Pagina:Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453.djvu/51

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


nui da mar gaiardamente stevemo aspetar, quela investisse in la nostra, e tuti nui ieremo ben in arme, e ben desposti, e massima le diexe nave, che iera a la cadena, tute si iera ben ingariade, e molto ben in ordene, per aspetar l'armada del turco, che investisse. Zente asai si iera suxo queste nave, ma turchi si dubitò de investir; ma in questo star che feva questa armada arente la cadena, tuta la tera si comenzò a sonar campana martelo, dubitando che hozi i non volessi dar bataia zeneral, e però sonavei forte campana martelo, azò che tuta la tera se metesse in arme, e azochè tuti si andasse a star a le sue poste, dove che quele si iera dade per el serenissimo imperador. Quando che la dita armada del turco si vette, che la nostra si iera così ben in ponto, e aldando sonar per tuta la tera campana martelo, fortemente se dubitò, e subito si dè volta, e tornò a le colone, dove che quela si iera sorta per avanti. A ore do de zorno tuto fo bonazado da una parte e da l'altra per muodo, che nula se fexe de bataia, zoè da mar. Ma da tera in questo medemo zorno a l'ora del mezo dì si fo trovà per i nostri una cava a la Calegarìa la qual avea cavado i turchi de soto via le fondamente de le mure de la tera, per dover vignir una note dentro per quela a tradimento, ma questa cava si non iera tropo da dubitar. I nostri de la tera vedando aver descuverta questa cava, andò e si cazò fuogo dentro, e turchi che iera de fuora, si sentì che i nostri volea dar fuogo, e lor turchi si fo presti, e dè anca lor fuogo, e i vene a dar tute do le parte fuogo a uno trato, in muodo che quela cava nui si la guadagnasemo con honor nostro, e più de quela non iera da dubitar. Ancora pur in questo zorno, turchi si fexe uno gran bombardar a le puovere muraie, e getòne hozi asai mure per tera, e uno pezo de tore, e nui presto si fesemo de boni repari de botami, e de altre cose per muodo che ancuo avesemo asai da far cusì da mar, come da tera, e tuti se trovasemo la sera esser forte strachi d'afano. —

A dì vintido pur de questo mexe de mazo, a hora de compièta, si fo trovado per i nostri una cava a la Calegaria, la qual avea fata i turchi che iera in campo, la qual cava si iera cavada de soto via le fondamente de la tera, e vignia a vegnir dentro da la tera, e questa cava si iera fata a presso quela, che fo trovada ieri, la qual si iera come quela cava da ieri, e fo cazado fuogo dentro da nostri, e valentemente quela bruxasemo con grando honor nostro, e in quela fo bruxado alguni turchi che iera romaxi dentro, per non aver posudo cusì tosto scampar fuora de quela. Ancora in questo medemo zorno si fo trovà una altra cava pur in questo luogo de la Calegaria, dove che non iera barbacani;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453.djvu/51&oldid=62509"