Arringa sul Decreto di Abolizione de' Frati/14

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
[p. 96 modifica]
XIV


Mi no ghe lezo Fiabe nè Gazete,
     Ghe lezo cose che al so’ Giudicato
     3Mi ghe assogeto a carte otanta sete.
Questo xe el gran Decreto del Senato
     Col qual ne l’ano mile seicento
     6E cinque l’à proibìo per tuto el Stato
Qualunque sorte de possedimento
     Che o per aquisto entrasse in le Man-morte
     9Per Donazion, o sia per Testamento.
Mi no so come fora de ste Porte1
     Possa esser nata sta Legislazion,
     12Quando che i gran contrasti co la Corte
De Roma, alora in gran fermentazion,
     No avesse tratenudo i Citadini
     15Dal proromper in gran tumultuazion,
Con pericoli esterni ed intestini
     Contro un’autorità che gera andada
     18Fuora dei naturali so’ confini.
A sto Decreto demoghe un’ochiada,
     E ghe prometo che le sentirà
     21Cosa che mai le se sarìa aspetada!

[p. 97 modifica]

E sale quando le rimarcherà
     El mal che ghe xe drento de sto Edito?
     24Quando ch’ele lo confronterà
Con quel che nei do’ primi xe stà scrito
     Dal Comun. E qua el gran Consultor
     27Ch’el vegna via con quelo che l’à scrito!
Le senta mo adesso quale sia el tenor
     De sto Decreto... Via, sior Segretario,
     30Fin che lezè mi taso. Fève onor...
Co gh’ò da dir el vero mi zavario
     Sora de sto Decreto che no intendo,
     33Nè posso rilevar sto formulario.
Le toleri, le prego, se m’estendo
     Un poco tropo sora de sta Carta
     36Per spiegarghe come la comprendo.
Vostre Zelenze no le se disparta
     Da le do’ prime Legi che gh’ò leto
     39Co le vogia che questa ghe la scarta,
Mi ghe domando a sto bel umoreto
     Come ’l vogia piantarme st’eresìa
     42Con tuto el so gran sforzo d’inteleto:
Vorìa ch’el me disesse, dove stìa
     El gius, o sia el poter legislativo
     45In sto Governo d’Aristocrazia?
Sto gius l’è un gius afato privativo
     Che nel Mazor Consegio sol risiede
     48Per massima e prencipio decisivo.
Quando Vostre Zelenze me concede

[p. 98 modifica]

     Sto ponto (al qual mai ghe sarà nessun
     51Che se ghe possa oponer) ele vede
Che ogni Lege che fuora del Comun
     Vegnisse fata, mai sovranamente
     54No la poderìa mai aver alcun
Valor, perchè el sarìa infalibilmente
     Un snervarghe le forze a quel oracolo
     57Col qual se spiega la publica mente,
Quando, a dirghela schieta, l’è un miracolo
     Che s’à provà de far i Savj, quando
     60A bon ora i s’à acorto de l’ostacolo
Del qual ghe n’ò dà un ceno: ma, parlando
     De sto Decreto, me sarà permesso
     63De andarlo un poco megio esaminando.
Come mai se pol dar che sia stà espresso
     Sto Decreto, che adesso le à sentio
     66Con quela frase e con quel modo istesso
Che saria stada espressa, a parer mio,
     Una Legislazion del Corpo intiero
     69De la Sovranità? Ma, santo Dio!
Vorle veder come che digo el vero?
     Le me permeta che mi tioga suso
     72Sta Carta un’altra volta, e po mi spero
De persuaderle. Cosa xe sto abuso
     Ch’el Gius Legislativo o sia Imperante
     75Sia da quel zorno in qua sempre confuso
Tra ’l Delegato e ’l stesso Delegante?
     Le sofra, mi le prego, che su questo

[p. 99 modifica]

     78Ghe diga quelo che xe più importante;
Donca, Sior Segretario, via mo presto,
     Lezeme un’altra volta sto Decreto,
     81Perchè mi vogio comentarne el resto
     Per poder po’ svelar tutto el segreto.



Note a cura de Bartolommeo Gamba
  1. Si allude alla Controversia colla Corte di Roma in tempo di Paolo V, che mandò l’Interdetto contro la Repubblica per motivo del presente Decreto del Senato.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Arringa_sul_Decreto_di_Abolizione_de%27_Frati/14&oldid=54563"