Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/24

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 34 modifica]A dì tre pur de questo mexe de mazo fo deliberà de impiantar do bombarde, assai raxonevele1 grosse, a una porta da marina, che vignia a essere per mezo quele del armada del mandrachio, le qual bombarde fo quele che mandò la fusta a fondi, e le nostre bombarde d'agnora si bombardava le fuste del turco per muodo, che turchi si se vedeva esser mal apparadi per el gran bombardar. Turchi vedando, che le nostre bombarde fondrava de le sue fuste, e ancora vedeva esser morti asai de lor de le nostre bombarde, e però i diti turchi si se deliberò de far sì fatta provixion, che le nostre do bombarde non i podexe nuoxer; i diti turchi si mese tre grose bombarde lì da la sua armada de le fuste, le qual vignia esser per mezo le nostre, e dì con la note non feva altro che bombardar, e devene gran recresimento, per esser bombarda per me' bombarda. Questo bombardar de una parte, e de l'altra, se durò zerca diexe zorni de longo, dì e note continuamente, niuna parte ni l'altra non podeva aver tropo recresimento, e questo perchè le nostre bombarde si iera dentro da le mure, e le sue si era proviste de boni ripari davanti, e anche el trato de le bombarde si iera longo che iera mezo mìo. Hor durando queste aversità de queste bataie, el serenissimo imperador Constantin, si ave a dir verso li nostri capetani: signor capetani, e voi tuti nobeli de Veniexia, vui chiaramente si vede, che la vostra signoria de Veniexia, non mi manda armada niuna per mio secorso a questa mia desfortunada zità, e però saria bona cosa de proveder de mandar uno gripo verso Negroponte, per inscuntrare la vostra armada de Veniexia; e subito in questo zorno de tre de mazo fo armado uno bregantino de homeni dodexe, el qual bregantin se dovesse andar zoso per el dardanelo per infina in arzipelago, e lì veder, se i podeva sentir cosa nisuna de l'armada nostra, e si quela armada lo la trovasse, el dovesse dir a misser Jacomo Loredan capetanio de quela, che tosto el dovesse vegnir a Costantinopoli, che ancora el se tegnia forte per cristiani; e liberamente i vegnisse senza dubio niuno de armada de turchi. Questo bregantin si se partì a dì tre di questo, da meza note; quando questo bregantin insì2 fuora de la cadena del porto de Costantinopoli, tuti quanti i homeni de questo bregantin se iera vestidi alla turchesca, e levò per [p. 35 modifica]insegna l'arma del Signor turco, e con el nome de dio, questo bregantin si andò a bon viazo senza recressimento niuno, e andosene per in fina l'arzipelago, e nula potè sentir de la nostra armada, o nì dove la fose azonta. Vedando i marinari de questo grippo, non sentir cosa nissuna de la nostra armada, i se deliberò, e conseiosse infra lora de prender diversi partidi, et uno de questi marinari si dise ai altri: vè fradeli mie, vui chiaramente si vedè, che quando nui partisemo da Costantinopoli i aspetava de ora in ora de aver la bataia zeneral da turchi, e vui vedè, che chiaramente quelo imperio si sarà sconfito dal perfido turco, e questo perchè nui lasassemo la tera mal conditionada de zente da fatti, sì che fradeli mie, diria, che nui a la più corta dovesemo andar in tera de cristiani, perchè so chiaramente, che per infina a questa hora el turco si ha abudo Costantinopoli. I altri compagni del bregantin si respoxe e dise al compagno: vedi fradelo, l'imperador si ne a mandà qua per dover far questa cosa, nui si l'avemo fata, e però volemo retornar a Costantinopoli, voia esser del turco, voia esser de cristiani, sì che a morte o a vita, metemose a nostro camin, e cusì i fexe, e tornò a Costantinopoli sani e salvi, e trovò che la tera si se tegnia ancora per l'imperador. Zonto i fo a la zitade, i referì al serenissimo imperador quelo che i fexe, e che i non avea trovado armada niuna de i venitiani; in quela fiada el serenissimo imperador si comenzò fortemente a lagrimar da dolor, che queli da Veniexia non i mandava secorso; vedando l'imperador questo, el se deliberò de meterse in le man del nostro mixericordioxo misser Jexu Cristo, e de la sua madre madona santa Maria, e de misser santo Costantin confalon de la so zitade, e lor vardasse la zitade, da poi che la universa cristianitade, non me a voiudo dar secorso contra questo perfido turco nemigo de la cristianitade.



Note a cura de Enrico Cornet (1856)
  1. ragionevolmente.
  2. uscì.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/24&oldid=41754"