I Rusteghi/Atto secondo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
SECONDO ATTO
1760
←  PRIMO ATTO Edission e fonte ▼ TERZO ATTO  →

SCENA PRIMA[canbia]

Camera in casa di Lunardo

MARGARITA vestita con proprietà, e LUCIETTA

LUCIETTA Brava, siora madre. Mo co pulito, che la s'ha vestìo.
MARGARITA Cossa voleu, cara fia? Se vien sta zente ancuo, voleu, che staga, figurarse, co fa una massèra?
LUCIETTA E mi, che figura vorla che fazza?
MARGARITA Vu da puta stè ben.
LUCIETTA Eh sì sì, stago ben! Co no son amalada, stago ben.
MARGARITA Mi no so cossa dir, cara fia. Se podesse, me piaserave anca a mi che gh'avessi el vostro bisogno; ma savè chi xè vostro pare. Con élo no se pol parlar. Se ghe digo de farve qualcossa, el me salta a i occhi. El dise, che le pute le ha da andar desmesse1; el me sa dir, che ve meto su2; e mi, per no sentir a criar, no me n'impazzo; lasso, che el fazza élo. Finalmente no sè mia fia, no me posso tòr certe boniman.3
LUCIETTA Eh lo so, lo so, che no son so fia. (mortificata)
MARGARITA Cossa voressi dir? No ve voggio ben fursi?4
LUCIETTA Siora sì, la me ne vol; ma no la se scalda gnente per mi. Se fusse so fia, co5 vien zente de suggizion, no la lasserave miga che stasse co la traversa6 davanti.
MARGARITA Via, cavèvela la traversa.
LUCIETTA E po, co me l'averò cavada?
MARGARITA Co ve l'averà cavada, figurarse, no la gh'averè più.
LUCIETTA Eh za! crédela, che no sappia, che la me burla?
MARGARITA Me fè da rider. Cossa voressi?
LUCIETTA Vorave anca mi comparir cofà7 le altre.
MARGARITA Disèghelo a vostro padre. Voleu, che manda a chiamar un sartor in scondon8, e che ve fazza un abito? E po? xèlo orbo sior Lunardo? Credeu, figurarse, che nol ve l'abia da véder?
LUCIETTA Mi no digo un abito; ma qualcossa almanco. La varda; no gh'ho gnanca un fià de cascate9. Gh'ho sto strazzo de goliè da colo, che me vergogno. E xè antigo cofà mia nona. Per casa co sto abito no stago mal; ma ghe voria, cusì, qualcossa, che paresse bon. Son zovene, e no son mo gnanca una pitocca, me par che qualche bagatela no la me desdiga.10
MARGARITA Aspetè. Se volè un pèr de cascate, ve le darò mi de le mie. Voleu una colana de perle?
LUCIETTA Magari.
MARGARITA Adesso ve la vago a tòr. (Poverazza! la compatisso. Nu altre donne, figurarse, semo tute cusì). (parte)

SCENA SECONDA[canbia]

LUCIETTA e detta.

LUCIETTA Vardè! la dise, che mio sior padre no vol. Credo, che la sia éla mi, che no voggia. Xè vero, che sior padre xè un omo rustego, e che in casa nol vol certe bele cosse, ma éla però la s'ha savesto vestir, e co la vol un abito, la se lo fa, e la lassa che el diga. Ma per mi, poverazza, no se ghe pensa. Maregna11, basta cussì. E po la cognosso, la gh'ha rabbia con mi, perché son più zovene, e più bela de éla. In casa ghe fazzo fastidio. La me dise fia co la boca streta; co ghe digo siora madre, la gh'ha paura che ghe fazza crescer i ani.
MARGARITA Via, cavève quela traversa.
LUCIETTA Siora sì, subito. (si cava il grembiale)
MARGARITA Vegnì qua, che ve meterò le cascate.
LUCIETTA Cara éla, la lassa véder.
MARGARITA Vardè; le xè squasi nòve.
LUCIETTA Cossa vorla, che fazza de sti scovoli12 da lavar i piati?
MARGARITA Scovoli ghe disè? Un pèr de cascate de cambrada, che no le ho doperae quatro volte?
LUCIETTA No la vede co fiappe13 che le xè?
MARGARITA Vardè, che desgrazia! certo, che i ve vegnirà a vardar le cascate, se le xè de lissìa.14
LUCIETTA Le soe però le xè nete.
MARGARITA Che cara siora! vo voressi meter co mi? Queste xè le cascate: se le volè, metèvele; se ghe ne volè de meggio, catèvene.
LUCIETTA Via, no la vaga in colera, che me le meterò.
MARGARITA Vegnì qua. Za, co ste spuzzete15, più che se fa, se fa pezo. (mettendole le cascate)
LUCIETTA Certo! la fa assae per mi. (accomodandosi le cascate)
MARGARITA Fazzo più de quel che me tocca. (come sopra)
LUCIETTA Cara éla, che no la se struppia. (come sopra)
MARGARITA Sè ben insolente sta matina. (come sopra, tirandola)
LUCIETTA Mo via, no la me staga a strascinar, che no son miga una bestia.
MARGARITA No, no, no v'indubitè, che no ve vegnirò più intorno. Sè tropo delicata, siora. Fève servir da la serva, che con vu no me ne voggio impazzar.
LUCIETTA Gh'àla le perle?
MARGARITA No so gnente: no voggio più mustazzae.16
LUCIETTA Via mo; cara éla.
MARGARITA Mata inspiritada, che son, a deventar mata co sta frascona.
LUCIETTA (piange, e si asciuga col fazzoletto)
MARGARITA Coss'è stà? cossa gh'aveu?
LUCIETTA (piange)
MARGARITA Pianzè? cossa v'òggio fato?
LUCIETTA La m'ha dito... de darme... una colana de perle... e no la me la vol... più dar. (piangendo)
MARGARITA Mo se me fè andar in colera.
LUCIETTA Me la dàla?
MARGARITA Via, vegnì qua. (le vuol mettere la collana)
LUCIETTA La lassa véder.
MARGARITA Trovereu da dir anca in questo? Lassè, lassè, che ve la zola.17
LUCIETTA La sarà qualche antigaggia.18 (piano, brontolando)
MARGARITA Cossa diseu? (allacciando la collana)
LUCIETTA Gnente.
MARGARITA Sempre brontolè. (come sopra)
LUCIETTA La varda; una perla rota. (si trova una perla rotta in seno)
MARGARITA E cusì? cossa importa? Slarghèle un pochetin.19
LUCIETTA Xèle tute rote?
MARGARITA Deboto me faressi dir...
LUCIETTA Quanti ani gh'àla sta colana?
MARGARITA Voleu zogar20, che ve la cavo, e la porto via?
LUCIETTA De diana! sempre la cria.
MARGARITA Mo se no ve contentè mai.
LUCIETTA Staghio ben?
MARGARITA Stè benissimo.
LUCIETTA Me fàla ben al viso?
MARGARITA Pulito, ve digo, pulito. (La gh'ha un'ambizion maledetonazza21).
LUCIETTA (No ghe credo gnente, me vòi vardar22). (tira fuori di tasca uno specchietto)
MARGARITA El specchio gh'avè in scarsela23?
LUCIETTA Oh el xè un strazzetto24.
MARGARITA Se vostro sior padre ve lo vede!
LUCIETTA Via, no la ghe lo staga a dir.
MARGARITA Vèlo qua, vedè, che el vien.
LUCIETTA Sia malignazo! No m'ho gnanca podesto véder ben. (mette via lo specchio)

