Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/77

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


dialetto suo. Tutta la Favola è in cinque Atti in terza rima, con i Cori, ed è dall'Autore dedicata al celebre Giureconsulto padovano Marco Mantova.” (Mazzuchelli).)

Il Tradimento Amoroso, Comedia nova non meno piacevole che ridiculosa di Biagio Maggi; Padova, Bolzetta, 1604. In 8.vo.

In questa Commedia, la cui scena è in Padova, e padovano n'è l'autore, sono introdotti due Bari che usano del loro gergo, ed altri personaggi che parlano nel dialetto veneziano, nel rustico padovano ec.

I falsi Dei, Favola pastorale piacevolissima di Ercole Cimilotti Estuante, Accademico Inquieto. Pavia, Giambatt. Rossi, 1619, in 12.mo); e Venezia, Alessandro de Vecchj, 1630. In 12.mo.

”Amendue queste edizioni tono ristampe di questa veramente lepida Favola, dove sono introdotti il Pantalone, il Burattino, il Graziano, il Zanni ec. È in verso sciolto di undici sillabe, ma di tre soli Atti. In breve è un guazzabuglio” (Quadrio).

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/77&oldid=66458"