Arringa sul Decreto di Abolizione de' Frati/03

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
[p. 58 modifica]
III


Me acordele un principio, che ’l Senato
     Ne la soa natural autorità
     3Sia del Mazor Consegio un Delegato?
Quando che questo me vegna acordà
     Le doverà in apresso anca acordar
     6Quelo che in conseguenza ghe ne va.
Le fazza grazia de no se scordar
     Sto articolo de fede; e quanto prima
     9Le vederà dove mi vago a dar.
Ma perchè ne la mente se ghe imprima,
     In sta causa che trato, la rason,
     12Le me permeterà che mi me esprima
Senza riguardi e senza sugezion.
     È stà in st’ultima parte stanchegiada
     15Tuta la Causa su la Religion.
A passo a passo mi me farò strada
     A farghe veder e tocar con man
     18Che la Rason de Stato è vulnerada.
Le prego: co la Parte del Sovran
     Mazor Consegio del mile tresento
     21E trenta tre, tiolendo da lontan
L’epoca in sta materia, el pensamento

[p. 59 modifica]

     Xe nato d’impedir che l’Eclesiastico
     24Nol facesse mazor avanzamento:
E in quel incontro è stà ordinà un Catastico
     De beni possedudi in campi e case
     27Dal Clero secolar e dal Monastico.
Tuti alora con quiete e santa pase
     S’à rassegnà al Decreto del Comun,
     30Fondà su sto principio e su sta base:
Che d’alora in avanti mai nessun
     Logo Pio più posseder no podesse;
     33E sucedendo el caso, che qualcun
Dei fondi ghe lassasse, i se vendesse
     Drento quel tempo dal Comun prescrito,
     36E in sen Publico el soldo se metesse.
Andèmo avanti. Con un altro Edito,
     Del mile cinquecento trenta sie,
     39Pur dal Mazor Consegio xe stà dito
Su sto particolar d’Opere Pie:
     Che da la Podestà Legislativa,
     42Per impedir che no prendesse pie
Quel abuso che ’l laico spogia e priva
     De le so’ facoltà, che xe la fonte
     45Del Principato la più pura e viva,
Per le vie risolute e le più pronte,
     Senza mai ralentar forza o comando,
     48Che a sto nemigo se facesse fronte.
Ma come se anderiele imaginando,
     Interpreti de alora del Pregadi,

[p. 60 modifica]

     51Sta nova Prescrizion, sto novo Bando,
Che i Beni a sto Decreto sogetadi
     Fusser vendudi, e che i Contrafacenti
     54Del ricavà i dovesse esser privadi?
Passèmo adesso a quei provedimenti
     Del mile seicento e cinque presi,
     57Poco più, poco men corispondenti.
Questi, no essendo nel so’ senso intesi,
     Roma ga fato su varj Processi
     60Come se l’ Eresia li avesse estesi;
Epur i gera con quei modi istessi
     De pensar, e a ben ben esaminarli,
     63Co le stesse parole squasi espressi.
Sti tre Decreti doverò incontrarli
     Co la letura; perchè preme tropo
     66Con quest’ultima Parte confrontarli.
Qua ghe xe tuto de la Causa el gropo,
     Ma gropo che a snodarlo go paura!
     69Che ghe voria per no trovar intopo
D’Alessandro la spada e la bravura!
     Ah che a sto passo mi me perdo e tremo!
     72Qua in vista dei Diriti de Natura
     Del Prencipe e de Dio parlar?... Provèmo.