de la mia puta?
DONNA CATTE Tasè, che la ghe sente.
GNESE Vegnì su, siora mare.
DONNA PASQUA Cossa gh'è? (a Gnese)
CAVALIERE Sento gridar, si può saper perché?
ANZOLETTO Cossa gh'ìntrelo, sior?
CAVALIERE Se non vi spiace,
Vi entro sol per la pace.
ANZOLETTO La diga, mio patron,
Su quela putta gh'àlo pretension? (accenna Lucietta)
CAVALIERE Niente affatto.
LUCIETTA Sentìu, sior Anzoletto?
CAVALIERE Io per tutte le donne ho del rispetto.
Mi piace l'allegria,
Godo la compagnia;
E quel tempo, ch'io sto quivi di stanza
Vorrei quieta mirar la vicinanza.
Donne si può sapere
La causa di un sì grande mormorio?
ORSOLA La diga, sior, che i lassa star mio fio.
CAVALIERE Chi l'oltraggia di voi?
ZORZETTO Quel, che xè là.
Mi no gh'ho fatto gnente, e lu el m'ha dà.
CAVALIERE Per qual ragion? (ad Angiolo)
ANZOLETTO No voggio
Che el varda quella puta,
Che el vaga in casa, e che el ghe porta i fiori.
LUCIETTA Gnese, quel fior me l'àstu donà ti?
GNESE Mi ghe lo ho dà. Sior sì.
CAVALIERE Orsù, che si finisca
Di gridar, buona gente.
Amici come prima, allegramente.
LUCIETTA Vienstu de su, Anzoletto?
ANZOLETTO Sempre la xè cusì.
DONNA CATTE Via, via, sior matto, vegnì via con mi. (prende Anzoletto per la mano, e lo conduce in casa)
CAVALIERE Brava la vecchia; lo tirò con essa.
GNESE So fia la xè promessa
Quello xè el so novizzo.
No gh'è mal, sior foresto.
CAVALIERE Questo si chiama un ragionare onesto.
LUCIETTA E ti, che ti lo sa, làsselo star.
GNESE No, no te indubitar,
Che no lo chiamo più.
LUCIETTA Vegno, vegno, fio mio; caro colù. (entra)
CAVALIERE Siamo di carnevale;
Siamo in luogo a proposito
Per fare un po' di chiasso fra di noi.
Son forastier, mi raccomando a voi.
ORSOLA Zorzi vienstu dessuso?
ZORZETTO Siora sì.
ORSOLA Vien, che t'ho da parlar, vien su, fio mio.
ZORZETTO Sior'Agnese, patrona. (parte)
ORSOLA El m'ha obbedio. (entra)
GNESE Via, vegnìu, siora mare? Siora mare. (forte)
DONNA PASQUA Chiàmistu?
GNESE Vegnìu su?
DONNA PASQUA Vegno, t'ho da parlar.
GNESE Vegnì, che mi me sento a laorar. (vuol ritirarsi)
CAVALIERE Riverisco. (a Gnese)
GNESE Patron.
CAVALIERE Ragazza addio.
GNESE Ghe fazzo un repeton. (entra)
CAVALIERE Ditemi, un repetone
Cosa vuol dir? (A DONNA Pasqua, che s'incammina verso casa e non lo sente)
DONNA PASQUA Patron.
CAVALIERE Ditemi, che vuol dire un repeton?
DONNA PASQUA Vol dir un bel saludo.
Ghe lo fazzo anca mi.
CAVALIERE Quella è la figliuola vostra?
DONNA PASQUA Patron sì.
CAVALIERE È una giovin di garbo.
DONNA PASQUA No se sàlo?
L'ho fatta mi.
CAVALIERE Come le piace il ballo?
DONNA PASQUA Cossa dìselo?
CAVALIERE Dico,
Se le piace ballar.
DONNA PASQUA Caspita! e come!
Co la fa le furlane
La par una saeta:
I ghe dixe la bela furlaneta.
CAVALIERE Vo' che balliamo dunque.
DONNA PASQUA O sì, sì, caro sior,
E anca mi co ghe son, me fazzo onor.
CAVALIERE Ballerete con me?
DONNA PASQUA L'è tanto belo!
No vòi balar con altri, che con elo. (entra in casa)

SCENA UNDICESIMA[canbia]

