I Rusteghi/Atto primo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
ATTO PRIMO
1760
←  PERSONAGGI Edission e fonte ▼ SECONDO ATTO  →

SCENA PRIMA[canbia]

Camera in casa di Lunardo

MARGARITA che fila. LUCIETTA che fa le calze. Ambe a sedere

LUCIETTA Siora madre.
MARGARITA Fia1 mia.
LUCIETTA Deboto2 xè fenìo3 carneval.
MARGARITA Cossa diseu, che bei spassi, che avemo abuo4?
LUCIETTA De diana! gnanca una strazza de commedia no avemo visto.
MARGARITA Ve feu maraveggia per questo? Mi gnente affato. Xè deboto sedese mesi, che son maridada, m'àlo mai menà in nissun liogo vostro sior padre?
LUCIETTA E sì, sàla? no vedeva l'ora, che el se tornasse a maridar. Co giera5 sola, in casa, diseva tra de mi: lo compatisso sior padre; élo no me vol menar, nol gh'ha nissun da mandarme; se el se marida, anderò co siora maregna. El s'ha tornà a maridar, ma per quel, che vedo, no ghe xè gnente né per mi, né per éla.
MARGARITA El xè un orso, fia mia; nol se diverte élo, e nol vol che se divertimo gnanca nu. E sì, savè? co giera da maridar, dei spassi no me ne mancava. Son stada arlevada ben. Mia mare6 giera una donna sutila, e se qualcossa no ghe piaseva la saveva criar, e la saveva menar le man. Ma ai so tempi la ne dava i nostri divertimenti. Figurarse, l'autuno se andava do o tre volte al teatro; el carneval cinque o sie.7 Se qualchedun ghe dava una chiave de palco la ne menava all'opera, se no, alla comedia, e la comprava la so bona chiave, e la spendeva i so boni bezzeti. La procurava de andar dove la saveva, che se fava8 delle comedie bone, da poderghe menar de le fie, e la vegniva con nu, e se divertivimo. Andévimo, figurarse, qualche volta a Reduto; un pochetin sul Liston,9 un pochetin in Piazzeta da le stròleghe, dai buratini, e un pèr de volte ai casoti. Co stevimo po in casa, gh'avevimo sempre la nostra conversazion. Vegniva i parenti, vegniva i amici, anca qualche zovene; ma no ghe giera pericolo, figurarse.
LUCIETTA («Figurarse, figurarse»; la l'ha dito fin adesso sie volte).
MARGARITA No digo; che no son de quele, che ghe piasa tutto el zorno andar a torziando10. Ma, sior sì. Qualche volta me piaserave anca a mi.
LUCIETTA E mi, poverazza, che no vago mai fora della porta? E nol vol mo gnanca11 che vaga un fià12 al balcon? L'altro zorno me son butada cusì, un pocheto in scampar; m'ha visto quella petazza13 della lasagnera14, la ghe l'ha dito, e ho credesto, che el me bastona.
MARGARITA E a mi quante no me n'àlo dito per causa vostra?
LUCIETTA De diana! cossa ghe fazzio?
MARGARITA Vu almanco, fia mia, ve mariderè; ma mi gh'ho da star fin, che vivo.
LUCIETTA La diga, siora madre, me marideròggio?
MARGARITA Mi crederave de sì.
LUCIETTA La diga, siora madre, e quando me marideròggio?
MARGARITA Ve mariderè, figurarse, quando, che el Cielo vorà.
LUCIETTA El Cielo me marideràlo, senza che mi lo sappia?
MARGARITA Che spropositi! l'avè da saver anca vu.
LUCIETTA Nissun gnancora m'ha dito gnente.
MARGARITA Se no i ve l'ha dito, i ve lo dirà.
LUCIETTA Ghe xè gnente in cantier?15
MARGARITA Ghe xè, e no ghe xè; mio mario no vol che ve diga gnente.
LUCIETTA Cara éla, la diga.
MARGARITA No dasseno, fia mia.
LUCIETTA Cara éla, qualcossa.
MARGARITA Se ve digo gnente, el me salta ai occhi co fa16 un basilisco.
LUCIETTA Noi lo saverà miga sior padre, se la me lo dise.
MARGARITA Oh figurarse, se no lo dirè!
LUCIETTA No dasseno, figurarse, che no lo digo.
MARGARITA Cossa gh'intra sto «figurarse»?
LUCIETTA No so gnanca mi, gh'ho sto uso, el digo, che no me n'incorzo.
MARGARITA (Gh'ho in testa, che la me burla mi sta frascona).
LUCIETTA La diga, siora madre.
MARGARITA Animo laorè,17 l'aveu gnancora fenìa quella calza!
LUCIETTA Deboto.
MARGARITA Se el vien a casa élo18, e che la calza no sia fenìa, el dirà che sè stada su per i balconi, e mi no vòi figurarse... (sia maledeto sto vizio!)
LUCIETTA La varda co spessego19. La me diga qualcossa de sto novizzo.20
MARGARITA De qual novizzo?
LUCIETTA No dìxela, che me mariderò?
MARGARITA Pol esser.
LUCIETTA Cara éla, se la sa qualcossa.
MARGARITA No so gnente. (con un poco di collera)
LUCIETTA Gnanca mo gnente, mo, gnanca mo.21
MARGARITA Son stuffa.
LUCIETTA Sia malignazo22. (con rabbia)
MARGARITA Coss'è sti sesti?23
LUCIETTA No gh'ho nissun a sto mondo, che me voggia ben.
MARGARITA Ve ne voggio anca troppo, frascona.
LUCIETTA Ben da maregna24. (a mezza voce)
MARGARITA Cossa aveu dito?
LUCIETTA Gnente.
MARGARITA Sentì, savè, no me stè a seccar, che deboto, deboto... (con isdegno) Davantazo25 ghe ne soporto assae in sta casa. Gh'ho un mario che me rosega26 tutto el zorno, no ghe mancarave altro, figurarse, che m'avesse da inrabiar anca per la fiastra.27
LUCIETTA Mo cara siora madre la va in colera molto presto!
MARGARITA (La gh'ha squasi rason. No giera cusì una volta, son deventada una bestia. No gh'è remedio; chi sta col lovo28 impara a urlar).

