I Rusteghi/Atto terzo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
TERZO ATTO
1760
←  SECONDO ATTO Edission e fonte ▼

SCENA PRIMA[canbia]

Camera di Lunardo

LUNARDO, CANCIANO e SIMON

LUNARDO de reputazion de casa mia. Un omo della mia sorte. Cossa dirài de mi? cossa dirài de Lunardo Cròzzola?
SIMON Quietève, caro compare. Vu no ghe n'avè colpa. Xè causa le donne; castighèle1, e tuto el mondo ve loderà.
CANCIANO Sì ben, bisogna dar un esempio. Bisogna umiliar la superbia de ste muggier cusì altiere, e insegnar ai omei a castigarle.
SIMON E che i diga pur, che semo rusteghi.
CANCIANO E che i diga pur, che semo boni
LUNARDO Mia muggier puzza di brutto
SIMON Castighèla.
LUNARDO E quela frasconazza, la ghe tien drio.
CANCIANO Mortifichèla.
LUNARDO E vostra muggier ghe tien terzo. (a Cancian)
CANCIANO La castigherò.
LUNARDO E la vostra sarà d'accordo. (a Simon)
SIMON Anca la mia me la pagherà.
LUNARDO Cari amici, parlemo, consegiemose. Con custìe2, vegnimo a dir el merito, cossa avémio da far? Per la puta xè facile, e gh'ho pensà, e ho stabilio. Prima de tuto, a monte el matrimonio3. Mai più, che no la parla de maridarse. La manderò a serar in t'un liogo4, lontana dal mondo, tra quatro muri, e la xè fenìa. Ma le muggier come le avémio da castigar? Disè la vostra opinion.
CANCIANO Veramente, confesso el vero; son un pochetin imbarazat

