Il Fiato

Da Wikisource
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
EPUB   MOBI   PDF   RTF   TXT
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Il Fiato
traduzion de una poesia de Giovanni Meli in lengua siciliana
XVIII secolo

 Edission original:   

Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano, Volume primo: Poesie di Anton Maria Lamberti, a cura de Bartolommeo Gamba, Venezia, al negozio di libri all'Apollo, dalla Tipografia di Alvisopoli, 1817

 Fonte:

Indice:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu

Edission e fonte ▼
Altra edizion: El fià (1845)
[p. 42 modifica]
IL FIATO


TRADUZIONE DAL SICILIANO


Delizioso profumeto
     Del qual st'aria xe vestia,
     Chi te manda? e da che via?
     4Che indovino ghe scometo,
Dirìa qualche testa sbusa,
     Che ti è fio dei più bei fiori;
     Che i so' balsemi, i so' odori,
     8Xe in ti uniti a la refusa.
Mi nol nego, la fragranza,
     Che dà ai fiori la Natura,
     Più balsamica, più pura,
     12Ghe xe in ti, ma ghe ne avanza;
Diria un altro: un zefireto
     Da l'Arabia fortunada
     Quel'essenza prelibada
     16Suna suso, e vien qua dreto.
Oh! se i boschi dei Sabei,
     Se d'Arabia l'erbe e i fiori

[p. 43 modifica]

     I gavesse de sti odori
     20Ghe starave drento i Dei!
Ti, ti ridi, che i se ingana:
     Ah, baron de profumeto,
     Che indovino ghe scometo?
     24Ti xe el fià de la mia Nana.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Il_Fiato&oldid=68206"