SCENA SECONDA[canbia]

LUNARDO e dette

LUNARDO (entra e viene bel bello, senza parlare)
MARGARITA (Vèlo qua per diana). (s'alza)
LUCIETTA (El vien co fa i gatti). (s'alza) Sior padre, patron.
MARGARITA Sioria. No se saludemo gnanca? (a Lunardo)
LUNARDO Laorè, laorè. Per farme un complimento tralassè de laorar?
LUCIETTA Ho laorà fin adesso. Ho deboto fenìo la calza.
MARGARITA Stago a véder, figurarse, che siémo pagae a zornada.29
LUNARDO Vu sempre, vegnimo a dir el merito30, me dè sempre de ste risposte.
LUCIETTA Mo via, caro sior padre; almanco in sti ultimi zorni de carneval, che nol staga a criar. Se no andemo in nissun logo, pazenzia; stemo in pase31 almanco.
MARGARITA Oh, élo no pol star un zorno senza criar.
LUNARDO Sentì che strambazza? Cossa songio? un tartaro? una bestia? De cossa ve podeu lamentar? Le cosse oneste le me piase anca a mi.
LUCIETTA Via donca, che el ne mena un pocheto in maschera.
LUNARDO In maschera? In maschera?
MARGARITA (Adesso, el va zoso).32
LUNARDO E avè tanto muso33 de dirme, che ve mena in maschera? M'aveu mai visto mi, vegnimo a dir el merito, a meterme el volto sul muso?34 Coss'èla sta maschera? Per cossa se va in maschera? No me fe parlar; le putte35 no ha da andar in maschera.
MARGARITA E le maridae?
LUNARDO Gnanca le maridae, siora no, gnanca le maridae.
MARGARITA E per cossa donca le altre, figurarse, ghe vàle?
LUNARDO «Figurarse, figurarse». Mi penso a casa mia, e no penso ai altri. (la burla del suo intercalare)
MARGARITA Perché, «vegnimo a dir el merito», perché sè un orso. (fa lo stesso)
LUNARDO Siora Margarita, la gh'abia giudizio.
MARGARITA Sior Lunardo, no la me stuzzega.
LUCIETTA Mo via, sia malignazo! sempre cusì. No m'importa d'andar in maschera. Starò a casa, ma stemo in bona.
LUNARDO No sentìu? Vegnimo... no sentìu? La xè éla che sempre...
MARGARITA (ride)
LUNARDO Ridè, patrona?
MARGARITA Ve n'aveu per mal, perché rido?
LUNARDO Via, vegnì qua tutte do36, sentì. Delle volte anca mi gh'ho qualcossa per la testa, e par, che sia fastidioso, ma ancuo37 son de voggia. Semo de carneval, e vòi, che se tolemo la nostra zornada.38
LUCIETTA Oh magari.39
MARGARITA Via mo, sentimo.
LUNARDO Sentì; voggio, che ancuo disnemo in compagnia.
LUCIETTA Dove, dove, sior padre? (con allegria)
LUNARDO In casa.
LUCIETTA In casa? (malinconica)
LUNARDO Siora sì, in casa. Dove voressi che andessimo? all'osteria?
LUCIETTA Sior no all'osteria.
LUNARDO In casa de nissun mi no vago40, mi no vago, vegnimo a dir el merito, a magnar le coste a nissun.
MARGARITA Via, via, no ghe tendè. Parlè con mi, figuremose, voleu invidar qualchedun?
LUNARDO Siora sì. Ho invidà della zente, e i vegnirà qua, e se goderemo, e staremo ben.
MARGARITA Chi aveu invidà?
LUNARDO Una compagnia de galantomeni, tra i quali ghe ne xè do de maridai, e i vegnirà co le so parone,41 e staremo alliegri.
LUCIETTA (Via, via gh'ho a caro). (allegra) Caro élo, chi xèli? (a Lunardo)
LUNARDO Siora curiosa!
MARGARITA Via, caro vecchio42, no volè che sappiemo chi ha da vegnir?
LUNARDO No voleu, che vel diga? Se sa. Vegnirà sior Canzian Tartuffola, sior Maurizio dalle Strope, e sior Simon Maroele.
MARGARITA Cospeto de diana! tre cai su la giusta! I avè ben trovai fora del mazzo.
LUNARDO Cossa voressi dir? No i xè tre omeni co se diè?43
MARGARITA Sior sì. Tre salvadeghi come vu.
LUNARDO Eh, patrona, al tempo d'ancuo, vegnimo a dir el merito, a un omo, che gh'ha giudizio se ghe dise un omo salvadego. Saveu perché? Perché vualtre donne xè tropo desmesteghe. No ve contentè dell'onesto; ve piaserave i chiasseti, i pacchieti, le mode, le buffonerie, i putelezzi.44 A star in casa, ve par de star in preson45. Co i abiti no costa assae, no i xè beli; co no se pratica, ve vien la malinconia, e no pensè al fin; e no gh'avè un fià de giudizio, e ascoltè chi ve mette su, e no ve fa specie sentir quel che se dise46 de tante case, de tante fameggie precipitae; chi ve dà drio47 se fa menar per lengua,48 se fa meter sui ventoli,49 e chi vol viver in casa soa con riguardo, con serietà, con reputazion, se ghe dise, vegnimo a dir el merito, seccaggine, omo rustego, omo salvadego. Pàrlio ben? Ve par che diga la verità?
MARGARITA Mi no vòi contender; tutto quel, che volè. Vegnirà donca a disnar con nu siora Felice, e siora Marina.
LUNARDO Siora sì. Cusì, vedeu? me piase anca mi praticar. Tutti col so matrimonio. Cusì no ghe xè sporchezzi,50 no ghe xè, vegnimo a dir el merito... Cosa steu a ascoltar? Adesso no se parla con vu. (a Lucietta)
LUCIETTA Xèle cosse, che mi no possa sentir? (a Lunardo)
LUNARDO (No vedo l'ora de destrigarmela). (piano a Margherita)
MARGARITA (Come va quel negozio?) (piano a Lunardo)
LUNARDO (Ve conterò). (piano a Margherita) Andè via de qua. (a Lucietta)
LUCIETTA Cossa ghe fazzio?
LUNARDO Andè via de qua.
LUCIETTA De diana! el xè impastà de velen.
LUNARDO Andè via, che ve dago una schiaffazza in tel muso.
LUCIETTA Séntela, siora madre?
MARGARITA Via, col v'ha dito, che andè, obedì. (con caldezza)
LUCIETTA (Oh, se ghe fusse mia mare bona! Pazzenzia, se me vegnisse un scoazzer51, lo torìa). (parte)

