Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/217

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


di volermi sferzare, ascoltami bene: Non desistere dal farlo, se 'l credi, ma non lasciar però (il che dev'esser proprio degli uomini onesti) di accordare una picciola nicchia, fra le tue critiche osservazioni, a quel pocolino di buono che per avventura fosse in alcuna di queste tante strofette: fa di porre in pratica il tanto noto proverbio veneziano: Un'onta e una ponta.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/217&oldid=65199"