SIMON Se poderave ficcarle5 anca ele in t'un retiro tra quatro muri, e destrigarse cussì.
LUNARDO Questo, vegnimo a dir el merito, sarave un castigo più per nu, che per ele. Bisogna spender; pagar le spese, mandarle vestìe con un pocheto de pulizia, e per retirae che le staga, le gh'averà sempre là drento più spasso, e più libertà, che no le gh'ha in casa nostra. Pàrlio ben6? (a Simon)
SIMON Disè benissimo. Specialmente da vu, e da mi, che no ghe lassemo la brena7 sul colo come mio compare Cancian.
CANCIANO Cossa voleu, che diga? gh'avè rason. Poderessimo tegnirle in casa, serae in t'una camera; menarle un pochetin a la festa con nu, e po tornarle a serar, e che no le vedesse nissun, e che no le parlasse a nissun.
SIMON Le donne serae? senza parlar con nissun? Questo xè un castigo, che le fa crepar in tre dì.
CANCIANO Tanto meggio.
LUNARDO Ma chi è quel omo, che voggia far l'aguzin? e po se i parenti lo sa, i fa el diavolo, i mete soto mezzo mondo, i ve la fa tirar fora, e po ancora i ve dise, che sè un orso, che sè un tangaro, che sè un can.
SIMON E co avè molà8, o per amor, o per impegno, le ve tol la man, e no sé più paron de criarghe.
CANCIANO Giusto cusì ha fato con mi mia muggier.
LUNARDO La vera saria, vegnimo a dir el merito, doperar un pezzo de legno.
SIMON Sì, da galantomo, e lassar, che la zente diga.9
CANCIANO E se le se revolta contra de nu?
SIMON Se poderave dar savè10
CANCIANO Mi so quel che digo.
LUNARDO In sto caso, se troveressimo in t'un bruto cimento.
SIMON E po? no saveu? Ghe ne xè dei omeni, che bastona le so muggier, ma credeu, che gnanca per questo i le possa domar? Oibò11; le fa pezo12, che mai; le lo fa per despeto; se no i le copa, no gh'è remedio.
LUNARDO Coparle po no.
CANCIANO Mo no, certo; perché po, vòltela, ménela13, senza donne no se pol star.
SIMON Mo no saràvela una contentezza, aver una muggier bona, quieta, ubidiente? No saràvela una consolazion?
LUNARDO Mi l'ho provada una volta. La mia prima, povereta, la giera un agnelo. Questa? la xè un basilisco.
CANCIANO E la mia? Tuto a so modo la vol.
SIMON E mi crio, strepito, e no fazzo gnente.
LUNARDO Tuto xè mal, ma un mal, che se pol soportar; ma in tel caso, che son mi adesso, vegnimo a dir el merito, se trata de assae. Voria ressolver, e no so quala far.
SIMON Mandèla dai so parenti.
LUNARDO Certo! acciò, che la me fazza smatar.14
CANCIANO Mandèla fora15. Fèla star in campagna.
LUNARDO Pezo! la me consuma le intrae16 in quatro zorni.
SIMON Fèghe parlar; trovè qualchedun che la meta in dover.
LUNARDO Eh! no l'ascolta nissun.
CANCIANO Provè a serarghe i abiti, a serarghe le zoggie, tegnìla bassa; mortifichèla.
LUNARDO Ho provà; se fa pezo, che mai.
SIMON Ho capìo; fè cusì, compare.
LUNARDO Come?
SIMON Godèvela, come che la xè.
CANCIANO Ho pensier anca mi, che no ghe sia altro remedio, che questo.
LUNARDO Sì, l'ho capìa che xè un pezzo. Vedo anca mi, che, co l'è fata no ghe xè più remedio. M'aveva comodà el mio stomego de soportarla; ma questa, che la m'ha fato, la xè tropo granda. Ruvinarme una puta de quela sorte? farghe vegnir el moroso in casa? Xè vero, che mi ghe l'aveva destinà per mario, ma cossa savévela, vegnimo a dir el merito, la mia intenzion? Gh'ho dà qualche motivo17 de maridarla. Ma no me podévio pentir? No se podeva dar, che no se giustessimo? No podeva portar avanti dei mesi, e dei anni? E la me lo introduse in casa? in maschera? da scondon18? La fa che i se veda? la fa che i se parla? Una mia puta? una colomba inocente? No me tegno; la vòi castigar, la vòi mortificar, se credesse, vegnimo a dir el merito, de precipitar.
SIMON Causa siora Felice.
LUNARDO Sì, causa quella mata de vostra muggier. (a Cancian)
CANCIANO Gh'avè rason. Mia muggier me la pagherà.

SCENA SECONDA[canbia]

