Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/246

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Oltre che ti sii un intrigo,
Ti ghe fà, come el calìgo,
16Scuro e spuzza (con perdon).

Che col cimbano la Folöe
Cogia far, come fà tante,
Canti e salti da Bacante,
20L'è to' fia, no ghe xè mal;

Come, gnanca, straordinarïo,
Che scaldàda e messa in chiazzo,
Per trovar qualche ragazzo
24La se mèta a scavalar;

Forsi, ancora, perdonandoghe,
Se, per Noto, una cavrèta
La deventa lassivèta,
28Co' darente la lo gà;

Ma, una mare! e ben decrepita!
Co le rose e i galanèti!
Co quei canti e quei balèti,...
32La fà proprio stomegar;

Tanto pèzo, quei gran càlici,
Che in t'un sorso ti te svodi,
E che par che ti te godi
36Fin la fezza de chiuchiar.

Basta, Clori, alfin, resolvete,
Chiò una roca, e de la lana
De la mègio Luceriana,1
40E desponite a filar.

  1. Luceria, Cità de la Pugia, ora Capitanata, che dava la più bela lana a quei tempi.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/246&oldid=65222"