Pagina:Trieste vernacola.djvu/30

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.





Se trenta almanco dei setantasie
Ani che avè tirarve zo podessi
Col bon augurio de ste rime mie,
4La gloria dove mai la mandaressi!

Ma nel son dele vostre melodie
Vive tanta virtù che dovaressi
Durar quanto dei mondi le armonie
8E divertir con Dio i anzoli stessi.

Cossa diseu de sto moderno andazzo
De la musica? Xela in progredir?
11No disè gnente?... Vu ridè? furbazzo!1

Za le musiche i fa de l'avenir,
Co i canti sofegai nel so strombazzo,2
14Ma vu tute le avè da sepelir!


Il dialetto di questi versi è più istriano o veneto che triestino, come quello di quasi tutti i poeti di Trieste anteriori al 1870.

  1. furbazzo!, furbacchione!
  2. strombazzo, frastuono.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Trieste_vernacola.djvu/30&oldid=65757"