SCENA TERZA[canbia]

LUNARDO e MARGARITA

MARGARITA Caro sior Lunardo, sul so viso, no ghe dago rason, ma in verità sè troppo rustego con quela puta.
LUNARDO Vedeu? vu no savè gnente. Ghe voggio ben, ma la tegno in timor.
MARGARITA E mai che ghe dessi un devertimento.
LUNARDO Le pute le ha da star a casa, e no le se mena a torziando.
MARGARITA Almanco una sera alla comedia.
LUNARDO Siora no. Vòi poder dir, co la marido; tolè, sior, ve la dago, vegnimo a dir el merito, che no la s'ha mai messo maschera sul viso, che no la xè mai stada a un teatro.
MARGARITA E cusì, vàlo avanti sto maridozzo?52
LUNARDO Gh'aveu dito gnente a la puta?
MARGARITA Mi? Gnente.
LUNARDO Vardè ben, vedè.
MARGARITA No in verità, ve digo.
LUNARDO Mi credo, vedè, mi credo d'averla maridada.
MARGARITA Con chi? se porlo saver?
LUNARDO Zito, che gnanca l'aria lo sapia. (guarda intorno) Col fio de sior Maurizio.
MARGARITA Co sior Filipetto?
LUNARDO Sì, zito, no parlè.
MARGARITA Zito, zito, de diana! xèlo qualche contrabando?
LUNARDO No voggio, che nissun sapia i fati mi.
MARGARITA Se faràlo presto?
LUNARDO Presto.
MARGARITA L'àlo fata domandar?
LUNARDO No pensè altro. Che l'ho promessa.
MARGARITA Anca promessa ghe l'avè? (con ammirazione)
LUNARDO Siora sì, ve feu maraveggia?
MARGARITA Senza dir gnente?
LUNARDO Son paron mi.
MARGARITA Cossa ghe deu de dota?
LUNARDO Quelo, che voggio mi.
MARGARITA Mi son una statua, donca. A mi, figurarse, no se me dise gnente.
LUNARDO «Figurarse, figurarse», no ve lo dìghio adesso?
MARGARITA Sior sì, e la puta quando lo saveràla?
LUNARDO Co la se sposerà.
MARGARITA E no i s'ha da véder avanti?
LUNARDO Siora no.
MARGARITA Seu seguro, che el gh'abia da piàser?
LUNARDO Son paron mi.
MARGARITA Ben ben; la xè vostra fia. Mi no me n'impazzo53; fè pur quel che volè vu.
LUNARDO Mia fia no vòi che nissun possa dir d'averla vista, e quel che la vede, l'ha da sposar.
MARGARITA E se col la vede nol la volesse?
LUNARDO So pare m'ha dà parola.
MARGARITA Oh che bel matrimonio!
LUNARDO Cossa voressi? che i fasse prima l'amor?
MARGARITA I bate, i bate; vago a véder chi è.
LUNARDO No ghe xè la serva?
MARGARITA La xè a far i leti, anderò a véder mi.
LUNARDO Siora no. No vòi, che andè sul balcon.
MARGARITA Vardè che casi!
LUNARDO No vòi, che gh'andè, gh'anderò mi. Comando mi, vegnimo a dir el merito, comando mi. (parte)

SCENA QUARTA[canbia]

MARGARITA, poi LUNARDO

MARGARITA Mo che omo, che m'ha toccà! no gh'è el compagno sotto la capa del cielo.54 E po el me stuffa con quel so «vegnimo a dir el merito»; deboto, figurarse, no lo posso più soportar.
LUNARDO Saveu chi xè?
MARGARITA Chi?
LUNARDO Sior Maurizio.
MARGARITA El pare del novizzo?
LUNARDO Tasè. Giusto élo.
MARGARITA Viènlo per stabilir?
LUNARDO Andè de là.
MARGARITA Me mandè via?
LUNARDO Siora sì; andè via de qua.
MARGARITA No volè, che senta?
LUNARDO Siora no.
MARGARITA Vardè vedè! cossa songio mi?55
LUNARDO Son paron mi.
MARGARITA No son vostra muggier?56
LUNARDO Andè via de qua, ve digo.
MARGARITA Mo che orso che sè!
LUNARDO Destrighève57
MARGARITA Mo che satiro! (incaminandosi a piano)
LUNARDO La fenìmio?58 (con isdegno)
MARGARITA Mo che bestia de omo! (parte)

SCENA QUINTA[canbia]

