Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/242

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


40Che lo spenze sempre in sù;

E mi' in vece, picolissimo,
Stàgo a basso, come l'ava,
E me scondo in t'i boschèti,
Supegando de i fiorèti
45Per dar fòra un fià de miel;

Ma sti cibi cussì languidi
Porta drìo la conseguenza,
Che i mï versi no gà lena,
E che ocòre un'altra vena
50Per chi in alto vol svolar.

Toca a tì, cantar d'un Cesare
Quando in Roma pien d'alòri,
Seguità da i so' soldài,
Co i Sicambri sogiogài1
55Tornarà quà vincitor;

Sì, quel dono distintissimo,
Che n'à fato i santi Numi,
E che un simile tesoro,
Se tornasse l'età d'oro,
60Mai al mondo vegnirà;

Descrivendo le baldorie,
E le publiche alegrèzze
Decretae per quel bel zorno
Che sarà quà de ritorno
65Quel eròe tanto bramà.

E anca mì, se sarà lecito,
Dirò a zonta: O sol benigno
Che l'Augusto ti ne rendi,
Quanto, ancùo, più ti resplendi
70Perchè tuto vada ben!

  1. Popoli che abitava quèla parte de la Germania che se ghe dise Gheldria.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/242&oldid=65219"