Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/189

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


nella edizione delle Poesie di Valerio da Pos; Venezia, Picotti, 1822, in 8.vo.


SATIRA ALLA VIRTÙ.


    Vertù, ti doveressi
Esser deboto stufa
D'aver sempre processi,
De star sempre in barufa
5Col Vizio, che a ogni costo
Te vol robar el posto.
    Al tribunal dei mati
La vostra lite pende;
El Vizio ha megio pati
10Perchè 'l g'ha bezzi e 'l spende;
El g'ha trope aderenze!
Al certo che 'l la venze!
    E ti, povera sbrisa,
Chi vostu che te assista,
15Se no ti g'ha camisa
O, se ti l'ha, l'è trista?
Tàchete al me consegio,
Mola, che sarà megio.
    Mola, e va su le sfere
20Dove ti xe nassua;
Za qua ti ha perso l'ere,
No ti è più cognussua,
E no ti xe stimada
Per una gazarada.
    25No vedistu, minchiona,
Che 'l Vizio va in carozza
Amà da ogni persona;
E ti, gnanca una rozza

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/189&oldid=65188"