SCENA TERZA[canbia]

LUNARDO e dette

LUNARDO Coss'è, siora? andeu al festin? (a Margarita)
MARGARITA Tolè. Vèlo qua. Me vesto una volta a l'anno, e el brontola. Aveu paura, figurarse, che ve manda in mal'ora?
LUNARDO Mi no m'importa, che fruessi25, vegnimo a dir el merito, anca un abito a la setimana. Grazie al Cielo, no son de quei omeni che patissa la spienza26. Cento ducati li posso spender. Ma no in ste buffonarie; cossa voleu che diga quei galantomeni, che vien da mi? Che sè la piavola de Franza27. No me vòi far smatar.
LUCIETTA (Gh'ho gusto in verità, che el ghe diga roba28).
MARGARITA Come credeu, che vegnirà vestìe quelle altre? Co una scarpa, e un zoccolo?
LUNARDO Lassè, che le vegna come che le vol. In casa mia no s'ha mai praticà de ste cargadure, e no vòi scomenzar, e no me vòi far meter sui ventoli. M'aveu capìo?
LUCIETTA Dasseno, sior padre, ghe l'ho dito anca mi.
LUNARDO Senti sa, no tòr esempio da éla... Coss'è quela roba? Cossa xè quei diavolezzi, che ti gh'ha al colo? (a Lucietta)
LUCIETTA Eh gnente, sior padre. Una strazzaria, un'antigaggia.
LUNARDO Càvete quele perle.
MARGARITA Dasseno, sior Lunardo, che ghe l'ho dito anca mi.
LUCIETTA Via, caro élo, semo de carneval.
LUNARDO Cossa s'intende? che siè in maschera? No voggio sti putelezzi. Ancuo vien zente; se i ve vede, no voggio, che i diga, che la fia xè mata, e che el pare no gh'ha giudizio. Dà qua quele perle. (va per levarle, ella si difende) Cossa xè quei sbrindoli29. Cascate, patrona? cascate? Chi v'ha dà quei sporchezzi?30
LUCIETTA Me l'ha dae siora madre.
LUNARDO Dona mata! cusì pulito arlevè mia fia? (a Margarita)
MARGARITA Se no la contento, la dise che la odio, che no ghe vòi ben.
LUNARDO Da quando in qua ve xè vegnù in testa sti grili?
LUCIETTA L'ho vista éla vestìa, me xè vegnù voggia anca a mi. (a Margarita)
LUNARDO Sentìu? Questa xè la rason del cativo esempio.
MARGARITA Ela xè pura, e mi son maridada.
LUNARDO Le maridae ha da dar bon esempio a le pute.
MARGARITA Mi no m'ho maridà, figurarse, per vegnir a deventar mata co i vostri fioi.
LUNARDO Né mi v'ho tolto, vegnimo a dir el merito, acciò, che vegnì a discreditar la mia casa.
MARGARITA Ve fazzo onor più de quelo, che meritè.
LUNARDO Anemo, andève subito a despoggiar. (a Margherita)
MARGARITA No ve dago sto gusto gnanca se me copè.
LUNARDO E vu no vegnirè a tola.
MARGARITA No ghe penso né bezzo, né bagatin.
LUCIETTA E mi, sior padre, vegniroggio a tola?
LUNARDO Càvete quelle strazzarie.
LUCIETTA Sior sì, co nol vol altro che el toga. Mi son ubidiente. La varda che roba: gnanca vergogna che me le meta. (si cava le perle e cascate)
LUNARDO Vedeu? Se cognosse che la xè ben arlevada. Eh la mia prima muggier povereta! quela giera una donna de sesto31. No la se meteva un galan32 senza dirmelo; e co mi no voleva, giera fenìo, no ghe giera altre risposte. Siestu benedeta dove che ti xè33. Mato inspirità, che son stà mi a tornarme a maridar.
MARGARITA Mi mi ho fato un bon negozio a tòr un satiro per mario.
LUNARDO Povera grama! ve manca el vostro bisogno? no gh'avè da magnar?
MARGARITA Certo! una dona co la gh'ha da magnar, no ghe manca altro!
LUNARDO Cossa ve manca?
MARGARITA Caro vu, no me fè parlar.
LUCIETTA Sior padre.
LUNARDO Cossa gh'è?
LUCIETTA No me meterò più gnente, senza dirghelo sàlo?
LUNARDO Ti farà ben.
LUCIETTA Gnanca se me lo dirà siora madre.
MARGARITA Eh mozzina! se cognossemo. Sul so viso, figurarse, tegnì da élo, e po da drio le spale tirè zoso a campane doppie.
LUCIETTA Mi, siora?
LUNARDO Tasè là. (a Lucietta)
LUCIETTA La dise delle busie34. (a Lunardo)
MARGARITA Sentìu come che la parla? (a Lunardo)
LUNARDO Tasè là ve digo. Co la maregna no se parla cusì. Gh'avè da portar respeto; l'avè da tegnir in conto de mare.
LUCIETTA De mi no la se pol lamentar. (a Lunardo)
MARGARITA E mi... (a Lunardo)
LUNARDO E vu, vegnimo a dir el merito, despoggiève, che farè meggio.
MARGARITA Diseu dasseno?
LUNARDO Digo dasseno.
LUCIETTA (Oh magari!)
MARGARITA Son capace de strazzarlo sto abito in cento tocchi.
LUNARDO Animo scomenzè, che ve aggiuterò.
LUCIETTA Sior padre, vien zente.
LUNARDO Aseni! i averze senza dir gnente? Andè via de qua.
LUCIETTA Mo per cossa?
LUNARDO Andève a despoggiar. (a Margarita)
MARGARITA Cossa voleu, che i diga?
LUNARDO Cospeto, e tacca via!35

SCENA QUARTA[canbia]

SIMON, MARINA e detti.