LUNARDO, poi MARGARITA

LUNARDO La xè andada. Co le bone no se fa gnente. Bisogna criar. Ghe voggio ben assae, ghe ne voggio assae; ma in casa mia no gh'è altri paroni, che mi.
MAURIZIO Sior Lunardo, patron.
LUNARDO Bondì siorìa, sior Maurizio.
MAURIZIO Ho parlà con mio fio.
LUNARDO Gh'aveu dito, che el volè maridar?
MAURIZIO Ghe l'ho dito.
LUNARDO Cossa dìselo?
MAURIZIO El dise, che el xè contento, ma el gh'averave gusto de véderla.
LUNARDO Sior no, questi no xè i nostri pati. (con isdegno)
MAURIZIO Via, via, no andè in colera, che el puto farà tuto quelo che voggio mi.
LUNARDO Co volè, vegnimo a dir el merito, la dota xè parecchiada. V'ho promesso sie mile ducati, e sie mile ducati ve dago. Li voleu in tanti zecchini, in tanti ducati d'arzento, o voleu, che ve li scriva in banco? comandè.
MAURIZIO I bezzi mi no li voggio. O zirème un capital de zecca, o investimoli meggio che se pol.
LUNARDO Sì ben; faremo tutto quel che volè.
MAURIZIO No stè a spender in abiti, che no voggio.
LUNARDO Mi ve la dago, come che la xè.
MAURIZIO Gh'àla roba de séa?59
LUNARDO La gh'ha qualche strazzeto.
MAURIZIO In casa mia no voggio séa. Fin che son vivo mi, l'ha da andar co la vesta de lana, e no vòi né tabarini, né scuffie, né cerchi,60 né toppè, né cartoline sul fronte.61
LUNARDO Bravo, sieu benedeto. Cusì me piase anca mi. Zoggie62
 ghe ne feu?
MAURIZIO Ghe farò i so boni manini63
 d'oro, e la festa ghe darò un zoggielo, che giera de mia muggier, e un per de recchineti de perle.
LUNARDO Sì ben, sì ben, e no stessi a far la minchioneria, de far ligar sta roba a la moda.
MAURIZIO Credeu, che sia mato? Coss'è sta moda? Le zoggie le xè sempre a la moda. Cossa se stima? i diamanti, o la ligadura?
LUNARDO E pur al dì d'ancuo64, vegnimo a dir el merito, se buta via tanti bezzi in ste ligadure.
MAURIZIO Sior sì; fè ligar ogni dies'anni le zoggie, in cao de cent'anni65 l'avè comprae do volte.
LUNARDO Ghe xè pochi, che pensa come che pensemo nu.
MAURIZIO E ghe xè pochi, che gh'abbia dei bezzi, come che gh'avemo nu.
LUNARDO I dise mo, che nu no savemo gòder.
MAURIZIO Poverazzi! ghe vèdeli drento del nostro cuor? Crédeli, che no ghe sia altro mondo, che quelo, che i gode lori? Oh compare,66 el xè un bel gusto el poder dir: gh'ho el mio bisogno, no me manca gnente, e in t'una ocorenza posso meter le man su cento zecchini!
LUNARDO Sior sì, e magnar ben, dei boni caponi, delle bone polastre, e dei boni straculi de vedèlo.67
MAURIZIO E tutto bon, e a bon marcà, perché se paga de volta in volta.
LUNARDO E a casa soa; senza strepiti, senza sussuri.
MAURIZIO E senza nissun, che v'intriga i bisi.68
LUNARDO E nissun sa i fati nostri.
MAURIZIO E semo paroni nu.
LUNARDO E la muggier no comanda.
MAURIZIO E i fioi sta da fioi.69
LUNARDO E mia fia xè arlevada cusì.
MAURIZIO Anca mio fio xè una perla. No gh'è pericolo che el buta via un bagatin.70
LUNARDO La mia puta sa far de tuto. In casa ho volesto, che la faza de tuto. Fina lavar i piati.
MAURIZIO E a mio fio, perché no voggio, che co le serve el se ne impazza, gh'ho insegnà a tirar suso i busi delle calze, e metter i fondèli alle braghesse.71
LUNARDO Bravo. (ridendo)
MAURIZIO Sì dasseno. (ridendo)
LUNARDO Via fémolo sto sposalizio; destrighemose. (fregandosi le mani, e ridendo)
MAURIZIO Co volè, compare.
LUNARDO Ancuo v'aspetto a disnar con mi. Za savè, che ve l'ho dito. Gh'ho quatro latesini,72 vegnimo a dir el merito, ma tanto fati.
MAURIZIO I magneremo.
LUNARDO Se goderemo.
MAURIZIO Staremo aliegri.
LUNARDO E po i dirà, che semo salvadeghi!
MAURIZIO Puffe!
LUNARDO Martuffi! (partono)

SCENA SESTA[canbia]

