Pagina:Trieste vernacola.djvu/63

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.

Maschere senza maschera,
No solo in carneval ne spuntè fora,
Ve vedo anche in quaresima,
Col fredo, cola piova, cola bora.
25E fra i tanti che passa e no rifleti
Ai drami dele strade,
Ghe xe quei che ve meti
Fra le più svergognade. -
Ma no! la dona del fazzoleton
30No xe l'aventuriera
Che se remena1 sempre torziolon
A San Bastian o drio dela Bariera!2
Co la bati sui vetri de un cafè
E la fa bazilar3 quei che xe drento,
35In quel bater ghe xe
Forsi la poesia de un sentimento...
Forsi xe una morosa
Dal cor tenero e bon
Ma pien de gelosia,
40Che lesta, de scondon,4
La ga robà la ciave del porton
Per corer svelta in strada a far la spia
Se el su' amante ziveta
Con qualche smorfioseta;
45E qualche volta - afar anche più serio -
Scopri el fazzoleton
I fili al adulterio.

  1. che se remena, che si aggira senza meta
  2. a San Bastian o drio dela Barriera, contrade ove si aggirano, a sera tarda, le farfalline
  3. la fa bazilar, fa ammattire
  4. de scondon, di soppiatto.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Trieste_vernacola.djvu/63&oldid=65802"