MARINA Patrona, siora Margarita.
MARGARITA Patrona, siora Marina.36
LUCIETTA Patrona.
MARINA Patrona, fia, patrona.
MARGARITA Sior Simon, patron.
SIMON Patrona. (ruvido)
MARINA Sior Lunardo, gnanca? Pazenzia.
LUNARDO La reverisso. (Cavève37). (a Lucietta)
LUCIETTA (Gnanca se i me coppa no vago via).
SIMON Semo qua, sior Lunardo, a ricever le vostre grazie.
LUNARDO (Quela mata de mia muggier, ancuo la me vol far magnar tanto velen).
SIMON Mio cugnà Maurizio nol xè gnancora vegnù. (a Lunardo)
LUNARDO (Figurève cossa che el dirà sior Simon in tel so cuor, a véder sta cargadura38 de mia muggier).
MARINA (Vardè che bel sesto! nol ve bada gnanca). (a Simon)
SIMON Tasè là, va; cossa gh'intreu? (a Marina)
MARINA Cara quela grazieta! (a Simon)
MARGARITA Via, siora Marina, la se cava zoso.
MARINA Volentiera. (vuole spuntarsi il zendale)
LUNARDO Andè de là, siora, a cavarghe la vesta, e el zendà. (con rabbia a Margarita)
MARGARITA Via, via, figurarse, no me magnè. Andemo, siora Marina.
LUNARDO E despoggiève anca vu. (a Margarita)
MARGARITA Anca mi m'ho da despoggiar? Cosa dìsela, siora Marina? El vol, che me despoggia. Xèlo belo mio mario? (ridendo)
MARINA De mi no la gh'ha d'aver suggizion. (a Margarita)
LUNARDO Sentìu? che bisogno ghe giera, vegnimo a dir el merito, che ve vestissi in andriè? (a Margarita)
MARGARITA Che caro sior Lunardo! e éla, figurarse, come xèla vestìa?
LUNARDO Éla xè fora de casa, e vu sè in casa.
SIMON Anca mi ho combatù do ore co sta mata. La s'ha volesto vestir a so modo. (a Lunardo) Mandè a casa a tòr el vostro cotuss.39 (a Marina)
MARINA Figurève se mando!
MARGARITA Andémo, andémo, siora Marina.
MARINA Vardè! gnanca se fussimo vestìe de ganzo40!
MARGARITA I xè cusì. Se gh'ha la roba, e no i vol che la se dopera.
MARINA I vederà siora Felice, come che la xè vestìa.
MARGARITA L'aveu vista?
MARINA La xè stada da mi.
MARGARITA Come gièrela, cara va?
MARINA Oe, in tabarin. (con esclamazione)
MARGARITA In tabarin?
MARINA E co pulito!
MARGARITA Sentìu, sior Lunardo? Siora Felice, figurarse, la xè in tabarin.
LUNARDO Mi no intro in ti fati dei altri. Ve digo a vu, vegnimo a dir el merito, che la xè una vergogna.
MARGARITA Che abito gh'avévela? (a Marina)
MARINA Arzento a sguazzo.41
MARGARITA Sentìu? Siora Felice gh'ha l'abito co l'arzento, e vu criè perché gh'ho sto strazzeto de séa42? (a Lunardo)
LUNARDO Cavèvelo, ve digo.
MARGARITA Sè ben minchion, se el credè. Andémo, andémo siora Marina. Se ghe tendessimo a lori43, i ne meterave i moccoli drio44. Se poderessimo ficcar in canèo45. Della roba ghe n'ho, e fin che son zovene me la voggio gòder. (a Marina) Ma no gh'è altro; cusì la xè. (a Lunardo, e parte)
LUNARDO Custìa la me vol tirar a cimento
MARINA Caro sior Lunardo, bisogna compatirla. La xè ambiziosa; certo che no ghe giera bisogno, che per casa la mostrasse sta affetazion, ma la xè zovene: no la gh'ha gnancora el so bon intendacchio.46
SIMON Tasè là. Vardève vu, siora petegola.
MARINA Se no portasse respeto dove che son...
SIMON Cossa diressi?
MARINA Ve diria di chi v'ha nanìo47. (Orso del diavolo). (parte)

SCENA QUINTA[canbia]

LUNARDO e SIMON

SIMON Maridève, che gh'averè de sti gusti.
LUNARDO Ve recordeu de la prima muggier? Quella giera una bona creatura; ma questa la xè un muschieto! (a Simon)
SIMON Ma mi, mato bestia, che le donne no le ho mai podeste soffrir, e po son andà a ingambararme co sto diavolo descaenà.
LUNARDO Al dì d'ancuo no se se pol più maridar.
SIMON Se se vol tegnir la muggier in dover, se xè salvadeghi; se la se lassa far, se xè alocchi.
LUNARDO Se no giera per quella puta che gh'ho, ve protesto da galantomo, vegnimo a dir el merito, che no m'intrigava con altre donne.
SIMON Me xè stà dito, che la maridè; xe vero?
LUNARDO Chi ve l'ha dito? (con isdegno)
SIMON Mia muggier.
LUNARDO Come l'ala savesto? (con isdegno)
SIMON Credo, che ghe l'abia dito so nevodo.
LUNARDO Felipeto?
SIMON Sì, Felipeto.
LUNARDO Frascon, petegolo; babuin! So pare ghe l'ha confidà, e lu subito el lo xè andà a squaquarar? Conosso, che nol xè quel puto, che credeva, che el fusse. Son squasi pentìo d'averla promessa, e ghe mancherave poco, vegnimo a dir el merito, che no strazzasse el contrato.
SIMON Ve n'aveu per mal, perché el ghe l'ha dito a so àmia?
LUNARDO Sior sì; chi no sa tàser, no gh'ha prudenza, e chi no gh'ha prudenza, no xè omo da maridar.
SIMON Gh'avè rason, caro vecchio; ma al dì d'ancuo no ghe ne xè più de quei zoveni del nostro tempo. V'arecordeu? No se fava né più, né manco de quel che voleva nostro sior pare.
LUNARDO Mi gh'aveva do sorele maridae: no credo averle viste diese48 volte in tempo de vita mia.
SIMON Mi no parlava squasi mai gnanca co mia siora mare.
LUNARDO Mi al dì d'ancuo no so cossa che sia un'opera, una comedia.
SIMON Mi i m'ha menà una sera per forza all'opera, e ho sempre dormìo.
LUNARDO Mio pare, co giera zovene, el me diseva: Vustu véder el Mondo niovo49? o vusto, che te daga do soldi? Mi me taccava ai do soldi.
SIMON E mi? sunava le boneman50, e qualche soldeto, che ghe bruscava51, e ho fato cento ducati, e i ho investii al quatro per cento, e gh'ho quattro ducati de più d'intrada; e co i scuodo52 gh'ho un gusto cusì grando, che no ve posso fenir de dir. No miga per l'avarizia dei quatro ducati, ma gh'ho gusto de poder dir: tolè; questi me li ho vadagnai da putelo.
LUNARDO Trovèghene uno ancuo, che fazza cusì. I li buta via, vegnimo a dir el merito, a palae.53
SIMON E pazenzia i bezzi, che i buta via. Xè che i se precipita in cento maniere.
LUNARDO E tuto xè causa la libertà.
SIMON Sior sì, co i se sa meter le braghesse54 da so posta, subito i scomenza a praticar.
LUNARDO E saveu chi ghe insegna? So mare.
SIMON No me disè altro: ho sentìo cosse, che me fa drezzar i cavei.
LUNARDO Sior sì; cusì le dise: Povero putelo! che el se deverta, povereto! voleu, che el mora da malinconia? Co vien zente, le lo chiama: Vien qua, fio mio; la varda, siora Lugrezia, ste care raìse55, no fàlo vogia?56 Se la savesse co spiritoso, che el xè! Cànteghe quella canzoneta: dighe quela bela scena de Trufaldin. No digo per dir, ma el sa far de tuto; el bala, el zoga a le carte, el fa dei soneti; el gh'ha la morosa, sàla? El dise, che el se vol maridar. El xè un poco insolente, ma pazenzia, el xè ancora putelo, el farà giudizio. Caro colù; vien qua vita mia; dàghe un baso a siora Lugrezia... Via; sporchezzi; vergogna; donne senza giudizio.
SIMON Cossa che pagherave, che ghe fusse qua a sentirve sete o oto de quele donne, che cognosso mi.
LUNARDO Cospeto de diana! le me sgrafarave i occhi.
SIMON Ho paura de sì; e cussì, disème: aveu serà el contrato co sior Maurizio?
LUNARDO Vegnì in mezà57 da mi, che ve conterò tuto.
SIMON Mia muggier sarà de là co la vostra.
LUNARDO No voleu?
SIMON No ghe sarà nissun m'imagino.
LUNARDO In casa mia? no vien nissun senza che mi lo sappia.
SIMON Se savessi! da mi stamatina... basta, no digo altro.
LUNARDO Contème... cossa xè stà?
SIMON Andémo, andémo; ve conterò. Donne, donne, e po donne.
LUNARDO Chi dise donna, vegnimo a dir el merito, dise danno.
SIMON Bravo da galantomo. (ridendo ed abbracciando Lunardo)
LUNARDO E pur, se ho da dir la verità, no le m'ha despiasso.
SIMON Gnanca a mi veramente.
LUNARDO Ma in casa.
SIMON E soli.
LUNARDO E co le porte serae.
SIMON E co i balboni inchiodai.
LUNARDO E tegnirle basse.
SIMON E farle far a nostro modo.
LUNARDO E chi xè omeni, ha da far cusì. (parte)
SIMON E chi no fa cusì no xè omeni. (parte)