Camera in casa del signor Simon

MARINA e FILIPPETTO

MARINA Coss'è, nevodo73? Che miracolo, che me vegnì a trovar?
FILIPPETTO Son vegnù via de mezà74, e avanti de andar a casa son vegnù un pochetin a saludarla.
MARINA Bravo, Filipeto; avè fato ben. Sentève75, voleu marendar?76
FILIPPETTO Grazie, sior'àmia.77 Bisogna che vaga a casa, ché se sior padre no me trova, povereto mi.
MARINA Disèghe, che sè stà da vostra àmia Marina, cossa diràlo?
FILIPPETTO Se la savesse! nol tase mai, nol me lassa mai un momento de libertà.
MARINA El fa ben, da una banda. Ma da vostr'àmia el ve doverave lassar vegnir.
FILIPPETTO Ghe l'ho dito; nol vol che ghe vegna.
MARINA Mo el xè ben un satiro compagno de mio mario.
FILIPPETTO Sior barba78 Simon, ghe xèlo in casa?
MARINA Nol ghe xè, ma no pol far che el vegna.
FILIPPETTO Anca élo, co el me vede, co vegno qua, el me cria.
MARINA Lassè, che el diga. La sarave bela. Sè mio nevodo. Sè fio de una mia sorela; quela poverazza xè morta, e posso dir, che no gh'ho altri a sto mondo, che vu.
FILIPPETTO No vorave, che, per causa mia, el ghe criasse anca a éla.
MARINA Oh per mi, fio mio, no vo tolè sto travaggio. Se el me dise tantin, mi ghe respondo tanton. Povereta mi, se no fasse cusì! Su tuto el cateria da criar. No credo, che ghe sia a sto mondo un omo più rustego de mio mario.
FILIPPETTO Più de sior padre?
MARINA No so, vedè, la bate là.
FILIPPETTO Mai, mai, dopo che son a sto mondo, nol m'ha mai dà un minimo spasso. El dì da laorar79 a mezà, e a casa. La festa a far quel che va fatto, e po subito a casa. El me fa compagnar dal servitor, e ghe n'ha volesto a persuader el servitor a menarme qua stamatina. Mai una volta alla Zueca80, mai a Castelo81, mi no credo de esser passà in vita mia tre o quattro volte per Piazza82, quel, che el fa élo, el vol che fazza anca mi. La sera fina do ore se sta in mezà, se cena, se va in leto, e bondì siorìa.
MARINA Povero puto; dasseno me fè peccà. Xè vero; la zoventù, bisogna tegnirla in fren, ma el tropo xè tropo.
FILIPPETTO Basta; no so, se da qua avanti l'anderà cusì.
MARINA Sè in ti ani de la discrezion, el ve doverave dar un pocheto de libertà.
FILIPPETTO Sàla gnente, sior'àmia?
MARINA De cossa?
FILIPPETTO Nol gh'ha dito gnente sior padre?
MARINA Oh xè un pezzo, che no lo vedo.
FILIPPETTO No la sa gnente donca.
MARINA No so gnente. Cossa ghe xè de niovo?
FILIPPETTO Se ghe lo digo, ghe lo diràla a sior padre?
MARINA No, non v'indubitè.
FILIPPETTO La varda ben, la veda.
MARINA Ve digo de no, ve digo.
FILIPPETTO La senta, el me vuol maridar.
MARINA Dasseno?
FILIPPETTO El me l'ha dito élo.
MARINA Àlo trovà la novizza?
FILIPPETTO Siora sì.
MARINA Chi xèla?
FILIPPETTO Ghe lo dirò, ma, cara éla, la tasa.
MARINA Mo via, deboto me fè rabia. Cossa credeu, che sia?
FILIPPETTO La xè fia de sior Lunardo Cròzzola.
MARINA Sì, sì, la cognosso. Cioè, no la cognosso éla, ma cognosso so maregna, siora Margarita Salicola, che ha sposà sior Lunardo, e el xè amigo de mio mario, un salvadego co fa élo. Mo i s'ha ben catà83, vedè, el padre del novizzo col padre de la novizza. L'aveu vista la puta?
FILIPPETTO Siora no.
MARINA Avanti de serar el contrato i ve la farà véder.
FILIPPETTO Mi ho paura de no.
MARINA Oh bela! e se no la ve piase?
FILIPPETTO Se no la me piase, mi no la togo per diana.
MARINA Sarave meggio, che la vedessi avanti.
FILIPPETTO Come vorla, che fazza?
MARINA Disèghelo a vostro sior padre.
FILIPPETTO Ghe l'ho dito, e el m'ha dà su la ose.84
MARINA Se savesse come far, vorave farvelo mi sto servizio.
FILIPPETTO Oh magari!
MARINA Ma anca quel orso de sior Lunardo nol la lassa véder da nissun so fia.
FILIPPETTO Se se podesse, una festa...,
MARINA Zito, zito che xè qua mio mario.
FILIPPETTO Vorla, che vaga via?
MARINA Fermève.

SCENA SETTIMA[canbia]

SIMON e detti

SIMON (Cossa falo qua sto frascon?)
FILIPPETTO Patron, sior barba.
SIMON Sioria. (bruscamente)
MARINA Un bel acèto, che ghe fè a mio nevodo!
SIMON Mi v'ho tolto co sto pato, che in casa mia parenti no ghe ne voggio.
MARINA Varè!85 ve viènli a bater a la porta, e a domandarve qualcossa i mi parenti? No i gh'ha bisogno de vu, sior; in cao de tanto,86 vien mio nevodo a trovarme, e ancora me brontolè?87 Gnanca se fussimo taggialegni,88 gnanca se fussimo dalle valade. Vu sè un omo civil? Sè un tangaro, compatìme.
SIMON Aveu gnancora fenìo? Stamatin no gh'ho voggia de criar.
MARINA No lo podè véder mio nevodo? Cossa v'àlo fato?
SIMON Nol m'ha fato gnente; ghe voggio ben; ma savè che in casa mia no gh'ho gusto, che ghe vegna nissun.
FILIPPETTO Che nol se indubita, che no ghe vegnirò più.
SIMON Me farè servizio.
MARINA E mi vòi che el ghe vegna.
SIMON E mi no vòi, che el ghe vegna.
MARINA Sta sorte de cosse no me le avè da impedir.
SIMON Tuto quelo, che no me piase, ve lo posso, e ve lo voggio impedir.
FILIPPETTO Patron. (in atto di partire)
MARINA Aspetè. (a Filippetto) Cossa gh'aveu co sto puto?
SIMON No lo voggio.
MARINA Mo per cossa?
SIMON Per cossa, o per gamba89, no vòi nissun.
FILIPPETTO Sior'àmia, la me lassa andar via.
MARINA Andè, andè, nevodo. Vegnirò mi da vostro sior padre.
FILIPPETTO Patrona; patron, sior barba.
SIMON Sioria.
FILIPPETTO (Oh, el ghe pol a mio padre, el xè più rustego diese volte). (parte)

SCENA OTTAVA[canbia]

MARINA e SIMON

MARINA Vardè che sesti! cossa voleu, che el diga quel putto!
SIMON Lo savè pur el mio temperamento. In casa mia voggio la mia libertà.
MARINA Che intrigo ve dàvelo mio nevodo?
SIMON Gnente. Ma no voggio nissun.
MARINA Perché no andeu in te la vostra camera?
SIMON Perché voggio star qua.
MARINA In verità, che sè caro. Aveu mandà la spesa?90
SIMON Siora no.
MARINA No se disna ancuo?91
SIMON Siora no. (più forte)
MARINA No se disna?
SIMON Siora no.
MARINA Ghe mancarave anca questa, che andessi in collera anca col disnar.
SIMON Za, chi ve sente vu, mi son un strambo, un alocco.
MARINA Ma ancuo perché no se disna?
SIMON Perché avemo da andar a disnar fora de casa.
MARINA E mel disè co sta bona grazia?
SIMON Me fè vegnir suso el mio mal.
MARINA Caro mario, compatìme, gh'avè un natural, che de le volte fè rabia.
SIMON No lo cognosseu el mio natural? Co lo cognossè, cossa feu ste scene?
MARINA (Ghe vol una gran pazienzia). Dove andémio a disnar?
SIMON Vegnirè con mi.
MARINA Ma dove?
SIMON Dove, che ve menerò mi.
MARINA Per cossa no voleu, che lo sappia?
SIMON Cossa importa, che lo sappiè? Co sè co vostro mario, no stè a cercar altro.
MARINA In verità, me parè matto. Bisogna ben che sappia dove che s'ha da andar, come che m'ho da vestir, che zente ghe xè. Se ghe xè suggizion, no voggio miga andar a farme smatar.
SIMON Dove, che vago mi sè segura, che no ghe xè suggizion.
MARINA Ma con chi andémio?
SIMON Vegnirè con mi.
MARINA Mo la xè mo curiosa lu!92
SIMON Mo la xè curiosa seguro.
MARINA Ho da vegnir senza saver dove?
SIMON Patrona sì.
MARINA Muème el nome93 se ghe vegno.
SIMON E vu resterè a casa senza disnar.
MARINA Anderò da mio cugnà94 Maurizio.
SIMON Sior Maurizio vostro cugnà anderà a disnar dove che anderemo nu.
MARINA Ma dove?
SIMON Vegnì con mi, che lo saverè. (parte)

