Discorso de Perasto

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Discorso de Perasto
1797
Edission e fonte ▼

In sto amaro momento che lacera el nostr cor, in sto ultimo sfogo de amor de fede al Veneto Serenissimo Dominio, el Gonfalon della serenissima Republica nè sia de conforto, o cittadini, che la nostra condotta passada, che quella de sti ultimi tempi rende più giusto sto atto fatal, ma virtuoso, ma doveroso par nu. Saverà da mi i vostri fioi, e la storia del zorno farà saver a tutta l'Europa, che Perasto ha degnamente sostenudo fino all'ultimo l'onor del Veneto Gonfalon, onorandolo co sto atto solenne, e deponendolo bagnà del nostro universal amarissimo pianto. Sfoghemose, Cittadini, sfoghemose pur, ma in sti nostri ultimi sentimenti, coi quali sigilemo la nostra gloriosa carriera corsa sotto al Serenissimo Veneto Governo, rivolgemose verso sta insegna, che lo rappresenta, e su de ela sfoghemo el nostro dolor. Per 377 anni la nostra fede el nostro valor l'ha sempre custodia per terra e per mar, per tutto dove ne hà chiamà i so nemici, che xe stai pur quelli della Religion. Per 377 anni le nostre sostanze, el nostro sangue, le nostre vite le xe stae sempre per ti, o San Marco; e felicissimi sempre se avemo reputà ti con nu, nu con ti; e sempre co ti sul mar nu semo stai illustri e vittoriosi. Nessun con ti ne ha visto scappar, nessun con ti ne ha visto vinti e spaurosi. Se i tempi presenti infelicissimi per imprevidenza, per dissension, per arbitrj illegali, per vizj offendenti la natura e il gius delle genti non avesse ti tolto dall'Italia, per ti in perpetuo sarave stae le nostre sostanze, el sangue, la vita nostra e, piuttosto che vederte vinto e desonorà dai toi, el coraggio nostro la nostra fede se avarave sepellio sotto de ti. Ma xa che altro non ne resta da far per ti; el nostro cuor sia l'onoratissima tua tomba, e el più puro e el più grande to Elogio le nostre lagreme.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Discorso_de_Perasto&oldid=41572"