FELICE e detti

FELICE Patroni reveriti, grazie del so bon amor.
CANCIANO Cossa feu qua?
LUNARDO Cossa vorla in casa mia?
SIMON Xèla qua, per far che nassa qualche altra bela scena?
FELICE I se stupisse perché son qua? Voléveli che fusse andada via? Credévelo sior Cancian, che fusse andada col forestier?
CANCIANO Se anderè più con colù, ve farò véder chi son.
FELICE Disème, caro vecchio, ghe songio mai andada senza de vu?
CANCIANO La sarave bela!
FELICE Senza de vu, l'òggio19 mai recevesto in casa?
CANCIANO Ghe mancarave anca questa!
FELICE E perché donca credevi, che fusse andada con élo?
CANCIANO Perché sè una mata.
FELICE (El fa el bravo, perché el xè in compagnia).
SIMON (Oe la gh'ha filo20). (piano a Lunardo)
LUNARDO (El fa ben a mostrarghe el muso). (piano a Simon)
CANCIANO Andémo, siora, vegnì a casa con mi.
FELICE Abiè un pocheto de flema.
CANCIANO Me maraveggio, che gh'abiè tanto muso de vegnir qua.
FELICE Per cossa? cossa òggio fato?
CANCIANO No me fè parlar.
FELICE Parlè.
CANCIANO Andémo via.
FELICE Sior no.
CANCIANO Andémo, che cospeto de diana... (minacciandola)
FELICE Cospeto, cospeto... so cospetizar anca mi. Coss'è, sior? M'aveu trovà in t'un gatolo21? Songio la vostra massèra? Cusì se parla con una donna civil? Son vostra muggier; me podè comandar, ma no me vòi22 lassar strapazzar. Mi no ve perdo el respetto a vu, e vu no me l'avè da perder a mi. E dopo che sè mio mario, no m'avè mai più parlà in sta maniera. Coss'è sto manazzar? coss'è sto cospeto? cossa xè sto alzar le man? A mi manazzar? a una donna della mia sorte? Disè, sior Cancian, v'àli messo su sti patroni? v'àli conseggià, che me tratè in sta maniera? Ste asenarie l'aveu imparade da lori? Se sè un galantomo, tratè da quelo, che sè, se ho falà, corezème23; ma no se strapazza, e no se manazza, e no se dise cospetto, e no se tratta cusì. M'aveu capìo, sior Cancian? Abiè giudizio vu, se volè, che ghe n'abbia anca mi.
CANCIANO (resta ammutolito)
SIMON (Aveu sentìo che ràcola24?) (a Lunardo)
LUNARDO (Adessadesso me vien voggia, de chiaparla mi per el colo. E quel martuffo25 sta zito). (a Simon)
SIMON (Cossa voleu, che el fazza? Voleu che el precipita?)
FELICE Via, sior Cancian, no la dise gnente?
CANCIANO Chi ha più giudizio el dopera.26
FELICE Sentenza de Ciceron! Cossa dìsele ele, patroni?
LUNARDO Cara siora, no me fè parlar.
FELICE Perché? son vegnua a posta, acciò, che parlè; so che ve lamentè de mi, e gh'ho gusto de sentir le vostre lamentazion. Sfoghève con mi, sior Lunardo, ma no stè a meter su mio mario. Perché se me dirè le vostre rason, son donna giusta, e se gh'ho torto sarò pronta a darve sodisfazion; ma arecordève ben, che el meter disunion tra mario e muggier el xè un de quei mali che no se giusta cusì facilmente, e quel che no voressi che i altri fasse con vu, gnanca vu coi altri no l'avè da far, e parlo anca co sior Simon, che con tuta la so prudenza el sa far la parte da diavolo co27 bisogna. Parlo con tutti do28, e ve parlo schieto, perché me capì. Son una donna d'onor, e se gh'avè qualcossa, parlè.
LUNARDO Disème, cara siora, chi è stà, che ha fato vegnir quel puto in casa mia?
FELICE Son stada mi. Mi son stada, che l'ha fato vegnir.
LUNARDO Brava, siora!
SIMON Pulito!
CANCIANO Lodève, che avè fato una bel'azion!
FELICE Mi no me lodo; so che giera meggio che no l'avesse fato; ma no la xè una cativa azion.
LUNARDO Chi v'ha dà licenza, che lo fè vegnir?
FELICE Vostra muggier.
LUNARDO Mia muggier? v'àla parlà? v'àla pregà? xèla vegnua éla a dirvelo, che lo menè29?
FELICE Sior no; me l'ha dito siora Marina.
SIMON Mia muggier?
FELICE Vostra muggier.
SIMON Ala pregà éla el forestier, che tegnisse terzo30 a quela pura?
FELICE Sior no, el forestier l'ho pregà mi.
CANCIANO Vu l'avè pregà? (con isdegno)
FELICE Sior sì, mi. (a Canciano, con isdegno)
CANCIANO (Oh che bestia! no se pol parlar!)