SCENA NONA[canbia]

MARINA, poi FELICE, CANCIANO ed il conte RICCARDO

MARINA Mo caro! mo siestu benedetto! mo che bona grazia, che el gh'ha! I batte.95 Oe, vardè che i batte. (alla scena) La xè una cossa da far rider i capponi. Ho d'andar a disnar fora de casa senza saver dove? Gh'averave anca voggia de andarme a devertir un pocheto, ma senza saver dove, no vago. Se savesse come far a saverlo. Oh chi xè qua? Siora Felice! Chi xè con éla? Uno xè quel scempio96 de so mario. E quell'altro chi mai xèlo? Eh éla la gh'ha sempre qualchedun, che la serve. So mario xè de la taggia del mio97; ma Felice no se tol suggizion; la la vol a so modo, e quel poverazzo ghe va drio,98 come un can barbin. Me despiase de mio mario. Cossa diralo, se el vede tuta sta zente? Oe! che el diga quel che el vol; mi no li ho fari vegnir. Malegrazie no ghe ne vòi far.
FELICE Patrona, siora Marina.
MARINA Patrona, siora Felice. Patroni riveriti.
CANCIANO Patrona. (malinconico)
RICCARDO Servitore umilissimo della signora. (a Marina)
MARINA Serva sua. Chi xèlo sto signor? (a Felice)
FELICE Un conte, un cavalier forestier, un amigo de mio mario; n'è vero,99 sior Cancian?
CANCIANO Mi no so gnente.
RICCARDO Buon amico, e buon servitore di tutti.
MARINA Col xè amigo de sior Cancian, nol pol esser che una persona de merito.
CANCIANO Mi ve digo, che no so gnente.
MARINA Come no saveu gnente, se el vien con vu in casa mia?
CANCIANO Con mi?
FELICE Mo con chi donca? Caro sior Conte, la compatissa. Semo de carneval, sàla; mio mario se deverte un pocheto. El vol far taroccar siora Marina; n'è vero, sior Cancian?
CANCIANO (Bisogna che ingiotta).
MARINA (Oh co furba, che xè custìa!) Vorle sentarse? Le se comoda.
FELICE Sì, sentémose un pochetin. (siede) La se comoda qua, sior Conte.
RICCARDO La fortuna meglio non mi potea collocare.
CANCIANO E mi dove m'òi da sentar?
FELICE Andè là, arente100 siora Marina. (a Canciano)
MARINA No, cara fia,101 che se vien mio mario, povereta mi. (piano a Felice)
FELICE Vardè là; no ghe xè de le careghe?102 (a Canciano)
CANCIANO Eh siora sì, la ringrazio. (siede in disparte)
RICCARDO Amico, se volete seder qui, siete padrone; non facciamo cerimonie. Io andrò dall'altra parte presso della signora Marina. (a Canciano)
MARINA Sior no, sior no, no la s'incomoda. (a Riccardo)
FELICE Per cossa dìsela ste fredure? Crédela fursi, che mio mario sia zeloso? Oe, sior Cancian, defendève.103 Sentì, i ve crede zeloso. Me maraveggio de éla, sior Conte. Mio mario xè un galantomo, el sa che muggier che el gh'ha, nol patisse sti mali, e se el li patisse, ghe li farave passar. La saria bela, che una donna civil no podesse tratar onestamente un signor, una persona pulita, che vien a Venezia, per sti quatro zorni de carneval, che me xè stada raccomandada da un mio fradelo che xè a Milan! Cossa diseu, Marina, no saràvela una inciviltà? no saràvela un'asenaria? Mio mario no xè de sto cuor, el gh'ha ambizion de farse merito, de farse onor, el gh'ha gusto che so muggier se deverta, che la fazza bona figura, che la staga in bona conversazion. N'è vero, sior Cancian?
CANCIANO Siora sì. (masticando)
RICCARDO Per dire la verità, io ne avea qualche dubbio; ma poiché voi mi disingannate, ed il signor Canciano il conferma, vivrò quietissimo, e mi approfitterò dell'onor di servirvi.
CANCIANO (Son stà mi una bestia, a receverlo in casa la prima volta).
MARINA Stàla un pezzo, sior Conte, a Venezia?
RICCARDO Aveva intenzione di starci poco; ma sono tanto contento di questa bella città, che prolungherò il mio soggiorno.
CANCIANO (Pussibile, che el diavolo no lo porta via?)
FELICE E cusì, siora Marina, ancuo disneremo insieme.
MARINA Dove?
FELICE Dove? no lo savè dove?
MARINA Mio mario m'ha dito qualcossa de sto disnar, ma el logo nol me l'ha dito.
FELICE Da siora Margarita.
MARINA Da sior Lunardo?
FELICE Sì ben.104
MARINA Adesso ho capìo. Fài nozze?105
FELICE Che nozze?
MARINA No savè gnente?
FELICE Mi no. Contème.106
MARINA Oh, novità grande.
FELICE De chi? De Lucietta?
MARINA Sì ben; ma, zito.
FELICE Cara vu, contème. (si tira appresso a Marina)
MARINA Sénteli?107 (accennando Riccardo e Canciano)
FELICE Sior Riccardo, la ghe diga qualcossa a mio mario, la ghe vaga a rente; la fazza un poco de conversazion anca con élo, el gh'ha gusto che i parla con so muggier, ma nol vol mo gnanca élo esser lassà in t'un canton. N'è vero sior Cancian?
CANCIANO Eh nol s'incomoda, che no me n'importa. (a Riccardo)
RICCARDO Anzi avrò piacere di discorrere col signor Canciano. Lo pregherò informarmi di alcune cose. (si accosta a Canciano)
CANCIANO (El sta fresco).
FELICE E cusì? (a Marina)
MARINA Andè là, che sè una gran diavola. (a Felice)
FELICE Se no fosse cusì, morirave etica con quel mio mario.
MARINA E mi?...
FELICE Disème, disème. Cossa gh'è de Lucieta?
MARINA Ve dirò tuto; ma appian, che nissun ne senta.
RICCARDO Signore, parmi che voi mi badiate poco. (a Canciano)
CANCIANO La compatissa, gh'ho tanti intrighi per mi, che no posso tòrmene per i altri.
RICCARDO Bene dunque, non v'incomoderò più. Ma quelle signore parlano segretamente fra di loro, diciamo qualche cosa; facciamo conversazion fra di noi.
CANCIANO Cossa vorla, che diga? Mi son omo de poche parole; no stago su le novità, e no amo troppo la conversazion.
RICCARDO (È un bel satiro costui).
FELICE Nol l'ha vista? (a Marina)
MARINA No, e no i vol, che el la veda.
FELICE Mo questo el xè un gran codogno.108
MARINA Se savessi? pagheria qualcossa de belo che el la vedesse, avanti de serar el contrato.109
FELICE In casa nol ghe pol andar?
MARINA Oh gnanca per insonio.110
FELICE No se poderia co l'occasion de le maschere?...
MARINA Disè appian, che i ne sente.
FELICE Via, che i tenda111 ai fati soi. Che no i staga a spionar; che i parla, che parlemo anca nu. (a Riccardo) Sentì cossa, che me vien in testa. (a Marina, e si parlano piano)
RICCARDO Dove si va questa sera?
CANCIANO A casa.
RICCARDO E la signora?
CANCIANO A casa.
RICCARDO Fate conversazione?
CANCIANO Sior sì. In letto.
RICCARDO In letto? A che ora?
CANCIANO A do ore.112
RICCARDO Eh, mi burlate.
CANCIANO Sì anca da so servitor.
RICCARDO (Sono male impicciato, per quel, ch'io vedo).
FELICE Cossa diseu? ve piàsela? (a Marina)
MARINA Sì ben; cusì andarave pulito. Ma no so come far a parlar con mio nevodo. Se el mando a chiamar, mio mario va in bestia.
FELICE Mandèghe a dir, che el vegna da mi.
MARINA E so pare?
FELICE No valo anca élo a disnar da sior Lunardo? Col xè fora de casa, che el vegna; lassème el travaggio a mi.113
MARINA E po?...114
FELICE E po, e po! dopo el Po vien l'Adese115. Lassème far a mi, ve digo.
MARINA Adessadesso lo mando a avisar.
FELICE Coss'è, seu mutti? (a Riccardo e Canciano)
RICCARDO Il signor Canciano non ha volontà di parlare.
FELICE Gramazzo! el gh'averà qualcossa per la testa. El xè pien d'interessi: el xè un omo de garbo, sàla, mio mario.
RICCARDO Dubito stia poco bene.
FELICE Dasseno? Oh povereta mi; me despiaserave assae. Cossa gh'aveu, sior Cancian?
CANCIANO Niente.
FELICE Per cossa dìselo, che el gh'ha mal? (a Riccardo)
RICCARDO Perché ha detto, che vuol andar a dormire a due ore di notte.
FELICE Dasseno? Fè ben a governarve, fio mio. (a Canciano)
CANCIANO Ma ghe vegnirè anca vu.
FELICE Oh, aponto, no v'arecordè, che avemo da andar a l'opera?
CANCIANO A l'opera mi no ghe vago.
FELICE Come? Questa è la chiave del palco; me l'avè pur comprada vu. (a Canciano)
CANCIANO L'ho comprada... l'ho comprada, perché m'avè incinganà; ma a l'opera mi no ghe vago, e no gh'avè d'andar gnanca vu.
FELICE Oh caro! el burla sàla? El burla, savè, Marina? El mio caro mario me vol tanto ben, el m'ha comprà el palco, e el vegnirà a l'opera con mi: n'è vero fio? (Senti sa, no me far el mato, che povereto ti). (piano a Canciano)
MARINA (O che gaìna116!)
FELICE Vorla restar servida con mi? Ghe xè logo in tel palco: n'è vero, sior Cancian? (a Riccardo)
CANCIANO (Siestu maledeta! La me fa far tuto quel che la vol).

