Pagina:Sonetti fatti adesso da nevo da un de Sottoriva.djvu/3

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



AL MOLTO MAGNIFICO
E LUSTRO SIGNORO

EL SIG. CONTE BAILARDIN
NOGAROLA.


L'è costumo, Mag. Signoro, e si è consa c'hà del bon, che quando un galant'homo metto in luso un so humoro, el lo indrizza a qualche so amigo, ò patron, azzo che sotto el so lomo el sia defeso da g'invidiosi, che giè a ponto con le so lengue tanti schioppi, e spontoni, che dà in ti fianchi de i fadighè vertuosi; e perche ancha mi ho habbu anemo de far scudo, e bastion a sti me versi, pi volte me son anda pensanto sotto qual lomo i disesso far comparero: de tal sorto, che de tanti me Signori e patroni, a i quali ghe son affettionà servidoro, m'è sempro sta fitto in la fantasia V. S. Lust. alla quala dedico dapara co'l chero sta mia bassa fadiga. Da una banda no m'aldegava a far presento sì da peco a un tanto Signoro, respetto che l'è degno

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Sonetti_fatti_adesso_da_nevo_da_un_de_Sottoriva.djvu/3&oldid=61513"