LUNARDO Mo perché far sta cossa? mo perché menarlo? mo perché siora Marina se n'àla intrigà? mo perché mia muggier s'àla contentà?
FELICE Mo perché questo, mo perché st'altro! Ascoltème; sentì l'istoria come che la xè. Lassème dir; no me interrompè. Se gh'ho torto, me darè torto; e se gh'ho rason, me darè rason. Prima de tuto, lassè, patroni, che ve diga una cossa. No andè in colera, e no ve n'abiè per mal. Sè tropo rusteghi; sè tropo salvadeghi. La maniera che tegnì co le donne, co le muggier, co la fia, la xè cusì stravagante fora de l'ordinario, che mai in eterno le ve poderà voler ben; le ve obedisse per forza, le se mortifica con rason, e le ve considera, no marii, no padri, ma tartari, orsi e aguzini. Vegnimo al fato. (No «vegnimo a dir el merito», vegnimo al fato). Sior Lunardo vol maridar la so pura, nol ghe lo dise, nol vol che la lo sapia; no la lo ha fa véder; piasa, o no piasa, la lo ha da tòr. Accordo anca mi, che le pute no sta ben, che le fazza l'amor, che el mario ghe l'ha da trovar so sior padre, e che le ha da obedir, ma no xè mo gnanca giusto de meter alle fie un lazzo al colo, e dirghe: ti l'ha da tiòr. Gh'avè una fia sola, e gh'avè cuor de sacrificarla? (a Lunardo) Mo el puto xè un puto de sesto, el xè bon, el xè zovene, nol xè bruto, el ghe piaserà. Seu seguro, «vegnimo a dir el merito», che el gh'abia da piàser? E se nol ghe piasesse? Una puta arlevada a la casalina con un mario fio d'un pare selvadego, sul vostro andar31, che vita doveràvela far? Sior sì, avemo fato ben a far che i se veda. Vostra muggier lo desiderava, ma no la gh'aveva coraggio. Siora Marina a mi s'ha racomandà. Mi ho trovà l'invenzion de la maschera, mi ho pregà el forestier. I s'ha visto, i s'ha piasso32, i xè contenti. Vu doveressi esser più quieto, più consolà. Xè compatibile vostra muggier, merita lode siora Marina. Mi ho operà per bon cuor. Se sè omeni, persuadève, se sè tangheri, sodisfève. La puta xè onesta, el puto no ha falà; nualtre semo donne d'onor. Ho fenito la renga; laudè el matrimonio, e compatì l'avocato.33
(Lunardo, Simon e Cancian si guardano l'un l'altro, senza parlare)
FELICE (I ho messi in sacco, ma con rason).
LUNARDO Cossa diseu, sior Simon?
SIMON Mi, se stasse a mi, lauderave.34
CANCIANO Gnanca mi no ghe vago in tel verde.35
LUNARDO E pur ho paura, che bisognerà che taggiemo.36
FELICE Per cossa?
LUNARDO Perché el padre del puto, vegnimo a dir el merito...
FELICE «Vegnimo a dir el merito», al padre del puto xè andà a parlarghe sior Conte, el xè in impegno, che se fazza sto matrimonio, perché el dise, che inocentemente el xè stà causa élo de sti sussuri, e el se chiama affrontà, e el vol sta sodisfazion; el xè un omo de garbo; el xè un omo che parla ben, e son segura, che sior Maurizio no saverà dir de no.
LUNARDO Cossa avémio da far?
SIMON Caro amigo, de tante, che ghe ne avemo pensà, no ghe xè la meggio de questa. Tòr le cosse come che le vien.
LUNARDO E l'affronto?
FELICE Che affronto? co el xè mario37 xè fenìo l'affronto.
CANCIANO Sentì, sior Lunardo; siora Felice gh'ha anca éla le so debolezze, ma per dir la verità, qualche volta la xè una donna de garbo.
FELICE N'è vero sior Cancian?
LUNARDO Mo via, cossa avémio da far?
SIMON Prima de tuto, mi dirave de andar a disnar.
CANCIANO Per dirla, pareva, che el disnar s'avesse desmentegà.38
FELICE Eh chi l'ha ordenà no xè alocco.39 El l'ha sospeso, ma nol xè andà in fumo. Fè cusì, sior Lunardo, se volè, che magnemo in pase: mandè a chiamar vostra muggier, vostra fia, disèghe qualche cossa, brontolè al solito un pochetin, ma po fenìmola; aspetemo che vegna sior Riccardo, e se vien el puto, fenìmola.
LUNARDO Se vien qua mia muggier, e mia fia, ho paura de no poderme tegnir.
FELICE Via, sfoghève, gh'avè rason. Seu contento cussì?
CANCIANO Chiamémole.
SIMON Anca mia muggier.
FELICE Mi, mi: aspettè mi. (parte correndo)

