Arringa sul Decreto di Abolizione de' Frati/04

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
[p. 61 modifica]
IV


Vostre Zelenze le ga tuto in vista
     Quelo che in la Scritura se contien
     3Del Segretario, e del so Computista;1
Le ga la Lege, le ga tuto el pien
     Del calcolo, le ga i sugerimenti:
     6Ma no le se ne acorze del velen?
Su tuto ghe farèmo i so comenti,
     E vederèmo un poco se al confronto
     9Rege sta pianta su i so fondamenti.
Ele me vede qua disposto e pronto
     A smentir con tre Capi de converso
     12Sti gran sforzi d’inzegno. Onde a bon conto
Principio da le Legi, dove imerso
     Ghe xe talmente sto sior Segretario2
     15Come se ognuna avesse un stil diverso.
Ma mi, che no ghe trovo sto divario,
     M’ataco a le do sole principali3
     18Su sto afar emanade in tempo vario;

[p. 62 modifica]

Perchè come i più gran fiumi reali,
     Scorendo gonfi, nu vedèmo spesso
     21Che se va diramando in più canali,
Cussì da ste do Legi che gh’ò espresso
     Molte ghe ne xe nate e diramade
     24Che ’l spirito le ga tute l’istesso.
Per no tegnerle donca incomodade
     Superfluamente, de ste do dirò,
     27E del Decreto4 le sarà informade,
De la sessanta sete parlerò;
     Le imagina che l’ultima mi intendo
     30Sora la qual la Causa tratarò.
Co gh’ò da dir el ver, mi no comprendo
     Come ste Legi s’abia adulterà
     33Co sti Decreti che se va facendo.
Se un’ochiada, a la prima, le darà,
     A quela Parte del mile tresento
     36E trenta tre, ele ben le vederà
Che in tuto quel che se contien là drento
     Altro no se vol mai significar
     39Che una Riforma o sia Regolamento;
Perchè se la vorèmo esaminar
     Su i Loghi Pii, la fa sta restrizion:
     42Che in Rialto e in Cità mai più acquistar
No i possa; e gh’è de più sta prescrizion:
     Che quel ch’ereditasse, in ani diese

[p. 63 modifica]

     45L’abia da vender senza alterazion.
Co sora questa no ghe xe contese,
     Ne l’altra cinquecento trenta sie
     48Tute ste cose le ghe xe comprese.
Dopo, perchè più no prendesse pie,
     Anca tuto el Dogado la interdise
     51Ad ogni istituzion d’Opere Pie:
E venduti (a majuscole e precise
     Note) i Fondi venienti da Legati
     54Dopo ani do, la vol, nè più la dise.
Vostre Zelenze adesso da sti dati
     Le dirà, se ghe vegna in conseguenza
     57Desfar la Religion, spogiar i Frati?
Ma prima che le fazza sta Sentenza,
     Le lassa che ghe diga tuto el resto,
     60Perchè le abia l’intiera conossenza
     De quelo che più importa; che xe questo:



Note a cura de Bartolommeo Gamba
  1. Pietro Franceschi Segretario, Antonio Paolo Ricci Computista.
  2. Il Franceschi fece l’enumerazione delle Leggi dall’anno 1200 sino all’anno 1767, comprendendo ancora i Decreti del Senato.
  3. La Parte 24 settembre 1333, la Parte 31 dicembre 1526.
  4. Il Decreto 26 marzo 1603.