Il CAVALIERE, poi GASPARINA

CAVALIERE Oh, son pure obbligato
A chi un sì bell'alloggio mi ha trovato.
Nol cambierei con un palazzo augusto:
Ci ho con gente simil tutto il mio gusto.
GASPARINA Che el diga quel che el vol zto mio zior barba.
Lu coi libri el zavaria,
E mi voggio chiappar un poco de aria.
Anderò da mia zantola,
Che zè poco lontana.
CAVALIERE (Ecco la giovine,
Che ho veduto da prima).
GASPARINA (Oh vèlo qua quel zior).
CAVALIERE (Mi par bellissima).
Servitore di lei.
GASPARINA Zerva umilizzima.
CAVALIERE (Che vezzoso parlar!).
GASPARINA (Voggio in caza tornar). (s'accosta alla casa)
CAVALIERE Rigorosissima
Meco siete così?
GASPARINA Zerva umilizzima.
CAVALIERE Io sono un cavaliere,
Egli è ver, forastiere;
Ma per le donne ho sentimenti onesti.
GASPARINA (Oh, che i me piaze tanto zti foresti).
CAVALIERE Bramo, se fia possibile,
Di servirvi l'onore, e in me vedrete
Esser per voi la servitù onestissima.
Aggraditela almen.
GASPARINA Zerva umilizzima.
CAVALIERE Lasciam le cirimonie, favorite.
Siete zitella?
GASPARINA No lo zo dazzeno.
CAVALIERE Nol sapete? tal cosa io non comprendo.
GASPARINA Zto nome de zitella io non l'intendo.
CAVALIERE Fanciulla voglio dir.
GASPARINA No zo capirla.
Ze zon puta?
CAVALIERE Così.
GASPARINA Per obbedirla.
CAVALIERE Troppo gentile! Avete genitori?
GASPARINA No l'intende n'è vero,
Troppo el noztro parlar?
CAVALIERE Così e così.
GASPARINA Me zaverò zpiegar.
CAVALIERE Avete genitori?
GASPARINA Mio padre zono morto,
E la mia genitrice ancora ezza.
M'intendela?
CAVALIERE Bravissima,
Voi parlate assai ben.
GASPARINA Zerva umilizzima.
CAVALIERE Ma chi avete con voi?
GASPARINA Tengo, zignore,
Un altro genitore.
CAVALIERE Un altro padre?
GASPARINA Oh zior no; cozza dizelo? Gh'ho un barba.
CAVALIERE La barba?
GASPARINA Adezzo, che ghe penza: un zio,
Che zè quel che comanda, e zta con io.
CAVALIERE Ora capisco; brava.
Ma questo zio non vi marita ancora?
GASPARINA Zono un poco a bonora.
CAVALIERE È ver, voi siete
Ancora giovinissima,
Ma graziosa però.
GASPARINA Zerva umilizzima.
CAVALIERE Voi avete, una grazia, che innamora.
GASPARINA Zèlo più ztà a Venezia?
CAVALIERE Questa è la prima volta.
GASPARINA El vederà
Ze ghe zè del bon gusto in zta città.
CAVALIERE Lo capisco da voi.
GASPARINA No fo per dire,
Ma pozzo comparire.
Me capìzzela?
CAVALIERE Sì che vi capisco.
GASPARINA Quando, ch'io voggio, zo parlar toscana,
Che no par, che zia gnanca veneziana.
CAVALIERE Avete una pronuncia, che è dolcissima.
Voi parlate assai bene.
GASPARINA Obbligatizzima.
CAVALIERE E quell'aria!
GASPARINA La diga, m'àlo vizto
A caminar?
CAVALIERE Un poco,
Fatemi la finezza,
Voi passeggiate, che a vedervi io resto.
GASPARINA Vedela, zior forezto?
Una volta ze andava
Cuzzì, cuzzì, cuzzì.
Adesso ze va via
Cuzzì, cuzzì, cuzzì.
CAVALIERE Brava in ogni maniera.
GASPARINA Vago da ziora zantola.
CAVALIERE Vi servo, se degnate
Quella, ch'io vi offro, servitù umilissima.
GASPARINA Li zono obbligatizzima.
No voggio, che el zignor venga con io,
Perché ho paura del zior barba zio.
CAVALIERE Egli qui non vi vede, e non sa nulla.
GASPARINA Una puta fanziulla
Deve ancor non veduta
Aricordarzi, che è fanciulla, e puta.
CAVALIERE Non volete onorarmi?
GASPARINA La prego dizpenzarmi.
CAVALIERE Ritornerete presto?
GASPARINA Ritornerò a diznare.
M'intende?
CAVALIERE Sì, capisco,
Ritornerete a pranzo.
GASPARINA Zì, a pranzare.
CAVALIERE Non mi private della grazia vostra.
GASPARINA Ella è padrone della grazia noztra.
CAVALIERE Andate pur, non vi trattengo più.
GASPARINA Zerva. (s'inchina)
CAVALIERE Madamigella. (s'inchina)
GASPARINA Addio, monzù. (partono da varie parti)