SCENA TERZA[canbia]

LUNARDO, CANCIANO e SIMON

LUNARDO Una gran chiaccola gh'ha quela vostra muggier. (a Cancian)
CANCIANO Vedeu! no me disè donca, che son un martuffo, se qualche volta me lasso menar per el naso. Se digo qualcossa, la me fa una renga , e mi laudo.40
SIMON Gran donne! o per un verso, o per l'altro le la vol a so modo seguro.
LUNARDO Co le lassè parlar, no le gh'ha mai torto.

SCENA QUARTA[canbia]

FELICE, MARINA, MARGARITA, LUCIETTA e detti.

FELICE Vèle qua, velè qua. Pentie, contrite, e le ve domanda perdon. (a Lunardo)
LUNARDO Se me fa anca de queste? (a Margarita)
FELICE No la ghe n'ha colpa, son causa mi. (a Lunardo)
LUNARDO Cossa meriteressistu, frasconcela! (a Lucietta)
FELICE Parlè con mi, ve responderò mi. (a Lunardo)
LUNARDO I omeni in casa? i morosi sconti? (a Margarita e Lucietta)
FELICE Criè co mi, che son causa mi. (a Lunardo)
LUNARDO Andève a far squartar anca vu. (a Felice)
FELICE «Vegnimo a dir el merito...» (a Lunardo, deridendolo)
CANCIANO Come parleu co mia muggier? (a Lunardo)
LUNARDO Caro vu, compatìme. Son fora de mi.(a Cancian)
MARGARITA (mortificata)
LUCIETTA (piange)
MARGARITA Siora Felice. Cossa n'aveu dito? Cusì pulito la xè giustada?
SIMON Anca vu siora meriteressi la vostra parte. (a Marina)
MARINA Mi chiapo41 su, e vago via.
FELICE No, no, fermève. Al povero sior Lunardo ghe giera restà in corpo un poco de còlera: l'ha volesto butarla fora42. Da resto el ve scusa, el ve perdona; e se vien el puto, el se contenterà, che i se sposa; n'è vero, sior Lunardo?
LUNARDO Siora sì, siora sì. (ruvido)
MARGARITA Caro mario, se savessi quanta passion, che ho provà! Credèmelo no saveva gnente. Co xè vegnù quele maschere, no voleva lassarle vegnir. Xè stà... xè stà...
FELICE Via son stada mi, cossa ocore?
MARINA (Disèghe anca vu qualcossa). (piano a Lucietta)
LUCIETTA Caro sior padre, ghe domando perdonanza. Mi no ghe n'ho colpa...
FELICE Son stada mi, ve digo, son stada mi.
MARINA Per dir la verità, gh'ho anca mi la mia parte de merito.
SIMON Eh savemo, che sè una signora de spirito. (a Marina, con ironia)
MARINA Più de vu, certo.
FELICE Chi xè? (osservando fra le scene)
MARGARITA Oe, i xè lori.43 (a Felice)
LUCIETTA (El mio novizzo). (allegra)
LUNARDO Coss'è? chi xè? chi vien? Omeni? Andè via de qua. (alle donne)
FELICE Vardè! cossa femio? Aveu paura, che i omeni ne magna? No semio in quarto? no ghe seu vu? Lassè, che i vegna.
LUNARDO Comandeu vu, patrona?
FELICE Comando mi.
LUNARDO Quel forestier no lo voggio. Se el vegnirà élo, anderò via mi.
FELICE Mo perché nol voleu? El xè un signor onorato.
LUNARDO Che el sia quel, che el vol, no lo voggio. Mia muggier, e mia fia no le xè use a véder nissun.
FELICE Eh per sta volta le gh'averà pazenzia, n'è vero fie?
MARGARITA Oh mi sì.
LUCIETTA Oh anca mi.
LUNARDO Mi sì, anca mi. (burlandole) Ve digo, che no lo voggio. (a Felice)
FELICE (Mo che orso, mo che satiro!) Aspettè aspettè che lo farò star in drio.44 (si accosta alla scena)
LUCIETTA (Eh no m'importa. Me basta uno che vegna).

