Pagina:Sonetti fatti adesso da nevo da un de Sottoriva.djvu/4

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


de suggetti pi sustantievoli, che n'è 'l me: dall'altra po ho pensà, che donde amanchesso el licoro del me pizzolo inzegno per impiro el gran brento da i meriti de V. S. Lustr. le con la so benignità supplirao fin su de sora dalla brocca; doncha sotto el lomo de quella vegna in luso allegramente sta mia opera, la quala, se ben l'è fatta, con ho ditto, così via la, alla carlona, la prego a guardar pi tosto alla sencerità dell'anemo, e alla bona volentà de chi ghe la presenta, che alla qualità del presento.


Se pos qualconsa, stago sottoriva
Permezo a quei che fà la sgolaiva.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Sonetti_fatti_adesso_da_nevo_da_un_de_Sottoriva.djvu/4&oldid=65297"