Secondo Dialogo/Scena dodicesima

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
SCENA DODICESIMA
1528
← Scena undicesima Edission e fonte ▼
SCENA DODICESIMA
MESSER ANDRONICO, ZANE, poi BILORA

ANDRONICO  Chi diavolo xe sta bestia che va da ste ore smorbizando per le contrae? Qualche imbriago? Col malàn che Dio ghe dia, e la mala Pasqua, che i me ha fato muover quanto sangue ho adosso. Che pagherave una bela cossa esser signor de note, e catarli, chè ghe darave ben altro ca susine. Àldistu? Ti no aldi, Zane?

ZANE  A son chiloga.

ANDRONICO  No vegnír. Resta a casa, fa compagnia a Dina, e vième a tuòr può ale quatr'ore e porta el feràl, sastu?

ZANE  A vegnirò icsí prest quant a porò, no 'f dé fastidi.

ANDRONICO  El xe meio che vaga de qua, perché passerò el tragheto colà, e sí sarò là in un trato. Zane, sera la porta.

BILORA  Ah, te magne el morbo, vecio strassinò, tuò... tuò...

ANDRONICO  Oh! fío belo, oh! fío belo... Ohimè, ohimè, fuogo, fuogo, fuogo! Ohimè, che son morto... Oh traditor! Fuogo, fuogo... Ohimè che muoro e son morto...

BILORA  Fuogo, fuogo! A te 'l parerè ben dal culo mi el fuogo, dame mo la mia fémena. Te la diivi lagàr stare. Poh, moa a cherzo che 'l sea morto mi. Mo no 'l sbate pí nè pè nè gamba. Poh, l'ha tirà i lachiti elo. Miedio, bondí. L'ha cagò le graspe, elo! Te l'hégi dito?



IL FINE.

in vinegia, Appresso Stefano de Alessi,

alla Libraria del Caualletto, in Calle della

Bissa, al ponte de san Lio.

1 5 5 6
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Secondo_Dialogo/Scena_dodicesima&oldid=56615"