SCENA SESTA[canbia]

Altra camera

MARGARITA e MARINA

MARINA Fème a mi sto servizio. Chiamè Lucieta, e disémoghe qualcossa de sto so novizzo. Consolémola, e sentimo cossa, che la sa dir.
MARGARITA Credème, siora Marina, che no la lo merita.
MARINA Mo perché?
MARGARITA Perché la xè una frascona. Procuro per tuti i versi de contentarla, e la xè con mi, figurarse, ingrata, altiera, e sofistica al mazor segno.
MARINA Cara fia, bisogna compatir la zoventù.
MARGARITA Cossa credeu? che la sia una putela?
MARINA Quanti anni gh'averàla?
MARGARITA Mo la gh'averà i so disdot'ani fenii lu.
MARINA Eh via!58
MARGARITA Sì! da quella che son.
MARINA E mio nevodo ghe n'ha vinti deboto.
MARGARITA Per età i va pulito.
MARINA Disè mo anca, che el xè un bon puto.
MARGARITA Se ho da dir la verità, gnanca Lucieta no xè cativa; ma cusì; la va a lune. De le volte la me strucola de carezze,59 e de le volte la me fa inrabiar.
MARINA I xè i so anni, fia mia. Credèmelo, che me recordo giusto come se fusse adesso: anca mi fava cusì con mia siora madre.
MARGARITA Ma gh'è diferenza, vedeu? Una mare pol soportar, ma a mi no la me xè gnente.
MARINA La xè de vostro mario.
MARGARITA Giusto élo me fa passar la vogia de torme qualche pensier; perché se la contento, el cria; se no la contento, el brontola. In verità no so più quala far.
MARINA Fè de tuto, che la se destriga.
MARGARITA Magari doman.
MARINA No xèli in contrato?
MARGARITA No gh'è miga fondamento in sti omeni: i se pente da un momento a l'altro.
MARINA E pur mi ghe scometeria qualcossa, che ancuo se stabilisse ste nozze.
MARGARITA Ancuo? per cossa?
MARINA So che sior Lunardo ha invidà a disnar anca mio cugnà Maurizio. No i xè soliti a far sti invidi; vederè quel che digo mi.
MARGARITA Pol esser; ma me par impussibile, che no i diga gnente a la puta.
MARINA No saveu, che zente, che i xè? I è capaci de dirghe dal dito al fato. Tocchève la man, e bondì sioria.
MARGARITA E se la puta disesse de no?
MARINA Per questo xè megio che l'avisemo.
MARGARITA Voleu, che la vaga a chiamar?
MARINA Se ve par che sia ben, chiamémola.
MARGARITA Cara fia, me reporto a vu.
MARINA Eh cara siora Margarita; in materia de prudenza no ghe xè una par vostro.
MARGARITA Vago, e vegno. (parte)
MARINA Povera puta! lassarghe vegnir l'acqua adosso cusì! sta so maregna no la gh'ha un fià60 de giudizio.

SCENA SETTIMA[canbia]