SCENA ULTIMA[canbia]

MAURIZIO, FILIPPETTO e detti

MAURIZIO Patroni. (sostenuto)
LUNARDO Sioria. (brusco)
FILIPPETTO (saluta furtivamente Lucietta. Maurizio lo guarda. Filippetto finge che non sia niente)
FELICE Sior Maurizio, aveu savesto come che la xè stada?
MAURIZIO Mi adesso no penso a quel che xè stà, penso a quel, che ha da esser per l'avegnir. Cossa dise sior Lunardo?
LUNARDO Mi digo cusì, vegnimo a dir el merito, che i fioi, co i xè ben arlevai no i va in maschera, e no i va in casa, vegnimo a dir el merito, delle pute civil.
MAURIZIO Gh'avè rason: andémo via de qua. (a Filippetto)
LUCIETTA (piange forte)
LUNARDO Desgraziada! cosa xè sto fifar45?
FELICE Mo ve digo ben la verità, sior Lunardo, «vegnimo a dir el merito», che la xè una vergogna. Seu omo, o seu putelo? Disè, desdisè, ve muè46 co fa le zirandole.47
MARINA Vardè che sesti! No ghe l'aveu promessa? no aveu serà el contrato? Cossa xè stà? cossa xè successo? Ve l'àlo menada via? v'àlo fato disonor a la casa? Coss'è sti purelezzi? cossa xè ste smorfie? cossa xè sti musoni? (a Lunardo)
MARGARITA Ghe voggio mo intrar anca mi in sto negozio. Sior sì, m'ha despiasso, che el vegna: l'ha fato mal a vegnir; ma col gh'ha dà la man no xè fenìo tuto? Fina a un certo segno me l'ho lassada passar, ma adesso mo ve digo, sior sì, el l'ha da tòr, el l'ha da sposar. (a Lunardo)
LUNARDO Che el la toga, che el la sposa, che el se destriga: son stuffo; no posso più.
LUCIETTA e FILIPPETTO (saltano per allegrezza)
MAURIZIO Co sta rabbia i s'ha da sposar? (a Lunardo)
FELICE Se el xè inrabià, so danno. Nol l'ha miga da sposar élo.
MARGARITA Via, sior Lunardo, voleu, che i se daga la man?
LUNARDO Aspetè un pochetin. Lassè, che me daga zoso la còlera.
MARGARITA Via, caro mario, ve compatisso. Conosso el vostro temperamento; sè un galantomo, sè amoroso, sè de bon cuor; ma, figurarse, sè un pocheto sutilo.48 Sta volta gh'avè anca rason; ma finalmente tanto vostra fia, quanto mi, v'avemo domandà perdonanza. Credème, che a redur una donna a sto passo ghe vol assae. Ma lo fazzo, perché ve voggio ben, perché voggio ben a sta puta, benché no la 'l conossa, o no la lo voggia conosser. Per éla per vu, me caverave tuto quelo che gh'ho; sparzerave el sangue per la pase de sta fameggia; contentè sta puta, quietève vu, salvè la reputazion della casa, e se mi no merito el vostro amor, pazenzia, sarà de mi quel che destinerà mio mario, la mia sorte, o la mia cativa desgrazia.
LUCIETTA Cara siora madre, sìela benedeta, ghe domando perdon anca a éla de quel, che gh'ho dito, e de quel che gh'ho fato.
FILIPPETTO (La me fa da pianzer anca mi).
LUNARDO (si asciuga gli occhi)
CANCIANO Vedeu, sior Lunardo? Co le fa cusì no se se pol tegnir. (a Lunardo)
SIMON In suma49, co le bone, o co le cative, le fa tuto quel che le vol.
FELICE E cusì, sior Lunardo?...
LUNARDO Aspetè. (con isdegno)
FELICE (Mo che zoggia!)
LUNARDO Lucieta. (amorosamente)
LUCIETTA Sior.
LUNARDO Vien qua.
LUCIETTA Vegno. (si accosta bel bello)
LUNARDO Te vustu maridar?
LUCIETTA (si vergogna, e non risponde)
LUNARDO Via, respondi, te vustu maridar? (con isdegno)
LUCIETTA Sior sì, sior sì.(forte, tremando)
LUNARDO Ti l'ha visto ah, el novizzo?
LUCIETTA Sior sì.
LUNARDO Sior Maurizio.
MAURIZIO Cossa gh'è? (ruvido)
LUNARDO Via, caro vecchio, no me respondè, vegnimo a dir el merito, cusì rustego.