SCENA DECIMA[canbia]

SIMON e detti

SIMON Marina. (bruscamente)
MARINA Sior.
SIMON (Cossa xè sto baccan? Cossa vorli qua? Chi xèlo colù?) (accenna a Riccardo)
FELICE Oh, sior Simon, la reverisso.
SIMON Patrona. (a Felice) Ah? (a Marina)
FELICE Semo vegnui a farve una visita.
SIMON A chi?
FELICE A vu. N'è vero, sior Cancian?
CANCIANO Siora sì. (a mezza bocca)
SIMON Andè via de qua, vu. (a Marina)
MARINA Volè, che usa una mala creanza?
SIMON Lassème el pensier a mi; andè via de qua.
FELICE Via, Marina, obedìlo vostro mario: anca mi, vedè, co sior Cancian me dise una cossa, la fazzo subito.
MARINA Brava, brava, ho capìo. Patroni.
RICCARDO Umilissima riverenza. (a Marina)
SIMON Patron. (ironico al Conte)
MARINA Serva sua. (fa la riverenza al Conte)
SIMON Patrona. (contrafà la riverenza)
MARINA (Taso, perché, perché: ma sta vita no la voggio far). (parte)
SIMON Chi èlo sto sior? (a Felice)
FELICE Domandèghelo a mio mario.
RICCARDO Se volete saper chi sono, ve lo dirò io, senza, che fatichiate, per domandarlo. Io sono il conte Riccardo degli Arcolai, cavaliere d'Abruzzo; son amico del signor Canciano, e buon servidore della signora Felice.
SIMON E vu lassè praticar vostra muggier co sta sorte de cai?117 (a Canciano)
CANCIANO Cossa voleu, che fazza?
SIMON Puffeta!118 (parte)
FELICE Vedeu, che bella creanza, che el gh'ha? El n'ha impiantà qua senza dir sioria bestia. Védela, sior Conte la differenza? Mio mario xè un omo civil; nol xè capace de un'azion de sta sorte. Me despiase, che a disnar con nu ancuo no la podemo menar. Ma ghe dirò po mi un no so che per dopo disnar, e sta sera anderemo a l'opera insieme. N'è vero, sior Cancian?
CANCIANO Ma mi ve digo...
FELICE Eh via vegnì qua, sior pampalugo119. (prende per un braccio Canciano, per l'altro Riccardo, e partono)