MARGARITA, LUCIETTA e MARINA

MARGARITA Vegnì qua, fia, che siora Marina ve vol parlar.
LUCIETTA La compatissa, sàla, se no son vegnua avanti, perché, se la savesse, ho sempre paura de falar. In sta casa i cata da dir sun tuto.
MARINA Xè vero; vostro sior padre xè un poco tropo sutilo; ma consolève, che gh'avè una maregna, che ve vol ben.
LUCIETTA Siora sì. (le fa cenno col gomito, che non è vero)
MARINA (Figurarse. Se gh'avesse una fiastra, anca mi farave l'istesso).
MARGARITA (Ghe voggio ben, ma no vedo l'ora, che la me vaga fora dai occhi).
LUCIETTA E cusì, siora Marina, cossa gh'àla da dirme?
MARINA Siora Margarita.
MARGARITA Fia mia.
MARINA Disèghe vu qualcossa.
MARGARITA Mi ve lasso parlar a vu.
LUCIETTA Povereta mi! de ben, o de mal?
MARINA Oh de ben, de ben.
LUCIETTA Mo via donca, che no la me fazza più sgangolir61
MARINA Me consolo con vu, Lucieta.
LUCIETTA De cossa?
MARINA Che ghe lo diga? (a Margarita)
MARGARITA Via, tanto fa,62 disèghelo. (a Marina)
MARINA Me consolo, che sè novizza. (a Lucietta)
LUCIETTA Oh giusto! (mortificandosi)
MARINA Vardè! no lo credè?
LUCIETTA Mi no, la veda. (come sopra)
MARINA Domandèghelo. (accennando Margarita)
LUCIETTA Xèla la verità, siora madre?
MARGARITA Per quel che i dise.
LUCIETTA Oh! no ghe xè gnente de seguro?63
MARINA Mi credo, che sia sicurissimo.
LUCIETTA Oh, la burla, siora Marina.
MARINA Burlo? so anca chi xè el vostro novizzo.
LUCIETTA Dasseno? Chi xèlo?
MARINA No savè gnente vu?
LUCIETTA Mi no la veda. El me par un insonio.64
MARINA Lo spiegheressi volentiera sto insonio?65
LUCIETTA No vorla?66
MARGARITA Pol esser, che ve tocca la grazia.
LUCIETTA Magari. Xèlo zovene? (a Marina)
MARINA Figurève, in circa della vostra età.
LUCIETTA Xèlo belo?
MARINA Più tosto.
LUCIETTA (Siestu benedetto!)
MARGARITA La s'ha mo messo, figurarse, in t'un boccon de gringola.67
LUCIETTA Mo via no la me mortifica. Par, che ghe despiasa. (a Margarita)
MARGARITA Oh v'inganè. Per mi piutosto stassera, che doman.
LUCIETTA Eh lo so el perché.
MARGARITA Disè mo.
LUCIETTA Lo so, lo so, che no la me pol più véder.
MARGARITA Sentìu, che bella maniera de parlar? (a Marina)
MARINA Via, via, care creature, butè a monte.68
LUCIETTA La diga: cossa gh'àlo nome? (a Marina)
MARINA Filipetto.
LUCIETTA Oh che bel nome! xèlo civil?
MARINA El xè mio nevodo.
LUCIETTA Oh sior'àmia!69 gh'ho tanto a caro, sior'àmia, sia benedeto, sior'àmia. (con allegria bacia Marina)
MARGARITA Vardè, che stomeghezzi.70
LUCIETTA Cara siora, la tasa, che l'averà fato pezo de mi.
MARGARITA Certo, per quela bela zoggia, che m'ha toccà.71
MARINA Dixè, fia mia. L'aveu mai visto? (a Lucietta)
LUCIETTA Oh povereta mi! quando? dove? Se qua no ghe vien mai un can, se no vago mai in nissun liogo.
MARINA Se lo vederè el ve piaserà.
LUCIETTA Dasseno? Quando lo vederoggio?
MARINA Mi no so; siora Margarita saverà qualcossa.
LUCIETTA Siora madre, quando lo vederoggio?
MARGARITA Sì, sì: «siora madre, quando lo vederoggio»! Co ghe preme, la se raccomanda. E po gnente gnente, la ranzigna la schizza72
LUCIETTA La sa, che ghe vòi tanto ben.
MARGARITA Va' là, va' là mozzina.
MARINA (Caspita! la gh'ha de la malizia tanta, che fa paura).
LUCIETTA La diga, siora Marina. Xèlo fio de sior Maurizio?
MARINA Sì, fia mia, e el xè fio solo.
LUCIETTA Gh'ho tanto da caro. La diga: saràlo rustego co fa so sior padre?
MARINA Oh che el xè tanto bon!
LUCIETTA Mo quando lo vederoggio?
MARINA Per dir la verità, gh'averave gusto, che ve vedessi, perché se pol anca dar, che élo no ve piasa a vu, o che vu no ghe piasè a élo?
LUCIETTA Pussibile, che no ghe piasa?
MARGARITA Cossa credeu de esser, figurarse, la dea Venere?
LUCIETTA No credo de esser la dea Venere, ma no credo mo gnanca de esser l'orco.
MARGARITA (Eh, la gh'ha i so catari).
MARINA Sentì, siora Margarita, bisogna, che ve confida una cossa.
LUCIETTA Mi possio sentir?
MARINA Sì, sentì anca vo. Parlando de sto negozio co siora Felice, la s'ha fato de maraveggia, che avanti de serar el contrato sti puti no s'abbia da véder. La s'ha tolto éla l'impegno de farlo. Ancuo, come savè, la vien qua a disnar, e sentiremo cossa, che la dirà.
LUCIETTA Pulito, pulito dasseno.
MARGARITA Se fa presto a dir «pulito pulito»! e se mio mario se n'incorze? Chi tol de mezzo, figurarse, altri che mi?
LUCIETTA Oh, per cossa vorla, che el se n'incorza?
MARGARITA Àlo da vegnir in casa per el luminal73?
LUCIETTA Mi no so gnente. Cossa dìsela, siora Marina?
MARINA Sentì, ve parlo schieto. Mi no ghe posso dar torto gnanca a siora Margarita. Sentiremo quel, che dixe siora Felice. Se gh'è pericolo, gnanca mi no me ne voggio intrigar.
LUCIETTA Vardè; le me mette in saor74, e po, tolè suso.
MARGARITA Zito, me par de sentir...
MARINA Vien zente.
LUCIETTA Uh, se xè sior padre, vago via.
MARINA Cossa gh'aveu paura? Omeni no ghe ne xè.
MARGARITA Oh, saveu chi xè?
MARINA Chi?
MARGARITA Siora Felice in maschera. In t'un'aria malignazonazza.75
LUCIETTA Xèla sola?
MARGARITA Sola. Chi voressi, che ghe fusse, patrona? (a Lucietta)
LUCIETTA Via, siora madre, che la sia bona, che ghe vòi tanto ben. (allegra)
MARINA Sentiremo qualcossa.
LUCIETTA Sentiremo qualcossa. (allegra)

SCENA OTTAVA[canbia]

FELICE in maschera in bavuta, e dette.

