Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/40

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 45 modifica]A dì vintido pur de questo mexe de mazo, a hora de compièta, si fo trovado per i nostri una cava a la Calegaria, la qual avea fata i turchi che iera in campo, la qual cava si iera cavada de soto via le fondamente de la tera, e vignia a vegnir dentro da la tera, e questa cava si iera fata a presso quela, che fo trovada ieri, la qual si iera come quela cava da ieri, e fo cazado fuogo dentro da nostri, e valentemente quela bruxasemo con grando honor nostro, e in quela fo bruxado alguni turchi che iera romaxi dentro, per non aver posudo cusì tosto scampar fuora de quela. Ancora in questo medemo zorno si fo trovà una altra cava pur in questo luogo de la Calegaria, dove che non iera barbacani; [p. 46 modifica]questa cava si iera un puoco dubioxa, ma pro pia volontà de dio si promese1, che quela cagesse da sì medema, e si amazò tuti li turchi che se trova esser soto quela. Ma azochè vu intendiadi, queste cave si se cavava el teren, e andavase pontelando el teren de sora, con ponte grosse de boni legnami, e vignia cusì cavando per in fina a le fondamente de la tera, e poi cavava de soto via le fondamente, e vignia a referir dentro da la tera, e a questo muodo lor si feva le sue cave.

Pur ancora in questo zorno de ventido de mazo, a una hora de note el parse uno mirabel segnal in zielo, el qual segno fo quelo che dè ad intender a Costantin degno imperador de Costantinopoli, che el suo degno imperio si se aprossimava al finimento suo, come con efeto è stato. Questo segnal si fo de questa condition e forma; questa sera a un hora de notte levò la luna et havea hozi el suo tondo, levando questa luna la dovea levar tuta tonda, ma questa luna si levò come quela avesse abudo tre zorni, la qual puoco parea, e iera l'aiere sereno come uno cristalo neto e mundo; questa luna si durò a questo muodo zerca hore quatro, e poi a puoco a puoco quela si se andò fazando el suo tondo, e a ore sie de note, tuta si fo compida de far el suo tondo. Abiando noi tuti cristiani, e pagani, aver visto questo mirabel segno, l'imperador de Costantinopoli forte se spaurì de questa cosa, e cusì feze tuta la sua baronia, e questo perchè griexi avea una profetia, che dixea, che Costantinopoli mai non se perderia per fina tanto che la luna non mostrasse segnal in zielo in nel suo tondo, sì che questa si iera la paura che avea griexi. Ma turchi si fexe una gran festa per el suo campo per alegreza de questo segnal, perchè a lor i parea aver vitoria, si come fo anche bel el vero.2



Note a cura de Enrico Cornet (1856)
  1. permise che etc.
  2. Vedi in Hammer le varie profezie, sulla caduta dell'impero bizantino.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/40&oldid=41770"