Pagina:Trieste vernacola.djvu/31

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


PER NOZZE


Che i me diga salvadego e grobiàn1
Poco me importa, no devento rosso;
Filo caligo e pan ghe ciamo al pan;2
4Son quel che son nè go mascare adosso.

Vu de Venezia sè, mi de Piran,
Donca parlarve fiorentin no posso;
Mènego, vegnì qua, deme la man,
8Trent'ani xe passai che ve cognosso.

Vu geri biondo, mi moro perfeto;
Gavemo tuti do cambià color,
11Ma verde xe restà sempre l'afeto.

Son pare e nono, e de sto dopio amor,
Che con quel de marì forma el terzeto,
14Le contentezze ve auguro de cor.

  1. salvàdego, selvatico; grobiàn, ruvido: vocabolo un po' bastardo, derivante, evidentemente, dal tedesco grob.
  2. filo caligo: filar caligo vale pensare con insistenza a cose tristi e trarne cattivi pronostici.