Pagina:Sonetti fatti adesso da nevo da un de Sottoriva.djvu/10

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


                    O persone scaltrie
Guardeve da questor fei star in la,
167No giè senceri, giha guasto 'l pala.
                    Quelor mò che non l'ha
Sto bon vedero, che i tega giocchiali,
170Quei ch'è boni, a cognosro i bordonali:
                    S'andemo a gali a gali,
Con diso el grego, vedaremo a fatto,
173Perche 'l tempo chiarisso el savio e 'l matto.
                    Guardeve da quel gatto
Che denanzi ve lecca, e fa bellin,
176E po de dre ve sgraffa, ò che sassin.
                    Quelle, c'ha el mal vesin,
Le laga far à Dio, che sa ben faro,
179Che à tempo e lego el giha da castigaro.
                    La zenzania ha da staro
Sempro messià con el formento bon,
182Fin'à quel dì, che vegnarà el patron
                    A faro el balanzon,
Dal giusto el spartirà la falsità,
185E la bosia via dalla verità.
                    Cosi alla carità
No ghe porà la maledetta invidia,
188Gne superbia, gne gola, ira, gne acidia:
                    E à quelor c'ha perfidia,
Paravit illis Deus ignem æternum,
191Qui debet tormentare in sempiternum.
                    Vaga doncha in infernum
Sti maledetti; e à la invidia cagnina,
194Zadesso ghe'l dirò à la Fiorentina.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Sonetti_fatti_adesso_da_nevo_da_un_de_Sottoriva.djvu/10&oldid=65293"