MAURIZIO Disè pur su quel che volevi dir.
LUNARDO Se no gh'avè gnente in contrario, mia fia xè per vostro fio. (i due sposi si rallegrano)
MAURIZIO Sto baron no lo merita.
FILIPPETTO Sior padre... (in aria di raccomandarsi)
MAURIZIO Farme un'azion de sta sorte? (senza guardar Filippetto)
FILIPPETTO Sior padre... (come sopra)
MAURIZIO No lo vòi maridar.
FILIPPETTO Oh povereto mi.(traballando mezzo svenuto)
LUCIETTA Tegnìlo, tegnìlo.50
FELICE Mo via, che cuor gh'aveu51? (a Maurizio)
LUNARDO El fa ben a mortificarlo.
MAURIZIO Vien qua. (a Filippetto)
FILIPPETTO Son qua.
MAURIZIO Xèstu pentìo de quel che ti ha fato?
FILIPPETTO Sior sì, dasseno, sior padre.
MAURIZIO Varda ben, che anca se ti te maridi, voggio che ti me usi l'istessa ubbidienza, e che ti dipendi da mi.
FILIPPETTO Sior sì, ghe lo prometo.
MAURIZIO Varda qua, siora Lucieta, ve acceto per fia; e ti, el Cielo te benedissa; dàghe la man.
FILIPPETTO Come sa fa? (a Simon)
FELICE Via, dèghe la man; cusì.
MARGARITA (Poverazzo!)
LUNARDO (si asciuga gli occhi)
MARGARITA Sior Simon, sior Cancian, sarè vu i compari.52
CANCIANO Siora sì semo qua, semo testimoni.
SIMON E co la gh'averà un putelo?
FILIPPETTO (ride e salta)
LUCIETTA (si vergogna)
LUNARDO O via, puti, stè aliegri. Xè ora, che andémo a disnar.
FELICE Disè; caro sior Lunardo, quel forestier che per amor mio xè de là che aspeta, ve par convenienza de mandarlo via? El xè stà a parlar co sior Maurizio, el l'ha fato vegnir qua élo. La civiltà non insegna a tratar cusì.
LUNARDO Adesso andémo a disnar.
FELICE Invidèlo anca élo.
LUNARDO Siora no.
FELICE Vedeu? sta rusteghezza, sto salvadegume che gh'avè intorno xè stà causa de tuti i desordeni, che xè nati ancuo53, e ve farà esser... Tuti tre, saveu? parlo con tuti tre; ve farà esser rabbiosi, odiosi, malcontenti, e universalmente burlai. Siè un poco più civili, tratabili, umani. Esaminè le azion de le vostre muggier, e co le xè oneste, donè qualcossa, soportè qualcossa. Quel Conte forestier xè una persona propria, onesta, civil; a tratarlo no fazzo gnente de mal; lo sa mio mario, el vien con élo; la xè una pura, e mera conversazion. Circa al vestir, co no se va drio a tute le mode, co no se ruvina la casa, la pulizia sta ben, la par bon. In soma, se volè viver quieti, se volè star in bona co le muggier, fè da omeni, ma no da salvadeghi, comandè, no tiraneggiè, e amè, se volè esser amai.
CANCIANO Bisogna po dirla; gran mia muggier!
SIMON Seu persuaso, sior Lunardo?
LUNARDO E vu?
SIMON Mi sì.
LUNARDO Disèghe a quel sior forestier, che el resta a disnar con nu. (a Margarita)
MARGARITA Manco mal. Vogia el Cielo, che sta lizion abia profità.
MARINA E vu, nevodo, come la tratereu la vostra novizza? (a Filippetto)
FILIPPETTO Cusì; su l'ordene, che ha dito siora Felice.
LUCIETTA Oh, mi me contento de tuto.
MARGARITA Ghe despiase solamente co le cascate xè fiape.
LUCIETTA Mo via no la m'ha gnancora perdonà?
FELICE A monte tuto. Andemo a disnar, che xè ora. E se el cuogo de sior Lunardo non ha provisto salvadeghi, a tola54 no ghe n'ha da esser, e no ghe ne sarà. Semo tuti desmesteghi55, tuti boni amici, con tanto de cuor. Stemo aliegri, magnemo, bevemo, e femo un prindese alla salute de tuti queli, che con tanta bontà, e cortesia n'ha ascoltà, n'ha sofferto, e n'ha compatìo.