Note a cura de l'autor
  1. Figlia.
  2. Or'ora.
  3. È finito; servendo per sempre, che il xè in veneziano vuol dire «è». «est».
  4. Avuto.
  5. Quando io era.
  6. Madre.
  7. Sei.
  8. Si faceva.
  9. Situazione stabilita dall'uso nella gran Piazza di San Marco, ove si fa il passeggio delle maschere.
  10. Andar gironi.
  11. Nemmeno.
  12. Un poco.
  13. Sguaiata.
  14. Che vende le paste.
  15. C'è niente per aria?
  16. Come
  17. Via lavorate.
  18. Egli, cioè s'intende il padrone di casa.
  19. Come io mi sollecito.
  20. Sposo.
  21. Quel mo repplicato è un certo modo caricato di lamentarsi, conveniente all'età di Lucietta.
  22. Lo stesso che maledetto, ma con più modestia.
  23. Che malegrazie son queste?
  24. Matrigna
  25. Di vantaggio.
  26. Mi rode, mi tormenta
  27. Figliastra
  28. Lupo
  29. Pagate a giornata.
  30. Un intercalare vizioso.
  31. In pace.
  32. Va giù, dà fuori.
  33. E avete tanta faccia?
  34. La maschera sulla faccia?
  35. Le fanciulle.
  36. Tutte due
  37. Oggi.
  38. Che ci prendiamo la nostra giornata. I capi di casa all'antica concedevano una giornata di carnovale alla famiglia. Ora tutti i giorni sono compagni.
  39. Il Ciel volesse.
  40. Non vado
  41. Padrone, cioè mogli
  42. Parola detta per amore
  43. Co se diè: è un detto di baso volgo, che spiega essere quei' taliuomini di proposito, cioè come devono essere.
  44. Ragazzate.
  45. Prigione
  46. Quello che si dice.
  47. Chi vi seconda.
  48. Fa mormorare
  49. Farsi mettere sui ventagli, è lo stesso che farsi ridicoli.
  50. Porcherie.
  51. Uno di quelli che raccolgono le immondizie
  52. Trattato di matrimonio, in modo di dire bassissimo.
  53. Non m'impiccio.
  54. Modo di dire, che è lo stesso, come se si dicesse sotto il cielo, semplicemente.
  55. Cosa sono io?
  56. Moglie
  57. Spicciatevi
  58. La vogliamo finire?
  59. Di seta?
  60. Guardinfanti.
  61. Papigliotti.
  62. Gioje
  63. Smanigli
  64. Al giorno d'oggi
  65. In capo a cent'anni.
  66. Termine d'amicizia.
  67. La coscia del vitello.
  68. Che venga a infastidirvi.
  69. E i figliuoli stanno da figliuoli.
  70. La duodecima parte d'un soldo.
  71. Le pezze ai calzoni.
  72. Animelle.
  73. Nipote.
  74. Studio, scrittoio.
  75. Sedete.
  76. Far colazione.
  77. Zia.
  78. Zio.
  79. I giorni da lavoro.
  80. La Giudecca, isola deliziosa dirimpetto a Venezia, e poco distante
  81. Uno de' sentieri di Venezia, che ha delle passeggiate piacevoli.
  82. Intendesi in Venezia, quando si dice la Piazza, quella di San Marco; le altre piazze si chiamano campi.
  83. Si sono per l'appunto trovati.
  84. Mi ha dato su la voce.
  85. Guardate.
  86. Dopo tanto tempo.
  87. Borbottate?
  88. Se fossimo taglialegni, gente villana, nata nelle valli più incolte.
  89. In veneziano «cosa» si dice «cossa», e «coscia» si dice «cossa», dunque succede l'equivoco scherzoso di cossa e gamba.
  90. S'intende il bisognevole per il pranzo.
  91. Non si pranza oggi?
  92. Questo lu dà una certa forza all'espressione, che non si può tradurre.
  93. Cambiatemi il nome.
  94. Cognato.
  95. Picchiano.
  96. Stolido.
  97. Suo marito è del fare del mio.
  98. Le va dietro.
  99. Non è egli vero?
  100. Appresso
  101. Cara fia, cara figlia, dicesi per amicizia.
  102. Seggiole.
  103. Difendetevi.
  104. Lo stesso che sì.
  105. Fanno nozze in casa?
  106. Raccontatemi.
  107. Sentono?
  108. Codogno vuol dire melcotogno, ma qui s'intende per uno sproposito, per una cosa malfatta.
  109. Vuol dire sottoscriver la scritta.
  110. Nemen per sogno.
  111. Che badino.
  112. A due ore di notte, cioè due ore dopo il tramontar del sole.
  113. Lasciate la cura a me.
  114. E poi?
  115. Scherzo di parole fra il Po fiume, e po proposizione, che vuol dire «poi». Dopo il Po vien l'Adese vuol dire, che dopo il Po si trova il fiume Adige, onde da cosa nasce cosa.
  116. Finta, accorta, maliziosa.
  117. Con questa sorte di gente?
  118. Espressione che spiega assaissimo la maraviglia e il dispregio.
  119. Babbeo, scioccone.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=I_Rusteghi/Atto_primo&oldid=41809"