Daspuò che 'l rasonar tropo avalìo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 55 modifica]

     Daspuò che 'l rasonar tropo avalìo
T'ha parso un puoco rio, dirò coverto,
Benchè credo per certo esser inteso.
     Tal no se vol fidar del fato mio,
5Che averà i puti drio; chè un cao sempr'erto
E sempre descoverto ha puoco peso.
Quel che stà teso teso, ha el nuodo in cima;
Chi vol star sempre a prima e andar col Zonto
Perde i so' soldi apunto. Se sta rima
10Par fata senza lima
Atendi al senso e faghene bon conto.
Legno che sia ben onto amorza el fuogo;
El miel chiama le mosche, e i mati i puti;
Chi vol star sora tuti
15Spesso se truova in tel più basso liogo.
     Par che parla da ziogo, e digo el vero.
Andar dal pomo al pero, e senza nose
Voler tute le vose, ha del ventoso.
Dove posso me lozo, e sì no spero
20O 'l monte de san Piero, o l'esser Dose,
Chè m'ho fato la crose e dormo zoso.
No stago pò pensoso, chè so chiaro
Che chi no g'ha danaro in ogni caso
Vien menà per el naso, e un mal reparo

25Xe a dir: Mio pare avaro
Ha tre chiave sul scrigno. Ve le baso
     Cento veste de raso; e in ste contrae
Trenta case de stazio, e a le verdure
Quatro mile chiesure,
30Ve par cogionarìe da dir de istae?
Un pien de veritae, pien de schietezza
Sente gran alegrezza e gran contento,
Ma chi xe pien de vento ha le gran dogie;
Chi spende povertà per gran richezza,
35Pazzìa per saviezza, ha el nuodo drento
E de fuora el depento, e se ha le sogie.
Chi seguita le fogie e lassa el fruto
Spesso riman al suto, e chi se sgionfa
Resta de spade a ronfa. El fin fa el tuto.
     40Mi no so che costruto
Abia un che no g'ha pan, dir ch'el trionfa.
Una vessiga sgionfa fa gran schiopo
Con quel vento, e daspuò resta gnente;
Cussì fa quela zente
45Che per cogionarìe se tien da tropo.
Tal vol desfar el gropo ch'el lo intriga;
E tal fuze la briga che lo trova;
Tal cerca roba niova e la tiol marza.

[p. 56 modifica]

Per tuto ghe xe intopo, e chi sta in riga
50Ha la fortuna amiga, e se renuova
Co la zafata a pruova e co la squarza;
Ma chi la brava e squarza e no g'ha el muodo,
Navega per el vuodo, e sul più belo
Denota el so cervelo che no ha del sodo.
     55Fica pur ben un chiodo
Avanti che ti buti zo el martelo,
E mostrame un modelo, e case e campi,
Chè altramente no credo, e ogni parola
Che ti rasoni svola
60Senza fermarse, come el vento e i lampi.
No so perchè ti scampi; e povereto
Ti è pur senza un marcheto! Che pazzìa
Xe sta fantasia de far el grando?
Se Dio vol che te inciampi in tre Zaneti
65O quatro schieti schieti, i te faria
Andar per quela via che andete Orlando.
     Tiente un puoco a stagando co la testa,
Tuo' via spesso la cresta, e varda basso,
Nè te tor spasso de chi ha trista vesta;
70Questa xe la via, questa
De fuzir da ogni burla e da ogni arlasso,
Ma l'andar a compasso e schivar tuti
Che no sia monsignori, e vardar alto,
Farìa in tre zoti un salto
75Sta to grandezza far la festa ai puti.
Atendi ben ai fruti, e lassa el resto,
E intendi bel el testo: Chi se infrasca
Zogiosi no g'ha in tasca altro che fumo.

     Semo adesso reduti a un certo sesto
80Dove che presto presto l'omo casca
Quando l'ha de la frasca; e me presumo
De dir rason a grumo, e de insegnarte,
Senza durar trop'arte, a la carlona
E da bona persona, alfin salvarte;
85Ch'el scriver tante carte
Co' tante bizarìe no me consona.
Te digo a la fè bona, e come amigo,
Per pura caritae, lassa da banda
Sta vanità sì granda,
90Altramente te vedo in gran intrigo.
     Sapi, che al tempo antigo, e al tempo d'oro
Inanzi el bucintoro, inanzi i frati,
Inanzi dei scarlati e cremesini,
No ghe gera Re Rigo, e Duca Moro,
95Papa, nè concistoro, nè prelati,
Nè monsignori, abati, nè chietini,
Ma spiriti divini, a chi acque e giande
Gera dolce vertudi, senza arzenti,
Nè sofitai i depenti, o case grande
100Dove se spende e spande;
Ogni omo gera aliegro, e no mancava
Quelo che bisognava a viver sani.
     Pur che l'omo sia sano, el puoco basta,
Ma el mato, che contrasta
105Co la natura, ha i so' disegni vani.



Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845 (page 64 crop).jpg