Note a cura de l'autor
  1. Castigatele.
  2. Costoro.
  3. Non si parli più del matrimonio.
  4. Loco.
  5. Metterle per forza.
  6. Parlo bene?
  7. La briglia.
  8. E quando avete ceduto
  9. Lasciar che la gente dica quel che sa dire.
  10. Sapete.
  11. Messer no
  12. Peggio.
  13. Volta, rivolta.
  14. Svergognare, deridere.
  15. S'intende in villa.
  16. Le entrate.
  17. Qualche cenno.
  18. Di nascosto.
  19. L'ho
  20. Ha timore.
  21. Quasi tutte le strade di Venezia hanno de' piccioli canaletti lateralmente, dove si uniscono le immondizie, e per dove scorre e si perde l'acqua piovana, e si chiamano gattoli.
  22. Non mi voglio.
  23. Correggetemi
  24. Che bagatella?
  25. Sciocco.
  26. Lo adoperi.
  27. Quando
  28. Due
  29. Che lo conduciate.
  30. Che tenesse mano.
  31. Fatto alla vostra maniera.
  32. Si son piaciuti
  33. Ho terminato l'aringa, approvate il matrimonio, e compatite l'avvocato. Scherza sulla maniera con cui si terminavano ordinariamente le aringhe degli avvocati in Venezia.
  34. Approverei.
  35. L'urna verde è quella de' voti contrari
  36. Temo che si dovrà revocare.
  37. Marito.
  38. Si fosse scordato.
  39. Qui l'autore parla di se stesso, che non si scorda ciò di cui ha parlato.
  40. Mi fa un'aringa, ed io approvo.
  41. Chiapo vuol dire prendo: qui s'intende risolvo sul momento, e vado via.
  42. Gettarla fuori.
  43. Ehi, son dessi.
  44. Indietro.
  45. Pianger, detto bassamente.
  46. Vi cambiate.
  47. Ruotelle di fuochi artificiali, ed anco gioccolini da bambini, che girano coll'agitazione dell'aria.
  48. Sottile, delicato.
  49. Insomma.
  50. Tenetelo, sostenetelo.
  51. Che core avete?
  52. In Venezia quelli che servono da testimonio nei matrimoni, si chiamano «compari dall'anello».
  53. Oggi.
  54. Tavola.
  55. Domestici, cioè umani, trattabili.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=I_Rusteghi/Atto_terzo&oldid=66108"