Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/45

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



2. Matricola de' Pittori scritta il dì 11 di Ottobre 1441, Capo XXXVIII.

Dobbiamo a Tommaso Temanza la pubblicazione di questo principio di Legge o Parte (Mariegola) inserita nelle Nuove Memorie di Stor. Letter. ec. Ven, Fossati, 1761, Vol. V., in 8. c. 18, ad oggetto di far osservare l'antichità della introduzione dell'arte di far Carte e Figure stampide in Venezia prima che in Toscana. Osservò esso Temanza, che «quel dirsi (come vedremo) che tale arte fosse in deffection cioè in decadenza, ci rende avvertiti, che prima del 1441 foss'ella in istato florido, e che i nostri Artefici molto ne profittasero: cose tutte assai anteriori al tempo di Maso Finiguerra. Io ho un forte sospetto, che sin dal principio di quel secolo qui si lavorassero stampe in legno. Certi pezzi laceri di stampe grossolanamente impresse da me veduti, che rappresentano qualche antica situazione di questa nostra Laguna, me l'hanno svegliato. Io ce n'ho, potrei farli vedere» ec.

MCCCCXLI adi XI Otubrio. Conciosia che Carte et Mestier de le Carte e Figure stampide, che se fano in Venesia è uegnudo a total deffection, e questo sia per la gran quantità de carte da Zugar, e fegure depente stampide le qual uien fate de

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/45&oldid=59623"