A una signora

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
A una signora
XX secolo
Edission e fonte ▼
[p. 80 modifica]
A UNA SIGNORA.


Bela signora, che la passa via,
Vestida meio come una regina,1
La vardi, quela picia putelina
Che la speta che un soldo la ghe dia.

La vardi qua sta gente che strassina
Sti pesi, come mussi che i saria,2
Oh no ghe fa vignir malinconia,
Vedendo sta miseria che camina?

Ah, ghe fa schifo a lei, quel che lavora.
Che xe tacai de polvere e sudor?
Ma i xe ben neti, basta che i se lavi!

Ma quel sporco, la sa, bela signora,
Che zerta gente porta in fondo al cor,
No xe acqua e savon, che ghe lo cavi!



Note
  1. vestida meio come una regina, vestita meglio di una regina. La forma meio come anziché meio è un idiotismo popolare, purtroppo infiltratosi nel dialetto; ma poichè ha qualche cosa di duro e di esotico, vorrei fosse evitato; anche in questo caso si sarebbe detto benissimo: vestida meio che (o de) una regina
  2. come mussi che i saria, come se fossero asini, (costruzione grammaticale un po' involuta).