FELICE Patrone. (tutte rispondono patrona, secondo il solito)
MARGARITA Molto tardi, siora Felice; v'avè fato desiderar.
LUCIETTA De diana76 se l'avemo desiderada.
FELICE Se savessi! Ve conterò.
MARINA Sola sè? No gh'è gnanca vostro mario?
FELICE Oh, el ghe xè quel torso de verza.77
MARGARITA Dove xèlo?
FELICE L'ho mandà in mezà da vostro mario. No ho volesto, che el vegna de qua, perché v'ho da parlar.
LUCIETTA (Oh se la gh'avesse qualche bona niova da darme!)
FELICE Saveu chi ghe xè in mezzà con lori?
MARINA Mio mario?
FELICE Eh sì ben, ma ghe xè un altro.
MARINA Chi?
FELICE Sior Maurizio.
LUCIETTA (El padre del puto!) (con allegria)
MARINA Come l'aveu savesto?
FELICE Mio mario, che anca élo xè un tangaro, avanti de andar in mezà, l'ha volesto saver chi ghe giera, e la serva gh'ha dito, che ghe giera sior Simon, e sior Maurizio.
MARINA Cossa mai fàli?
FELICE Mi credo, vedè, mi credo, che i stabilissa quel certo negozio...
MARINA Eh sì, sì, ho capìo.
MARGARITA Gh'arivo anca mi.
LUCIETTA (Anca mi gh'arivo).
MARINA E de quel altro interesse gh'avémio gnente da novo?
FELICE De quel amigo?
MARINA Sì, de quel amigo.
LUCIETTA (Le parla in zergo78; le crede, che no capissa).
FELICE Podémio parlar liberamente?
MARGARITA Sì, cossa serve? Za Lucieta sa tutto.
LUCIETTA Oh cara siora Felice, se la savesse quanto che ghe son obbligada.
FELICE Mo andè là, fia mia, che sè fortunada. (a Lucietta)
LUCIETTA Per cossa?
FELICE Mi no l'aveva mai visto quel puto. V'assicuro che el xè una zoggia.
LUCIETTA (si pavoneggia da sé)
MARGARITA Tegnìve in bon, patrona.79 (a Lucietta)
MARINA No fazzo per dir, che el sia mio nevodo; ma el xè un puto de sesto.80
MARGARITA Ma ghe vol giudizio, figurarse, e bisogna farse voler ben.
LUCIETTA Co saremo a quela81, farè el mio debito.
MARINA E cusì? se vederàli sti puti? (a Felice)
FELICE Mi ho speranza de sì.
LUCIETTA Come? quando, siora Felice? quando, come?
FELICE Puta benedeta, gh'avè più pressa de mi.
LUCIETTA No vorla?
FELICE Sentì. Adessadesso el vegnirà qua. (piano a tutti tre)
MARGARITA Qua! (con maraviglia)
FELICE Siora sì, qua.
LUCIETTA Perché no porlo vegnir qua? (a Margarita)
MARGARITA Tasè là, vu, siora, che no savè quel che ve disè. Cara siora Felice, lo cognossè mio mario, vardè ben, che no femo pezo.82
FELICE No v'indubitè gnente. El vegnirà in maschera, vestìo da donna; vostro mario nol cognosserà.
MARINA Sì ben, sì ben: l'avè pensada pulito.
MARGARITA Eh cara siora, mio mario xè sutilo83; se el se ne incorze, figurarse, povereta mi.
LUCIETTA No séntela? el vegnirà in maschera. (allegra a Margarita)
MARGARITA Eh via, frasconazza. (a Lucietta)
LUCIETTA El vegnirà vestìo da donna. (mortificata, a Margarita)
FELICE Credème, siora Margarita, che me fè torto. Stè sora de mi, no abbiè paura. No pol far che el vegna84. Se el vien, che semo qua sole, come che semo adesso, podemo un pochetin chiaccolar; se el vien, che siémo a tola85, o che ghe sia vostro mario, lassème far a mi. So mi quel che gh'ho da dir. I se vederà come che i poderà. Un'occhiadina in sbrisson no ve basta?
LUCIETTA In sbrisson86? (a Felice, pateticamente)
MARGARITA Vegniràlo solo?
FELICE No, cara fia; solo nol pol vegnir. Vedè ben, in maschera, vestìo da donna...
MARGARITA Con chi vegniràlo donca87? (a Felice)
FELICE Con un forestier. (a Margarita) Oe con quelo de stamatina. (a Marina)
MARINA Ho capìo.
MARGARITA Figurarse, se mio mario vuol zente in casa, che nol cognosse!
FELICE El vegnirà in maschera anca élo.
MARGARITA Pezo: no, no assolutamente.
LUCIETTA Mo via, cara siora madre, la trova dificoltà in tuto. (La xè proprio una caga dubi).
MARGARITA So quel che digo; e mio mario, figurarse, nissun lo cognosse meggio de mi.
FELICE Sentì, fia mia, dal vostro al mio, semo là. I xè tuti do taggiai in t'una luna. Mi mo, vedeu? no me lasso far tanta paura.
MARGARITA Brava, sarè più spiritosa de mi.
LUCIETTA I bate.
MARGARITA Eh che no i bate, no.
MARINA Poverazza, la gh'ha el bataor in tel cuor.
FELICE Vedè, cara siora Margarita, che mi in sto negozio no gh'ho né intrar, né insir88. L'ho fato per siora Marina, e anca per sta puta, che ghe voggio ben. Ma se vu po ve n'avè per mal...
LUCIETTA Eh giusto! cossa dìsela?
MARINA Eh via za, che ghe semo. (a Margarita)
MARGARITA Ben ben; se nasserà qualcossa sarà pezo per vu. (a Lucietta)
LUCIETTA No la sente? I bate ghe digo. (a Margarita)
MARGARITA Adesso sì, ch'i ha batù.
LUCIETTA Bisogna che la dorma culìa. Anderò mi.
MARGARITA Siora no, siora no, anderò mi. (parte)

SCENA NONA[canbia]

FELICE, MARINA e LUCIETTA

LUCIETTA Cara éla, me racomando. (a Felice)
FELICE No vorave desgustar siora Margarita.
MARINA No ghe badè. Se stasse a éla, sta puta no se mariderave mai.
LUCIETTA Se la savesse!
FELICE Cossa vol dir? cossa gh'àla co sta creatura? (a Marina)
MARINA No saveu? invidia. Gh'ha toccà un mario vecchio, la gh'averà rabbia, che a so fiastra ghe tocca un zovene.
LUCIETTA Ho paura de sì mi, che la diga la verità.
FELICE Ora la dise una cossa, ora la ghe ne dise un'altra.
MARINA Se ve digo; no gh'è né sesto, né modelo.89
LUCIETTA No la sa dir altro, che «figurarse, figurarse».

SCENA DECIMA[canbia]

MARGARITA, e dette

MARGARITA A vu, siora Felice.
FELICE A mi? cossa?
MARGARITA Maschere, che ve domanda.
LUCIETTA Mascare, che la domanda! (allegra a Felice)
MARINA Saràlo l'amigo? (a Felice)
FELICE Pol darse. (a Marina) Fèlo vegnir avanti. (a Margarita)
MARGARITA E se vien mio mario?
FELICE Se vien vostro mario, no ghe saverò dar da intender qualche panchiana? No ghe posso dir, che la xè mia sorela maridada a Milan? Giusto l'aspetava in sti zorni, e la pol capitar de momento in momento.
MARGARITA E la maschera omo?
FELICE Oh bela! no ghe posso dir, che el xè mio cugnà90?
MARGARITA E vostro mario cossa diralo?
FELICE Mio mario, co voggio, che el diga de sì, basta, che lo varda; con un'occhiada el me intende.
LUCIETTA Siora madre, ghe n'àla più?
MARGARITA Cossa?
LUCIETTA Delle dificoltà?
MARGARITA Me faressi dir, deboto... orsù tanto fa, che le staga de là quele maschere come, che le vegna de qua. A l'ultima de le ultime, gh'averè da pensar vu più de mi. (a Lucietta) Siore maschere, le favorissa, le vegna avanti. (alla scena)
LUCIETTA (Oh come, che me bate el cuor!)

SCENA UNDICESIMA[canbia]

FILIPPETTO in maschera da donna, il conte RICCARDO e dette.

