Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/190

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Da montar no ti g'ha,
30E sempre a pie ti va?
    No vedistu, gramazza,
Che 'l Vizio è pien de bezzi
E che 'l tripudia e sguazza;
E ti, coi to sempiezzi
35No ti g'ha gnente in man,
E ti xe sempre al can?
    Le dignità e i onori,
Che doverìa esser toi,
Le grazie, i gran favori,
40Li ha solo aseni e boi;
E ti, co le to strazze
Ti va per le scoazze.
    Va là, tel torno a dir,
Sui cardeni lusenti
45El netare a sorbir
Coi to amici e parenti;
Là ti averà trastulo,
Qua tuti te g'ha in culo.


9. Zanchi, Alessandro, La Regata di Venezia, Commedia. Venezia, Molinari, 1825. In 8.vo.

Di questa Commedia, in cui è usato il vernacolo più popolare, si sono in Venezia vedute sin a 18 continuate rappresentazioni. Nell'Aggiunta al Teatro Applaudito, pubblicato dallo Stampatore Rosa in Venezia, havvi altra Commedia del signor Zanchi in vernacolo, d'un Atto solo, il cui titolo è: Mai più Gobi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/190&oldid=65189"