Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/215

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


buon grado la offerta; ed ecco le Odi a te dinanzi stampate. Pensai di aggiugnervi alcune noterelle nello stesso dialetto, in fatto di mitologìa o di storia, a rischiararne alcuna, alleviando, a chi ne ha mestieri, la briga di andar in traccia d'altre spiegazioni. Niente mi sono trattenuto sulle bellezze del notissimo Lirico, nato diciotto secoli fa. Se n'è già detto abbastanza, e chi volesse saperne, troverà bene di che saziarsi nelle innumerevoli traduzioni italiane, non preterendo peraltro, a mio parere, quella del marchese Gargallo, le cui note, oltre al merito singolare di un'eccellente traduzione, porgono, a vero dire, un cumulo di osservazioni, estese con somma intelligenza di causa e con dottissima penna.

Io conosco benissimo che l'opera mia sarebbe fuor di dubbio di gran lunga meglio riuscita dalla maestra mano del sig. Buratti; ma

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/215&oldid=65197"