RICCARDO Servitor umilissimo di lor signore.
FELICE Patrone, siore maschere.
MARGARITA Serva. (sostenuta)
MARINA Siora maschera donna, la reverisso. (a Filippetto)
FILIPPETTO (fa la riverenza da donna)
LUCIETTA (Vardè che bon sesto!).91
FELICE Maschere, andeu a spasseti?
RICCARDO Il carnovale desta l'animo ai divertimenti. (a Marina)
MARINA Siora Lucieta, cossa diseu de ste maschere?
LUCIETTA Cossa vorla, che diga? (mostrando di vergognarsi)
FILIPPETTO (Oh cara! oh che pometo da riosa!)92
MARGARITA Siore maschere, le perdona la mala creanza; àle disnà ele?
RICCARDO Io no.
MARGARITA In verità, voressimo andar a disnar.
RICCARDO Vi leveremo l'incomodo.
FILIPPETTO (De diana! no l'ho malistente93 vardada!)
RICCARDO Andiamo, signora maschera. (a Filippetto)
FILIPPETTO (Sia malignazo!)
MARINA Eh aspetè un pochetin. (a Riccardo e Filippetto)
MARGARITA (Me lo sento in te le recchie quel satiro de mio mario).
FELICE Maschera, sentì una parola. (a Filippetto)
FILIPPETTO (si accosta a Felice)
FELICE Ve piàsela? (piano a Filippetto)
FILIPPETTO Siora sì. (piano a Felice)
FELICE Xèla bela? (come sopra)
FILIPPETTO De diana! (come sopra)
LUCIETTA (Siora madre).
MARGARITA (Cossa gh'è?)
LUCIETTA (Almanco, che lo podesse véder un pochetin).
MARGARITA (Adessadesso, ve chiapo per un brazzo, e ve meno via).
LUCIETTA (Pazzenzia).
MARINA Maschera. (a Filippetto)
FILIPPETTO (s'accosta a Marina)
MARINA Ve piàsela?
FILIPPETTO Assae.
MARINA Toleu tabacco, maschera?
FILIPPETTO Siora sì.
MARINA Se comandè, servìve.
FILIPPETTO (prende il tabacco colle dita, e vuol pigliarlo colla maschera al volto)
FELICE Co se tol tabacco, se se cava el volto. (gli leva la maschera)
LUCIETTA (Oh co belo!) (guardandolo furtivamente)
MARINA Mo che bela puta! (verso Filippetto)
FELICE La xè mia sorela.
LUCIETTA (I me fa da rider).(ridendo)
FILIPPETTO (Oh co la ride pulito!)
FELICE Vegnì qua, tirève la bauta soto la gola. (gli cala la bauta)
LUCIETTA (El consola el cuor).
MARINA Chi xè più bela de ste do pute? (di Filippetto e Lucietta)
FILIPPETTO (si vergogna, e guarda furtivamente Lucietta)
LUCIETTA (fa lo stesso)
RICCARDO (Sono obbligato alla signora Felice, che oggi mi ha fatto godere la più bella commedia di questo mondo).
MARGARITA Oh via, fenìmola, figurarse, che xè ora. No parlemo più in equivoco. Ringraziè ste signore, che ha fato sto contrabando, e racomandève al Cielo, che se sarè destinai, ve torè.94 (a Lucietta e Filippetto)
FELICE Via andè, maschere; contentève cusì per adesso.
FILIPPETTO (Mi no me so destaccar).
LUCIETTA (El me porta via el cuor).
MARGARITA Manco mal, che la xè andada ben.
MARINA Tirève su la bauta. (a Filippetto)
FILIPPETTO Come se fa? No gh'ho pratica.
FELICE Vegnì qua da mi. (gl accomoda la bauta)
LUCIETTA (Poverazzo! nol se sa giustar la bauta). (ridendo forte)
FILIPPETTO Me bùrlela? (a Lucietta)
LUCIETTA Mi no. (ridendo)
FILIPPETTO Furba!
LUCIETTA (Caro colù).95
MARGARITA Oh povereta mi! oh povereta mi!
FELICE Coss'è stà.
MARGARITA Ve' qua mio mario.
MARINA Sì per diana: anca el mio.
FELICE No xèla mia sorela?
MARGARITA Eh cara ela, se el me trova in busia, povereta mi. Presto, presto, scondève, andè in quela camera. (a Filippetto, spingendolo) Caro sior la vaga là drento. (a Riccardo)
RICCARDO Che imbroglio è questo?
FELICE La vaga, la vaga, sior Ricardo. La ne fazza sta grazia.
RICCARDO Farò anche questo per compiacervi. (entra in una camera)
FILIPPETTO (Spionerò intanto). (entra in una camera)
LUCIETTA (Me trema le gambe, che no posso più).
MARGARITA Ve l'òggio dito? (a Felice e Marina)
MARINA Via via, no xè gnente. (a Margarita)
FELICE Co anderemo a disnar i se la baterà.96
MARGARITA Son stada tropo minchiona.

SCENA DODICESIMA[canbia]

LUNARDO, SIMON, CANCIANO e dette.

LUNARDO Oh patrone, xèle stuffe d'aspetar? Adessadesso anderemo a disnar. Aspetemo sior Maurizio, e subito che el vien, andemo a disnar.
MARGARITA No ghe gièrelo sior Maurizio?
LUNARDO El ghe giera. El xè andà in t'un servizio, e el tornerà adessadesso. Cossa gh'àstu ti, che ti me par sbattueta97? (a Lucietta)
LUCIETTA Gnente. Vorlo che vaga via?
LUNARDO No no, sta qua, fia mia, che anca per ti xè vegnù la to zornada: n'è vero, sior Simon?
SIMON Poverazza! gh'ho a caro.
LUNARDO Ah! cossa diseu? (a Cancian)
CANCIANO Sì, in verità, la lo merita.
LUCIETTA (No me vol andar via sto tremazzo98).
FELICE Gh'è qualche novità, sior Lunardo?
LUNARDO Siora sì.
MARINA Via, che sapiemo anca nu.
MARGARITA Za mi sarò l'ultima a saverlo. (a Lunardo)
LUNARDO Sentì, fia, ancuo disè quel che volè, che no gh'ho voggia de criar. Son contento, e voggio che se godemo. Lucieta vien qua.
LUCIETTA (si accosta tremando)
LUNARDO Cossa gh'àstu?
LUCIETTA No so gnanca mi. (tremando)
LUNARDO Gh'àstu la freve99? Ascolta, che la te passerà. In presenza de mia muggier, che te fa da mare; in presenza de sti do galantomeni, e delle so parone, te dago la niova, che ti xè novizza.
LUCIETTA (trema, piange e quasi casca)
LUNARDO Olà, olà, cossa fastu? Te despiase, che t'abbia fato novizza?
LUCIETTA Sior no.
LUNARDO Sastu chi xè el to novizzo?
LUCIETTA Sior sì.
LUNARDO Ti lo sa? come lo sastu? chi te l'ha dito? (sdegnato)
LUCIETTA Sior no, no so gnente. La compatissa, che no so gnanca cossa che diga.
LUNARDO Ah! povera inocente! così la xè arlevada, vedeu? (a Simon e Cancian)
FELICE (Se el savesse tuto). (piano a Margarita)
MARGARITA (M'inspirito100 che el lo sapia). (a Felice)
MARINA (No gh'è pericolo). (a Margarita)
LUNARDO Orsù sapiè che el so novizzo xè el fio de sior Maurizio, nevodo de siora Marina.
MARINA Dasseno? mio nevodo?
FELICE Oh cossa che ne contè!
MARINA Mo gh'ho ben a caro, dasseno.
FELICE De meggio no podevi trovar.
MARINA Quando se faràle ste nozze?
LUNARDO Ancuo.
MARGARITA Ancuo?
LUNARDO Sior sì, ancuo, adessadesso. Sior Maurizio xè andà a casa; el xè andà a levar101 so fio, el lo mena qua, disnemo insieme, e po subito i se dà la man.102
MARGARITA (Oh povereta mi!)
FELICE Cusì a la presta?
LUNARDO Mi no voggio brui longhi.103
LUCIETTA (Adesso me trema anca le buele104).
LUNARDO Cossa gh'àstu? (a Lucietta)
LUCIETTA Gnente.

SCENA TREDICESIMA[canbia]

MAURIZIO e detti

LUNARDO Oh via; seu qua? (a Maurizio)
MAURIZIO Son qua. (turbato)
LUNARDO Cossa gh'aveu?
MAURIZIO Son fora de mi.
LUNARDO Coss'è stà?
MAURIZIO Son andà a casa, ho cercà el puto. No l'ho trovà in nissun liogo. Ho domandà, me son informà, me xè stà dito, che l'è stà visto in compagnia de un certo sior Riccardo, che pratica siora Felice. Chi èlo sto sior Riccardo? Chi èlo sto forestier? cossa gh'ìntrelo con mio fio? (a Felice)
FELICE Mi de vostro fio no so gnente. Ma circa al forestier el xè un cavalier onorato. N'è vero, sior Cancian?
CANCIANO Mi no so gnente chi el sia, e no so chi diavolo l'abia mandà. Ho tasesto fin adesso, ho mandà zo dei boconi amari, per contentarve, per no criar; ma adesso mo ve digo, che per casa mia no lo voggio più. Siora sì, el sarà un fa pele.105

SCENA QUATTORDICESIMA[canbia]

RICCARDO e detti; poi FILIPPETTO

RICCARDO Parlate meglio dei cavalieri d'onore.(a Canciano)
LUNARDO In casa mia? (a Riccardo)
MAURIZIO Dove xè mio fio? (a Riccardo)
RICCARDO Vostro figlio è là dentro. (a Maurizio)
LUNARDO Sconto in camera?
MAURIZIO Dov'èstu, desgrazià?
FILIPPETTO Ah sior padre, per carità. (s'inginocchia)
LUCIETTA Ah sior padre, per misericordia. (s'inginocchia)
MARGARITA Mario, no so gnente, mario. (raccomandandosi)
LUNARDO Ti, ti me la pagherà, desgraziada. (vuol dare a Margarita)
MARGARITA Agiuto.
MARINA Tegnìlo.
FILIPPETTO Fermèlo.
SIMON Stè saldo.
CANCIANO No fè. (Simon e Canciano strascinano dentro Lunardo e partono in tre)
MAURIZIO Vien qua, vien qua, furbazzo. (piglia per un braccio Filippetto)
MARGARITA Vegnì qua, frasconazza. (piglia per un braccio Lucietta)
MAURIZIO Andemo. (lo tira)
MARGARITA Vegnì via con mi. (la tira)
MAURIZIO A casa la giustaremo. (a Filippetto)
MARGARITA Per causa vostra. (a Lucietta)
FILIPPETTO (andando via, saluta Lucietta)
LUCIETTA (andando via, si dà de' pugni)
FILIPPETTO Povereta!
LUCIETTA Son desperada.
MAURIZIO Va' via de qua. (lo caccia via, e partono)
MARGARITA Sia maledeto co son vegnua in sta casa. (parte spingendo Lucietta)
MARINA Oh che sussuro, o che diavolezzo! Povera puta, povero mio nevodo! (parte)
RICCARDO In che impiccio mi avete messo, signora?
FELICE Xèlo cavalier?
RICCARDO Perché mi fate questa dimanda?
FELICE Xèlo cavalier?
RICCARDO Tale esser mi vanto.
FELICE Donca, che el vegna con mi.
RICCARDO A qual fine?
FELICE Son una donna onorata. Ho falà, e ghe vòi remediar.
RICCARDO Ma come?
FELICE Come, come! se ghe digo el come, xè fenìa la commedia. Andemo. (partono)




Note a cura de l'autor
  1. Senza adornamenti.
  2. Che vi do io de' consigli.
  3. Arbitrî.
  4. Forse?
  5. Quando.
  6. Grembiale.
  7. Come
  8. Di nascosto
  9. Manicotti.
  10. Non mi discovenga.
  11. Matrigna.
  12. Scovolo in veneziano è uno spazzolino di sarmenti di biade minute, con cui si ripuliscono i tondi in cucina.
  13. Appassite.
  14. Di bucato.
  15. Begli umoretti.
  16. Rimbrotti.
  17. Che io v'allacci.
  18. Anticaglia.
  19. Allargatele un poco.
  20. Volete giuocare.
  21. Maledettissima
  22. Guardare.
  23. Saccoccia.
  24. Straccietto.
  25. Che logoraste.
  26. Spienza vuol dire la milza, ma in proverbio patire la spienza s'intende per uomo avaro.
  27. Bamboccia che si espone in Venezia dai professori di mode.
  28. Che le gridi.
  29. Ciondoli.
  30. Chi vi ha dato quelle porcherie?
  31. Una donna di garbo.
  32. Un nastro.
  33. Che tu sia benedetta dove tu sei.
  34. Bugie.
  35. Cospetto e tacca via, esclamazione bassa, collerica, per non bestemmiare.
  36. Questo saluto: patron, patrona è l'ordinario, e quasi indispensabile di questo ordine di persone.
  37. Andate via.
  38. Caricatura.
  39. Abito assai succinto, che si usava molti anni prima.
  40. Di broccato.
  41. Argento in quantità.
  42. Di seta?
  43. Se badassimo a loro.
  44. «Mettere i moccoli dietro a qualcheduno» vuol dire svergognarlo, deriderlo.
  45. Andarsi a nascondere.
  46. Giudizio, detto burlescamente.
  47. Vi direi delle villanie.
  48. Dieci
  49. Quelle macchinette che si mostrano in Piazza ai curiosi per poco prezzo.
  50. Raccoglieva le mance.
  51. Ch'io gli cavava di mano.
  52. E quando li riscuoto.
  53. Li gettano con la pala.
  54. I calzoni.
  55. Espressione tenera, amorosa, lo stesso che «viscere».
  56. Non muove a baciarlo, a vezzeggiarlo? Ecc.
  57. Mezzà in Venezia dicesi a quella stanza, in cui si fanno le maggiori faccende: mezzà è lo studio degli avvocati, dei ministri, dei legali, dei mercadanti; dicesi anche mezzà ad una o più stanze, che sono ad un primo piano al di sotto del piano nobile, ed alcuni ve ne sono anche a terreno.
  58. Espressione di meraviglia.
  59. Mi carica di carezze.
  60. Niente.
  61. Penare.
  62. È tutt'uno.
  63. Non vi è niente di certo.
  64. Mi pare un sogno.
  65. Spiegare il sogno, s'intende verificarlo.
  66. C'è dubbio?
  67. Allegrezza con desiderio.
  68. Non parlate altro.
  69. Si repplica, che àmia vuol dire zia
  70. Che sguaiataggini.
  71. Intende ironicamente del suo cattivo marito.
  72. Aggrinza il naso.
  73. Finestra a tetto per dar lume al soffitto.
  74. Mi mettono in sapore, cioè in lusinga.
  75. Grandissima.
  76. Lo stesso come se si dicesse: Per Bacco!
  77. Tronco di cavolo.
  78. Parlano in gergo.
  79. Insuperbite.
  80. Un giovine di garbo.
  81. Quando sarò nel caso.
  82. Peggio.
  83. Delicato.
  84. Può star poco a venire
  85. A tavola.
  86. Un'occhiata alla sfuggita.
  87. Dunque.
  88. Né entrata, né uscita, cioè non ci ho interesse veruno.
  89. Lo stesso che dire né dritto, né rovescio
  90. Cognato.
  91. Che bel garbo!
  92. Mela rosa.
  93. Appena.
  94. Se sarete destinati, vi sposarete.
  95. Colui.
  96. Se ne andranno
  97. Di malavoglia.
  98. Tremore.
  99. Febbre.
  100. Tremo, ho paura.
  101. A prendere.
  102. Si sposano.
  103. Brodi lunghi.
  104. Le budella.
  105. Un ingaggiator di soldati.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=I_Rusteghi/Atto_secondo&oldid=41810"